La torre di Tanabrus

Did you miss me?

Varie ed eventuali

Avviso: il post sarà un poco lungo.
Ci sarà un piccolo aggiornamento su che fine ho fatto, una piccola news su un progetto futuro molto vicino nel tempo, e poi una carrellata di varie ed eventuali che ho messo da parte in questi giorni di lontananza dal blog.
Continua a leggere

10 settembre 2011 Posted by | Adams Douglas, Asimov Isaac, Barker Clive, Borges Jorge Luis, Burroughs Edgar Rice, Collins Suzanne, Donoghue Emma, Dostoevskij Fedor, Duncan Glen, Finney Jack, Hoffman Paul, Huxley Aldous, Ishiguro Kazuo, John Carter, Jordan Robert, Kadrey Richard, Kipling Rudyard, Lowry Lois, Matheson Richard, McDonald Ian, Moorcock Michael, Morgenstern Erin, Morrison Grant, Motorhead, Petrosjan Mariam, Puella Magi Madoka Magica, Rothfuss Patrick | 15 commenti

Non lasciarmi

Autore: Kazuo Ishiguro
Editore: Einaudi
Prezzo: € 12,00
Pagine: 291

Trama

Kathy, Tommy e Ruth vivono in un collegio, Hailsham, immerso nella campagna inglese. Non hanno genitori, ma non sono neppure organi, e crescono insieme ai compagni, accuditi da un gruppo di tutori, che si occupano della loro educazione. Fin dalla più tenera età nasce fra i tre bambini una grande amicizia. La loro vita, voluta e programmata da un’autorità superiore nascosta, sarà accompagnata dalla musica dei sentimenti, dall’intimità più calda al distacco più violento.
Una delle responsabili del collegio, che i bambini chiamano semplicemente Madame, si comporta in modo strano con i piccoli. Anche gli altri tutori hanno talvolta reazioni eccessive quando i bambini pongono domande apparentemente semplici. Cosa ne sarà di loro in futuro? Che cosa significano le parole “donatore” e “assistente”? E perché i loro disegni e le loro poesie, raccolti da Madame in un luogo misterioso, sono così importanti?
Non lasciarmi è prima di tutto una grande storia d’amore. E’ anche un romanzo politico e visionario, dove viene messa in scena un’utopia a rovescio che non vorremmo mai vedere realizzata. E’ uno di quei rari libri che agiscono sul lettore come lenti d’ingrandimento: facendogli percepire in modo dolorosamente intenso la fragilità e la finitezza di qualunque vita.

Continua a leggere

7 marzo 2011 Posted by | Ishiguro Kazuo | 5 commenti

Incipit – Non lasciarmi

 

L’incipit di questo libro attira granché.
Certo, tira in ballo assistenti e donatori ma non incuriosisce particolarmente.
La storia però dovrebbe essere parecchio interessante, con cloni umani creati e cresciuti in un ambiente protetto, educati, controllati. E gestiti in modo tale da avere un donatore disponibile in caso di necessità dell’individuo originale.
Una carriera di assistenti prima, di donatori poi.
E prima? Cosa accade tra l’infanzia e l’accettazione di quel loro ruolo? Come vivono questi cloni, cosa sognano, che speranze hanno?
Vediamo se il libro sarà all’altezza delle aspettative.

 

Continua a leggere

28 febbraio 2011 Posted by | Incipit, Ishiguro Kazuo | Lascia un commento