La torre di Tanabrus

Did you miss me?

La contessa di Cagliostro


Autore: Maurice Leblanc
Formato: Kindle
Lingua: Italiano
Prezzo: € 1,99
Pagine versione cartacea: 2280
Data di pubblicazione: 2012

Questa bella storia ci mostra l’inizio della carriera di Lupin, i suoi albori.
Finora quello che sapevamo era che da bambino, a sei anni, aveva rubato i gioielli della padrona di casa per vendicare la povera madre, e questo ci era stato detto in uno dei primi racconti.

Ma da allora cosa era successo?

Scopriamo che Lupin, ormai adolescente, vive sotto il nome di Raoul d’Andrèsy, pur avendo un secondo nome da parte di padre, quell’Arséne Lupin con cui sarà noto in tutto il mondo.
Già da giovane avverte di essere chiamato a grandi imprese, e si spinge oltre i propri limiti per saggiare le proprie forze. Non sa ancora cosa diventerà, se qualcosa di buono o di cattivo, se sarà Raoul o Arséne Lupin.
E’ innamorato di una ragazza, l’innocente e devota Clarisse d’Etigues, il cui padre non ne vuole sapere della proposta di matrimonio fatta da questo ragazzo comparso dal nulla.

Così Lupin, oltre a proseguire clandestinamente la propria relazione con Clarisse, spia il padre dell’amata per trovare il modo di aggirare il suo divieto.
E così scopre che insieme ad altre persone importanti sta progettando un omicidio, spronato dal misterioso Beaumagnan. L’omicidio di una donna di cui sono tutti terrorizzati, la bellissima e seducente contessa di Cagliostro che pare avere tra le mani il segreto dell’immortalità e che, come loro, è alla ricerca di un favoloso tesoro nascosto da alcuni frati molto tempo prima.
La donna è accusata di aver sedotto e ucciso due membri del gruppo, oltre ad avere tentato la stessa manovra con Beaumagnan stesso.
Condannata senza appello, viene salvata dal giovane Raoul\Lupin che però se ne innamora follemente.

E lei in questo ragazzo coraggioso, ardito e scaltro riconoscerà prima un suo simile, poi un suo pari e infine l’amore.
Tra i due l’amore è tempestoso e irresistibile, ma mai completo. La passione è suprema, ma le due persone non sono mai realmente vicine l’una all’altra. Troppi i segreti tra di loro, interposti tutti dalla contessa di Cagliostro, Josephine Balsamo.
Qual’è il suo segreto? Chi è realmente?

Poco a poco Raoul dipanerà questi misteri, mentre si inserirà nella corsa all’oro tra l’amata e Baumagnan, scoprendo il lato malvagio della donna e maturando, sia come uomo che come ladro, diventando il maestro dopo aver subito durissime lezioni dalla donna che idolatrava.

Già si intravedono le doti di comando e i piani geniali che lo renderanno immortale, la raffinatezza del ragionamento è già lì pronta all’uso.
E allora come in futuro sarà suscettibile all’amore femminile, sia questo la passione irresistibile per l’esperta seduttrice o l’amore tenero e puro per la ragazza amata, la madre di suo figlio.

Un figlio che, scopriamo, è stato rapito dalla sua vecchia amante ora nemica mortale. Un figlio e una nemica che sta cercando tutt’oggi, ormai vedovo da tempo e orfano del proprio figlio, conosciuto in tutta la Francia come Arséne Lupin.

 

Una storia molto, molto bella che fa luce sui primi passi della leggenda.
Una storia che, per il nome, mi ha fatto subito pensare al film di Miyazaki di Lupin III, Il castello di Cagliostro.

Quali analogie potevano esserci tra questa storia di Lupin e quella storia del suo lontano erede?
Poche, ben poche.
C’è un legame con i primi passi del ladro (è la seconda avventura di Lupin, quella che lo forma e lo rende la persona che conosciamo; e scopriamo che Lupin III era stato nel castello di Cagliostro agli albori della sua, di carriere, quando si stava facendo un nome), e c’è la figura di Clarisse, sempre pura e dolce.
Però nel libro Clarisse è una d’Etigues, acerrima rivale della Contessa di Cagliostro per il cuore di Raoul\Lupin.
Nel film è una Cagliostro, riluttante promessa sposa del Conte.
Non c’è alcuna Contessa, non c’è il tesoro dei monaci ricercato da tre gruppi di persone, Cagliostro è una nazione e non la figura affascinante vissuta in Francia.
Ben pochi punti in comune, insomma, più che altro si tratta di un enorme omaggio ai libri di Lupin.

Annunci

15 gennaio 2015 - Posted by | Leblanc Maurice | , , , , , , ,

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: