La torre di Tanabrus

Did you miss me?

Il pendolo di Focault


 

Formato: Digitale
Lingua: Italiano
Prezzo: € 1,99
Pagine versione cartacea: 704
Data di pubblicazione: 1998

 

Il libro comincia male, con uno stile ampolloso, difficile da leggere, con salti che non si seguono.
Impiega un bel po’ a ingranare e a mostrare una trama vera e propria, e a quel punto anche lo stile diventa più chiaro, più fruibile.

La storia parla dei miti moderni, delle teorie del complotto, degli ordini segreti, dei grandi Misteri.
E parla di un gruppo di amici, colleghi in un paio di redazioni quantomeno dubbie, che oltre a fornirci uno scorcio della prima editoria a pagamento ci mostrano anche un passo successivo.
L’occultismo e il complottismo stanno diventando di moda? Allora giochiamo al loro gioco, e diamogli ciò che vogliono. Non sarà tanto difficile tirare fuori una teoria che copra tutto, un Piano come i tanti che spopolano nelle sette esoteriche, ma ben ancorato a tutti i fatti reali, no?

Un cabalista, un editor e un umanista, con una tesi sui templari alle spalle e un lavoro di cacciatore di biblioteche.
Uniti poco a poco nel creare il grande Piano.

Un Piano ineccepibile, talmente ancorato alla realtà da diventare esso stesso reale, da alimentare i miti stessi che lo avevano generato.
Una morale sull’animo umano e su come nascano certi complottismi.

La storia è interessante, il problema di fondo è che anche dopo che l’ampollosità degli inizi scompare, molto spesso restano nel ilbro tante, troppe parti in cui l’autore si perde in descrizioni metafisiche che rischiano spesso di addormentare il lettore e che in alcuni punti si arriva a saltare a piè pari.

Non avevo apprezzato molto lo stile di Eco con Il nome della rosa, ma all’epoca lo avevo letto per obbligo al liceo e pensavo potesse essere quello il motivo dell’antipatia.
Adesso è passato parecchio tempo, ho letto questo libro per scelta personale e posso confermare le impressioni di allora: ottimi spunti, ottima conoscenza storica a supportare la trama, grande capacità di intrattenere quando decide di mettersi, ma stile troppo pesante, spesso indigeribile.

Malgrado ciò, la storia ha toccato le corde giuste per quanto mi riguarda, al punto da farmi passare sopra allo stile senza troppe lamentele.

Annunci

27 giugno 2015 - Posted by | Eco Umberto | , , ,

3 commenti »

  1. Sei stato fortunato che ai tempi della scuola ti abbiano obbligato a leggere Il nome della rosa, a me è capitato di peggio (Zola e Verga in primis, pesanti ai massimi livelli…il Verismo ha avuto il suo motivo d’essere, ma sobbole che macigno…)
    Le storie di Eco sono valide, peccato per lo stile che avrebbe bisogno di più sintesi, ma questo è il marchio di fabbrica dell’autore.

    Commento di M.T. | 27 giugno 2015

  2. Mi è toccato anche Verga, così come Svevo.
    Ma anche Pirandello, D’Annunzio e Poe… poteva andarmi peggio.

    Commento di tanabrus | 30 giugno 2015

  3. Ti dirò che, ancora oggi, nell’editoria italiana, funziona proprio così.
    Neanche a me era granché piaciuto questo libro, se vuoi comunque provare un Eco “fruibile” prova con Baudolino

    Commento di Munky | 2 luglio 2015


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: