La torre di Tanabrus

Did you miss me?

Sanctuary

Autore: Azzolini, Beccalario, Cassini, Clun, Dimitri, Falconi, Furchì, Giannone, Randall, Redivo, Rizzo, Romagnoli
Editore: Asengard
Prezzo: € 3,49
Pagine: 317

Trama

Sanctuary è una città sterminata, dai mille angoli e dai mille misteri, della quale non si vedono i confini.
Una metropoli dagli innumerevoli volti e dagli altrettanti passati, che ha visto centinaia di epoche intervallarsi l’una dopo l’altra, senza sosta. Un luogo dove si intrecciano storie di persone normali ed esseri soprannaturali, chiamati diversi e reietti, perseguitati dalla Loggia e costretti a vivere nell’ombra.
Sanctuary è una città dove è facile incontrare streghe metropolitane che svolgono i loro sabba all’ombra di uno skyline di vetro e cemento; mutantropi in fuga tra i bassifondi cittadini; Dèi mischiati agli uomini, in cerca delle loro antiche origini, assieme a creature mostruose che si aggirano in cattedrali sotterranee, fra elfi e nani, goblin e orchi, demoni e angeli.
Sanctuary è molte voci in una sola: è tante menti e tante memorie raccontate in un unico, magico libro.

Continua a leggere

Annunci

17 marzo 2011 Posted by | Azzolini Luca, Beccalario Pierdomenico, Cassini Solomon Troy, Clun Franco, Dimitri Francesco, Falconi Francesco, Furchì Fabrizio, Giannone Michele, Randall Cecilia, Redivo Fabiana, Rizzo Egle, Romagnoli Antonia | 4 commenti

Incipit – Sanctuary: La casa dei millepiedi

Dopo il brevissimo prologo di Azzolini -che non dice granché e anzi lascia perplessi- si parte con il primo racconto, quello di Beccalario.
Questo incipit è opprimente, evoca un’afa assurda. E poco altro, però.
Andando avanti ci saranno ben altre tematiche che non il caldo, che fino a ora nella lettura non ho più ritrovato.
In compenso abbiamo un tripudio di virgole, che fortunatamente nel proseguio non mi sembrano rimanere così numerose… mi ha quasi ricordato Salgari, per la generosità nell’elergirle.
Comunque, un incipit che non dice granché e non attira.

Continua a leggere

8 marzo 2011 Posted by | Beccalario Pierdomenico, Incipit | 2 commenti