La torre di Tanabrus

Did you miss me?

Scritto nel sangue


 

Autore: Andrea Fabio Alfonso
Formato: Digitale
Lingua: Italiana
Prezzo: copia fornita dall’autore
Pagine versione cartacea: 298
Data di pubblicazione: 2015

 

Si tratta, per ammissione dell’autore, di un “fantasy poliziesco”.
In pratica un poliziesco in un’ambientazione fantasy, che si traduce nella presenza di ladri, guardie e intrighi.

Il protagonista, Dog, è un ladro abilissimo noto come “Mezzanotte”, e in breve tempo si è fatto una notevole reputazione nella città di Gholan. La città dove ogni tanto spunta un misterioso individuo noto con l’affettuoso nome di “Massacratore”, che piomba su ignare vittime e le squarta con perizia e con una tecnica misteriosa.

La storia si mette in moto quando arriva a indagare sul Massacratore il Capitano-Commissario Vorat, un ufficiale del corpo al servizio del re.
E allo stesso tempo un semplice furto commissionato a Dog si trasforma in un disastro, con il Massacratore comparso sulla scena, la sua presenza scoperta in anticipo e il tutto culminato in una fuga rocambolesca con ostaggio incorporato.

Ovviamente per tutto il libro le vicende di Dog, di Vorat e del Massacratore si intrecceranno tra loro (e con quelle della famiglia Baxton, dove Dog aveva tentato il furto, dove aveva trovato il capofamiglia morto e dove aveva rapito per salvarsi la pelle la figlia del defunto nobile).

Questo libro ha pregi e difetti.
I difetti principalmente risiedono nello stile, che sopratutto all’inizio non mi ha convinto particolarmente. Essendo un’opera di esordio può essere comprensibile, ma in alcuni punti quando comparivano delle descrizioni cariche di informazioni elargite al lettore la cosa mi dava un po’ di fastidio.
Non mi ha convinto del tutto neanche la facilità con cui tutte le tessere sono cadute in rapida successione al loro posto, né la spiegazione finale gratuita.

Questi i lati deboli.
Ma ci sono pregi.

Intanto il ritmo, che è buono pur essendo una storia di stampo, come si è detto, poliziesco.
Poi abbiamo un paio di colpi di scena relativi al fato di alcuni personaggi, e sono colpi inattesi.
C’è poi l’enigma dell’identità del Massacratore, che coglie di sorpresa.
E poi abbiamo il sistema “magico”, basato sul sangue. Una “magia” che affonda le sue origini in antichi esperimenti alchemici, la cui riuscita ha lasciato in eredità al mondo una piaga mortale ma anche la possibilità che (per via ereditaria) alcuni individui manifestino questi poteri.
Un sistema di poteri affascinante e originale, non per niente nei ringraziamenti viene citato un non tanto misterioso Brandon, grande esperto di sistemi magici originali e meravigliosi.
Altra nota positiva la graduale conoscenza che otteniamo di questo mondo, del Maelstrom al suo centro che fa ruotare i continenti provocando così l’avvicendarsi delle stagioni ma anche costringendo gli spostamenti ad avvenire in modi ben precisi, in mare. Un mondo che appare intrigante, tra il vortice, le lotte con l’Impero, i vari Regni, gli Ematici e i Mortiferi. E che immagino verrà ripreso in un futuro libro, sarebbe un peccato far morire qui questa ambientazione appena accennata.

In definitiva un buon esordio, una piacevolissima sorpresa.

 

Annunci

14 giugno 2015 - Posted by | Alfonso Andrea Fabio | , , , , , , , ,

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: