La torre di Tanabrus

Did you miss me?

Inside Out


 

Formato: Digitale
Lingua: Inglese
Prezzo: € 3,68
Pagine versione cartacea: 320
Data di pubblicazione: 2010
Saga: Insiders
Inside Out (2010)
Outside In (2011)

Non avevo grandi aspettative riguardo a questo libro, immaginandolo niente di più dell’ennesimo elemento nella corrente distopica YA “alla Hunger Games”.

Tendenzialmente avevo ragione, ma forse proprio per questo, per le aspettative notevolmente basse, la lettura non è stata una delusione.

Intendiamoci, il libro ha molte pecche.
A partire dalla protagonista, che è l’elemento diverso in un mare di uniformità perenne e che alla fine si scopre essere l’unico elemento uniforme in un mare di spiriti ribelli che si fingono uniformi, che è quella che non si fida di nessuno ma si fida di tutti, che è quella che non sa niente ma sa tutto…
Poi abbiamo gli altri personaggi, spesso con conoscenze e capacità che vanno oltre tutto ciò che dovrebbero essere in grado di fare e sapere. Cioè, se vivi come uno schiavo e sei monitorato, se quello che impari è deciso dai controllori, come fai a diventare genio tecnologico superiore agli studiosi dei “piani superiori”? Dove trovi i libri, o anche solo i materiali per sperimentare?
Dove si creano certe reti?
E poi la sicurezza che, come puntualizza giustamente la protagonista stessa, è bucabilissima, inefficente, inutile.

I condotti dell’areazione che conducono ovunque e sono percorribili fanno pensare a un misto tra film d’azione anni novanta e videogioco. Troppo comodi e utili per essere realistici.

Alla fine in questo libro l’unico colpo di scena è stato la rivelazione sull’Outside e sulla milionesima settimana, tutto il resto è abbastanza piatto e prevedibile.
Ma il libro alla fine non è pessimo, perché se lo approcciamo consapevoli di cosa non sia, possiamo goderci una lettura veloce, leggera e senza pretese, grazie a una scrittura scorrevole e rapida. Sicuramente non sono interessato a leggerne il seguito, comunque.

Annunci

3 settembre 2015 - Posted by | Uncategorized | , , , , ,

3 commenti »

  1. La prima cosa che ho pensato vedendo il post è stata: “Il nuovo film pixar è tratto da un libro?” XD

    Commento di Francesca | 3 settembre 2015

  2. Pure io, anche se al contrario… avevo visto da tempo il libro, quando ho saputo del film ho pensato “cosa? La Pixar fa un cartone su una storia distopic YA???” 😀

    Commento di tanabrus | 3 settembre 2015

  3. Beh, l’hanno fatto su quel racconto dell’orrore che era la storia di Biancaneve… 😛

    Commento di Francesca | 7 settembre 2015


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: