La torre di Tanabrus

Did you miss me?

Il preliminare di EURO cup: Petrolul


Posta in arrivo_  In arrivo

E si arriva all’esordio ufficiale, il doppio incontro con il Petrolul in EURO cup.
I tifosi danno per scontata la vittoria, al che io tocco ferro sapendo che le cose potrebbero andare anche molto male.

Il modulo è ovvio, 4-2-3-1 con i nuovi acquisti sulle fasce, Icardi davanti, Hernanes in cabina di regia, difesa titolare. L’unica novità è data dai due centrali: Medel è squalificato e Guarin ancora infortunato, quindi spazio alla coppia Khrin-Kuzmanovic.
Kovacic in panca visto che in mediana, con una formazione così offensiva, mi serve qualcuno che usi il randello.

Cominciamo subito forte.
Al terzo minuto Vidic lancia lungo a scavalcare la difesa avversaria servendo perfettamente Icardi in area, tiro al volo e palo pieno. Brividini di paura lungo la schiena.
Passano due minuti, altro lancio di Vidic, Colazo entra in area e crossa per Trozki, colpo di testa che termina a lato.
Noi attacchiamo bene e teniamo ottimamente il campo, gli ospiti tentano solo con tiri dalla distanza che non si avvicinano ai pali difesi da Handanovic.
Al 19° Icardi ruba palla a centrocampo innescando il contropiede di Hernanes, che scarica a sinistra su Colazo, cross per Trochowski che incrocia sul secondo palo, 1-0 per noi. Gran merito del goal è di Colazo, davvero inarrestabile sulla fascia.
Al 21° ancora Colazo, che serve questa volta Icardi. Il portiere devia in corner.
Al 23° ciò che non ci si poteva aspettare: mentre noi cerchiamo il 2-0 della tranquillità, i rumeni partono in contropiede con Nauiu che supera Vidic, tentenna davanti a Handanovic e infine si produce in un tiro così sbercio che sarebbe finito lontano dalla porta. Non avesse colpito in pieno capitan Ranocchia cambiando totalmente la direzione e entrando in rete. Il tabellino assegnerà l’autogoal all’incolpevole Ranocchia, ma sopratutto la cosa ci taglia le gambe.
Al 27° Icardi segna ma è in fuorigioco, rete giustamente annullata.

Il primo tempo si chiude sul punteggio di parità, ottime le prove dei nuovi esterni, sottotono Icardi davanti agli occhi del suo ct, giunto appositamente a Milano per studiarlo così come accade del resto a Kuzmanovic, osservato speciale di Katanec.

Il secondo tempo si apre come era terminato il primo, noi che attacchiamo prevalentemente con Colazo e finiamo in corner o sui pali.
Anche Colazo infatti di testa centra una traversa al minuto 51.
Dentro D’Ambrosio e Juan Jesus per i doloranti Jonathan e Ranocchia, proprio il neo entrato D’Ambrosio rischia il pasticcio al 69° quando perde palla malamente. Per una volta siamo fortunati e anche i rumeni colpiscono il palo.
Tento a gettare nella mischia anche Kovacic ma non riusciremo più a impensierire il portiere avversario.

1-1, partita alla fine brutta, abbiamo subito più del dovuto e anche al netto della sfortuna dovevamo fare assolutamente di più.
Ora ci tocca vincere al ritorno.

Inter - Petrolul_ Campo Dividi

 

Nel frattempo mi occupo di Juan Jesus (che vorrebbe anche lui andare in Spagna per giocare la Champions, e pure a lui prometto di arrivare in zona Champions o di lasciarlo partire), di alcuni ragazzini che si lamentano di doversi allenare, del Real che dopo aver perso la supercoppa europea vince quella spagnola distruggendo l’Atletico.

E poi subito con la testa al Petrolul, che bisogna vincere a tutti i costi o la mia avventura rischia di finire prestissimo.

Stessa formazione dell’andata, non posso permettermi errori.
Solo, dentro Guarin al posto di Kuzmanovic.

La partita è più tattica, i padroni di casa si scoprono poco e le occasioni faticano ad arrivare.
Al 13° Hernanes serve il solito Colazo in area, di testa la mette al centro per Icardi che per una volta è rapace e insacca. 0-1 per noi, al momento siamo qualificati e la gara si mette in discesa.
Il primo tempo finisce senza altre emozioni, ottime le prove di Jonathan, Guarin, Icardi e Nagatomo. Un po’ sottotono Vidic e Trochowski.

Il secondo tempo comincia con una bella azione argentina sull’asse Colazo-Icardi che finisce in corner, e dieci minuti dopo è ancora Icardi a mandare di poco alto di testa su cross dalla destra di Hernanes.
Al 61° tolgo uno stremato Trochowski per inserire Kovacic, che si posiziona nel ruolo di trequartista con Hernanes che scende in mediana e Guarin che prende il posto del russo.
Però passano tre minuti e avviene di nuovo l’impensabile, il pareggio del Petrolul. Punizione innocua che però si perde in barriera e finisce proprio sui piedi di Lungu, che è da solo e non ha problemi a segnare. Sarebbe fuorigioco netto, ma Nagatomo era appostato sul palo e teneva in gioco l’avversario.

La miseria! Tutto da rifare, ma la partita è legnosa.
Al 72° dentro Ibarbo per Guarin, che non era ancora al 100% dopo l’infortunio.
All’85° bellissima azione di prima tra Kovacic, Hernanes, Ibarbo e Icardi ma il portiere riesce a mettere fuori.
Al 90° sfioriamo la vittoria ma il tiro di Ibarbo si spegne sul palo.

Si va ai supplementari, cosa che a pochi giorni dal match di esordio del campionato contro il Sassuolo non fa certo piacere, ma adesso non possiamo permetterci il lusso di pensare al domani.

Al 102° un difensore rumeno tocca di mano durante una mischia in area per un calcio d’angolo. E’ rigore, Icardi batte e segna il suo secondo goal odierno.
Al 107° fuori Colazo, che non si regge più in piedi, e dentro Kuzmanovic a difendere il risultato.
Al 109° Handanovic salva un goal fatto.
E al 114° Kovacic chiude la partita lanciando ottimamente in contropiede Ibarbo, che supera i difensori ma viene ipnotizzato dal portiere che respinge… sulla respinta piomba il regista croato che segna. 1-3 e partita finita.

E’ stata molto più dura del previsto, anche grazie alla sfortuna, e le prospettive non sono rosee.
La difesa sembra reggere, al netto di goal casuali che sembriamo prendere.
Colazo a sinistra è una forza della natura, dovrò trovare il modo di far coesistere Kovacic ed Hernanes senza sbilanciare la squadra. E Icardi sembra finalmente entrare in forma, speriamo duri.

Petrolul - Inter_ Campo Dividi

 

Ora si tratta solo di sperare che i ragazzi recuperino in fretta, che il Sassuolo è alle porte e sarà una partita molto più dura di questa.
Ma intanto si procede in EURO cup, godiamoci gli aspetti positivi della situazione.

Annunci

14 gennaio 2015 - Posted by | Football manager 2015, Videogames | , , , ,

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: