La torre di Tanabrus

Did you miss me?

La coda di lettura

Continua a leggere

Annunci

5 agosto 2012 Posted by | Abraham Daniel, Blisset Luther, Dostoevskij Fedor, Dumas Alexandre, Erikson Steven, Esslemont Ian, Hamilton Leurell K., Haviaras Adam Alexander, Kipling Rudyard, Lewis Joseph Robert, Lianke Ian, Matheson Richard, Nix Garth, Robinson Kim Stanley, Rossoni Osvaldo, Sedia Ekaterina, Stephenson Neil, Tolkien John Ronald Reuel, Tzu Sun, Ugrešić Dubravka, Valenza Fabrizio, White Kiersten, Wong David | 7 commenti

Resti mortali

Autore: Laurell K. Hamilton
Editore: TEA
Prezzo: € 8,60
Pagine: 358

Era passato più di un anno dall’ultimo libro di Anita Blake che ho letto. E che era anche il secondo che leggevo.
Questo non perchè non mi fossero piaciuti i primi libri letti, ma perchè non riuscivo a trovare questo volume, che tralasciando le date di pubblicazione sarebbe il secondo della serie.
E visto che leggere una serie in maniera cronologicamente disordinata mi causa un profondo malessere, ho accantonato l’intera saga in attesa di trovare questo secondo libro (e di ricordarmi di cercarlo e prenderlo, ovviamente).

Bene, ora posso dire che è stata una fatica inutile visto che potremmo quasi definirlo uno spin-off. O uno speciale.
Infatti, benchè si inserisca tra Nodo di sangue e Il circo dei dannati la trama della serie rimane sullo sfondo.
C’è Jean-Claude che gira intorno ad Anita, certo, ma è una presenza discreta che non interferisce con questa storia.

Perchè questa storia non riguarda Anita e il suo rapporto con i vampiri. Riguarda invece il suo lavoro di Risvegliante, e cioè gli zombies. Continua a leggere

20 agosto 2009 Posted by | Hamilton Leurell K. | , , , , | 8 commenti

Mi ero dimenticato…

…che questo è periodo di sconti diffusi, non solo di 20% sul fantasy in lingua inglese.
Così, ricordatomi delle varie offerte e sopratutto della Tea, ho fatto qualche aggiunta all’ordine.

Come qualcuno forse avrà intuito, arriverà Scelti dalle tenebre della Rice.
E lo seguiranno Morty l’apprendista (Mondo Disco, ti concedo una seconda possibilità) e Resti mortali della Hamilton.
Resti mortali avevo un obbligo morale a comprarlo, visto che da un anno ho fermo in attesa Polvere alla polvere, sempre di quella serie, ma non ho mai osato leggerlo visto che viene dopo questo volume.

E al riguardo… qualcuno saprebbe spiegarmi come mai, della saga di Abhorsen di Nix si trovi benissimo il primo volume, Sabriel. Si trovi benissimo il terzo volume, Abhorsen. Ma non si trovi nemmeno a piangere il volume centrale, Lirael?
No, perchè anche Abhorsen riposa mogio da ottobre dello scorso anno sulla mia libreria, ma di trovare Lirael non c’è verso. Nemmeno su ibs.

Va a finire me lo cerco in inglese e aggiro l’ostacolo…

Ah, e con questo anche oggi salta un post che vorrei fare da un paio di settimane riguardo l’ultimo libro di Goodkind… se domani esco da lavoro presto lo faccio nel pomeriggio, altrimenti venerdì se torno vivo da Firenze.

15 luglio 2009 Posted by | Hamilton Leurell K., Pratchett Terry, Rice Anne | , , , , , , , | 11 commenti

Novità di gennaio

Per fortuna, sono poche le nuove uscite che trovo interessanti. Sia lodato il Guardiano per questo (si, sto leggendo il settimo libro della Spada. E si, per ora il commento è molto simile a quello del quinto…)

Ecco i prescelti del mese.

La corona di spade (La ruota del tempo), di Robert Jordan (Fanucci, 944 pagine, € 16,90).
“Rand al’Thor, il Drago Rinato, si prepara ad attaccare il Reietto Sammael, e al tempo stesso si adopera per reprimere la ribellione portata avanti dai nobili di Cairhien. Con l’aiuto degli Asha’man, Rand dovrà affrontare Sammael per conquistare la corona di Illian, un tempo nota con il nome di Corona d’Alloro e ora chiamata Corona di Spade. Egwene al’Vere e Siuan Sanche tentano di mettersi atta guida delle Aes Sedai ribelli a Saidar e contrastare il gruppo comandato da Elaida nella Torre Bianca di Tar Valon. Intanto, nella città di Ebou Dar, Elayne Trakand, Ninaeve al’Meara e Mat Cauthon sono ancora in cerca del ter’angreal, il solo mezzo con il quale sarebbe possibile bloccare l’innaturale clima torrido che il Tenebroso ha gettato  sul mondo. Il Popolo del Mare sarà loro alleato nella ricerca e nello scontro con un Gholam.”

Visto che seguo la serie nella versione economica (tascabile non riesco a chiamarla), finalmente ecco il settimo volume della saga. Lo prenderò di sicuro.

Il drago di ghiaccio, di George Martin (Mondadori, € 9,00).
“Adara è una bambina di sette anni. È nata il giorno più gelido dell’anno più freddo, un freddo che ha ucciso sua madre il giorno del compleanno della bimba. Da allora Adara ha sempre vissuto un’esistenza isolata. Presa in giro da tutti, ignorata dalla sua stessa famiglia. Come unico amico un drago di ghiaccio, una leggendaria creatura di quelle terre, che tutti temono, tranne lei. Ma l’arrivo dei guerrieri del Nord, venuti per annientare le pacifiche terre dei cittadini, mette fine all’isolamento di Adara. Lei e il suo drago sono l’unica speranza di salvezza. “

A quanto ricordo dovrebbe essere una specie di racconto\fiaba, ma ne avevo sentito parlare abbastanza bene. Non così tanto da comprarlo a prezzo intero, ma se me lo trovassi davanti in libreria\fumetteria in questa versione, l’acquisto potrebbe starci.

La corona di Lytar, di Carl A. de Witt (Armenia, 512 pagine, € 18,50)
“Un vessillo — un grifone in campo dorato — e una profezia, ecco cosa rimane di Lytar, un tempo capitale di un antico regno, e della sua portentosa magia. Pochi sopravvissero alla sua distruzione e i loro discendenti, con l’andare del tempo, si credettero dimenticati dal mondo. Dopo secoli trascorsi in pace, Lytar viene brutalmente assalita. L’attacco viene respinto ma gli abitanti di quello che è diventato un piccolo villaggio sono atterriti e confusi: come è riuscito il nemico a raggiungere la loro sperduta vallata, e perché li ha attaccati?”

Questo potrebbe essere interessante, ma prima cercherò notizie e commenti.

Resti mortali, di Laurell Hamilton (TEA, 358 pagine, € 8,60)
“Resuscitare i morti (per un breve periodo) era considerato magia nera. Ma ormai è diventata un’operazione di routine, almeno per Anita Blake: tracciare un cerchio, uccidere una capra o un gallo e… voilà! Il caro estinto può finalmente chiarire a chi intendeva “davvero” lasciare il suo castello oppure testimoniare contro il suo assassino. Ma se il defunto in questione è tale da qualche centinaio di anni, la faccenda si complica. Non basta più un animale; ci vuole un sacrificio umano. E Anita non è disposta a uccidere nessuno, neppure per un milione di dollari. Tanto infatti le è stato offerto e tanto lei ha rifiutato, per la disperazione del suo capo all’Animators’ Inc. Faccenda chiusa? Niente affatto.”

Il secondo libro della saga di Anita Blake, anche se da noi è stato pubblicato come sesto. Probabilmente se lo troverò mentre sono in fumetteria me lo prenderò.

Intanto settimana prossima mi arriverà una piccola scorta di libri utili ad allietare queste tristi giornate di studio selvaggio:
L’ombra della profezia, Il gioco dell’angelo e The graveyard book che erano anche nella lista dei “buoni propositi” per questo 2009;
L’ultimo elfo e Il cimitero senza lapidi che già da un po’ volevo prendere;
e alcuni titoli in inglese (si, ormai ho varcato la sottile linea rossa, ahimè), più precisamente Acacia (consigliato da Rothfuss nel suo blog, vediamo se aveva ragione), The amulet of Samarkand e The tales of Beedle the bard.
Più un libro top secret, che scaramanticamente non rivelo per ora.

14 gennaio 2009 Posted by | De Witt Carl A., Hamilton Leurell K., Jordan Robert, Martin George, Nuove pubblicazioni | , , , , , , , , , , , | 5 commenti

Novità di ottobre

Questo mese non sembrano esserci molti titoli interessanti (per me, almeno) in uscita. Meglio, visto che ho ancora una lista dei desideri considerevolmente lunga… ma vediamo cosa arriverà in libreria ad ottobre.

Il destino dell’assassino, di Robin Hobb (Fanucci, 785 pagine, 19,50 €)
Un tempo assassino del re, FitzChevalier è adesso al servizio della piccola banda del principe Devoto, che veleggia verso un futuro incerto quanto le acque che separano i Sei Ducati dalla lontana isola di Aslevjal. Il suo dovere è aiutare il principe a portare a termine la sfida lanciatagli da Elliania: portarle la testa del drago Icefyre, che le leggende dicono sia sepolto nel ghiaccio. Solo dopo che questa missione sarà completata, si potranno sposare e porre fine alla guerra tra i due regni. Ma non tutti sono contenti che un principe straniero cerchi di uccidere il drago Icefyre. E perché Elliania tiene tanto alla sua morte? La storia di Fitz e del suo amico, il Matto, raggiunge la sua spettacolare conclusione in II destino dell’assassino: le ardue prove che devono affrontare saranno necessarie per salvare l’esistenza stessa dei Sei Ducati.

Sicuramente sarà un gran bel libro, ma non lo posso prendere visto che ho cominciato la Hobb in economica. E tralasciando l’asimmetria che creerebbe il passaggio da un’edizione all’altra, sopratutto sono molto indietro con la lettura. Devo ancora finire la prima trilogia dei Lungavista… ma di sicuro merita.

Morty l’apprendista, di Terry Pratchett (Teadue, 210 pagine, 8,00 €)
Mortimer, detto Morty, non ha le idee chiarissime su quel che vuol fare da grande. Almeno fin quando non diventa l’apprendista di un insolito maestro: la Morte, proprio quella con la falce, in persona. Una volta appurato, con notevole sollievo, di non dover essere necessariamente morto per poter svolgere il lavoro, Morty si appassiona alla nuova materia, anche se ben presto scoprirà che essere apprendista della Morte non è poi così romantico e affascinante come sembrava. Pericoli e sfide terribili lo attendono, forse troppo grandi anche per lui, il predestinato.

Il mio primo approccio con il Mondodisco non è stato dei migliori, ma il personaggio della Morte è stato tra le cose che mi sono piaciute dei più… ci potrei fare un pensierino, se me lo ritrovassi davanti in libreria.

Un bacio nell’ombra, di Laurell K. Hamilton (Teadue, 522 pagine, 8,60 €)
Merry Gentry vive a Los Angeles e lavora in un’agenzia investigativa specializzata in crimini sovrannaturali e casi di magia. Fin qui nulla di strano, in un mondo in cui elfi, fate e altri esseri incantati convivono da millenni con gli umani. Il problema è che, dietro quella minuta ragazza dall’esistenza apparentemente normale, si cela Meredith NicEssus, principessa dei Sidhe, fuggita dal regno di Faerie perché sua zia Andais, la terribile regina, voleva ucciderla. Merry deve assolutamente mantenere segreta la propria identità e, per tre anni, la copertura funziona. Finché un’indagine su un uomo che usa un potente afrodisiaco magico per conquistare e soggiogare le donne non la porta a scoprirsi.

Primo libro della seconda saga della Hamilton. Sempre di invegastrice si tratta, ma le somiglianze con Anita Blake sembrano finire qui… anche qui potrei dargli una possibilità.

1 ottobre 2008 Posted by | Hamilton Leurell K., Hobb Robin, Nuove pubblicazioni, Pratchett Terry | , , , , , , , , , , , | 4 commenti