La torre di Tanabrus

Did you miss me?

Resti mortali


Autore: Laurell K. Hamilton
Editore: TEA
Prezzo: € 8,60
Pagine: 358

Era passato più di un anno dall’ultimo libro di Anita Blake che ho letto. E che era anche il secondo che leggevo.
Questo non perchè non mi fossero piaciuti i primi libri letti, ma perchè non riuscivo a trovare questo volume, che tralasciando le date di pubblicazione sarebbe il secondo della serie.
E visto che leggere una serie in maniera cronologicamente disordinata mi causa un profondo malessere, ho accantonato l’intera saga in attesa di trovare questo secondo libro (e di ricordarmi di cercarlo e prenderlo, ovviamente).

Bene, ora posso dire che è stata una fatica inutile visto che potremmo quasi definirlo uno spin-off. O uno speciale.
Infatti, benchè si inserisca tra Nodo di sangue e Il circo dei dannati la trama della serie rimane sullo sfondo.
C’è Jean-Claude che gira intorno ad Anita, certo, ma è una presenza discreta che non interferisce con questa storia.

Perchè questa storia non riguarda Anita e il suo rapporto con i vampiri. Riguarda invece il suo lavoro di Risvegliante, e cioè gli zombies.

E’ probabilmente uno zombie la creatura che sta facendo stragi in città, massacrando e divorando povere famigliole e costringendo agli straordinari la Spook Squad e quindi anche Anita.
E’ uno zombie antico ciò che un individuo molto ricco e privo di scrupoli vuole costringere in tutti i modi a far risvegliare da Anita, incurante del fatto che per un tale risveglio sia necessario un sacrificio umano  e che lei, ovviamente, non abbia intenzione di farlo.
Si occupa di zombies, ovviamente, Dominga Salvador, madrina del voodoo potentissima e molto interessata ai poteri di Anita.
E si occupa di zombies anche John Burke, stregone voodoo giunto a St. Louise per il funerale del fratello Risvegliante.

Un bell’intrico di zombies, risveglianti e voodoo, che diventa presto abbastanza chiaro e che non tiene mai realmente col fiato sospeso visto che si ha sempre l’impressione che il deus ex-machina Jean-Claude possa sempre intervenire da un momento all’altro.
Comunque è scorrevole e piacevole, privo di parti superflue che potrebbero annoiare.

Voto: 6/10

Annunci

20 agosto 2009 - Posted by | Hamilton Leurell K. | , , , ,

8 commenti »

  1. Non conosco l’autrice ma l’argomento potrebbe essere stimolante.
    Zombi visti in maniera un po’ diversa dal solito, voodoo, stregoni… insomma, in un periodo di vampiri obbligatori almeno una variante è sempre la benvenuta.
    Interessante.

    Commento di Bruno | 20 agosto 2009

  2. Resti Mortali a mio parere è, ad oggi, il miglior libro dell’intero ciclo di Anita Blake.
    Non è vero che è fatica sprecata leggerlo nell’ordine giusto, te ne accorgerai se vai avanti perché ci sono spesso e volentieri dei riferimenti agli eventi di questo libro.

    Commento di CMT | 21 agosto 2009

  3. Mah, nel Circo ho trovato vaghissimi riferimenti che non mi hanno assolutamente rovinato la lettura.
    Quando metterò le mani sul quarto libro (e potrò quindi finalmente leggermi il quinto, che da mesi riposa nella libreria) cedrò se rispuntano fuori accenni al voodoo e agli zombies (magari torna Bourke, questo ci sta)

    Commento di tanabrus | 21 agosto 2009

  4. Ma infatti io ho detto “andando avanti”, nel Circo è già difficile trovare riferimenti agli eventi che stanno accadendo in quel momento 😀
    Comunque non è che ci sia niente di tanto importante da impedire la lettura se non conosci gli eventi di Resti Mortali, ma di sicuro sapere di cosa si sta parlando quando vengono fatti determinati accenni aiuta. ^_^

    Commento di CMT | 22 agosto 2009

  5. Finalmente hai recuperato! La saga della Blake è un crescendo. Il mio preferito è senza dubbio “Dono di Cenere”. Anche perché vengono finalmente spiegate le gerarchie “vampiresche”.

    PS: Ora però recupera anche i volumi mancanti della Rice, in edizione TEA 😀

    Commento di Luca Centi | 22 agosto 2009

  6. Con calma e tempo farò tutto… come diceva un mio compagno di squadra quando facevo atletica, “con tanta pazienza e un po’ di vasellina, l’elefante si ingroppò la formichina” 😀

    Commento di tanabrus | 23 agosto 2009

  7. Questa frase me la segno! E’ stupenda XD

    Commento di Luca Centi | 23 agosto 2009

  8. Guarda, andando avanti con Anita Blake altro che elefanti e formichine… -__-

    Commento di CMT | 24 agosto 2009


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: