La torre di Tanabrus

Did you miss me?

Twice upon a time


 

Alla fine è arrivato il tanto atteso e temuto Speciale Natalizio del Dottore.
Lo speciale che, già lo sapevamo, ci avrebbe portato a salutare Peter Capaldi e il suo Twelve, e ad accogliere tra noi il Thirteen di Jodie Whittaker, il primo Dottore di sesso femminile nella storia dello show, con tutto ciò che ne conseguirà.
Un passo ovvio e scontato per la filosofia della serie, un passo difficile e coraggioso viste le reazioni anche di molti fan a questo annuncio.

Addio Peter, e grazie per il tuo Dottore.
Benvenuta Jodie, sono impaziente di vedere come sarà il tuo Dottore. O Dottoressa?

Avremo modo e tempo di ragionarci…

Che dire invece dello speciale?

A livello di storia è sottile, sottilissimo. Poco più di una scusa per poterci fare dire addio a Peter, a Moffatt e a un’intera era.
E lo fanno tirando in ballo il primo Dottore, qui raffiguranto nei suoi momenti finali, quando non vuole rigenerarsi.
Così come Twelve, dopo tutto. E i due si trovano, si incontrano, danno vita alle classiche incomprensioni e buffonerie di quando due versioni del Dottore si incrociano. Risolvono il sottile mistero che li ha portati a incontrarsi, e poi proseguono le loro vite.

Ma insomma… One incontra Twelve! E visivamente One è perfetto!
E poi abbiamo Nardole  e Bill, e pure Clara (momento lacrimuccia).
L’esordio di Jodie, che ci fa chiedere “e ora come diavolo faccio ad aspettare così tanto???”.

E sopratutto abbiamo il discorso finale del Dottore.
Che rivaleggia con quello rifilato agli Zygon…

 

 

Oh, there it is. Silly old universe. The more I save it the more it needs saving. It’s a treadmill.

Yes, yes, I know they’ll get it all wrong without me.

Well, I suppose… one more lifetime won’t kill anyone. Well, except me.

You wait a moment, Doctor. Let’s get it right. I’ve got a few things to say to you. Basic stuff first.

Never be cruel, never be cowardly. And never ever eat pears! Remember – hate is always foolish…and love, is always wise.

Always try, to be nice and never fail to be kind.

Oh, and… and you mustn’t tell anyone your name. No-one would understand it anyway. Except…

Except… children. Children can hear it. Sometimes – if their hearts are in the right place, and the stars are too. Children can hear your name.

But nobody else. Nobody else. Ever.

 

Laugh hard. Run fast. Be kind.


Doctor – I let you go.

 

Annunci

27 dicembre 2017 - Posted by | Doctor Who | , , , , , ,

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: