La torre di Tanabrus

Did you miss me?

Le ultime, inutili amichevoli


Posta in arrivo_  In arrivo

 

Dopo l’ennesimo pareggio in amichevole, arrivano buone notizie dalle urne.E’ stato sorteggiato il nostro avversario in EURO cup per il preliminare, si tratta dei rumeni del Petrolul.
Una rapida occhiata ha mostrato quattro soli giocatori di spicco, uno dei quali è anche infortunato.
Non dovrebbero esserci problemi, comunque a una decina di giorni dalla prima partita decido di cambiare strategia per le amichevoli: ne restano tre, l’ultima a ridosso dell’incontro di andata, e quindi nella prima schiererò quanti ancora devono trovare il ritmo partita, nella seconda una possibile formazione di coppa, e nella terza chi non giocherà di sicuro.

La prima amichevole ci vede impegnati in Turchia contro il Besiktas. Senza Guarin, che in allenamento si è fatto male e forse tornerà ad allenarsi in tempo per la seconda partita di qualificazione. Sembrava strano fosse così in forma…
Schiero il 4-4-2 alto, dalla cintola in su stessa squadra della partita precedente ma la retroguardia è rivoluzionata: Berni tra i pali, sulle fasce Dodò e D’Ambrosio, al centro Juan Jesus e Andreolli.
La sfida sembra giocarsi sui ribaltamenti di fronte, noi arriviamo bene nella loro area grazie a Colazo e Kovacic ma poi Icardi spara sul portiere. Loro attaccano a destra, sfondando agilmente su Dodò che si fa saltare in ogni modo possibile e immaginabile. Voglio poter annullare questo trasferimento indecente!!
La svolta si ha quando Icardi, invece di tirare sul portiere, si fa atterrare in area. Rigore, che realizza lui stesso segnando una rete epocale (cioè la sua).
Come reagirà l’universo a tale evento?
Spingendo il Besiktas.
Che pareggia subito con un’azione assurda, in cui un traversone innocuo diventa letale quando Dodò tergiversa, giocherella, balla con l’avversario fino a perdere palla, e pari.
E mentre Icardi e Ibarbo continuano a mangiarsi reti, i turchi passano in vantaggio su corner: Dodò copre il primo palo, spazza ma colpisce male e la palla finisce a pochi metri di distanza, in piena area di rigore, dove Suso ringrazia e scarica in rete. Berni, degno compare di merenda di Dodò, resta immobile sullo stesso palo coperto da Dodò e bucato da Suso.

Alla fine del primo tempo siamo sotto per 2-1, i migliori dei nostri sono stati Kovacic e Icardi, i peggiori Ibarbo, Dodò e D’Ambrosio.

Tengo in campo tutti, che ora non si tratta di vincere ma di entrare in forma.
E subiamo in sequenza altre tre dico tre reti.
Due in velocità, con la difesa saltata con una facilità irrisoria (Andreolli è ormai in crisi, infatti verrà sostituito con Campagnaro mentre Mbaye prenderà il posto di D’Ambrosio, stremato), uno invece dal solito buco nero Dodò.

Però riusciamo anche a segnare il 5-2, grazie al neoentrato Bonazzoli che lancia Ibarbo. E questa volta non spara sul portiere, ma lo salta entrando in porta con la palla. Son progressi.
Alla fine bene Bonazzoli e, incredibilmente, Ibarbo che ha ribaltato l’orrendo primo tempo; male, malissimo la difesa di riserva in toto, con Dodò orrore degli orrori.
No, Nagatomo è imprescindibile, non posso darlo via.

Be_ikta_ - Inter_ Campo Dividi

 

A seguire, prima dell’incontro in casa con il Porto del mai rimpianto ex Quaresma, mi dedico a qualche bega burocratica.
Una riunione con lo staff mi rivela altri giovincelli che vorrebbero fare i Balotelli e si lamentano di doversi allenare. Segno i loro nomi sul taccuino, uno di loro è in scadenza e non sarà assolutamente rinnovato.
Invece rinnovo (o almeno imbastisco le trattative per il rinnovo) il contratto a Jonathan, che sta facendo abbastanza bene (e vista la possibile futura partenza del samurai, lui deve esserci) e a qualche giovane di belle speranze.

Poi passo a compilare la lista per le due partite di EURO cup.
Convoco tutta la prima squadra, tranne gli infortunati Guarin e Palacio, e aggiungo alla rosa le ali Baldini e Camara. Bonazzoli e Mbaye al momento sono considerati già prima squadra.

Arriva il match.
4-4-2 con esterno destro basso (Jonathan), in difesa tornano Nagatomo, Vidic e Ranocchia, tra i pali Handanovic, in mediana Khrin e Hernanes.
La partita è dura, il Porto dialoga bene a centrocampo ma ha la mira di Icardi bendato. Dall’altra parte non incidiamo e fatichiamo a renderci pericolosi.
Alla fine segnano loro nel secondo tempo, con un attaccante appena entrato, bello fresco, che supera in contropiede in velocità Vidic e Ranocchia.
Poco dopo Icardi supera il portiere ma un difensore si immola salvando il risultato, e quando sul finire di gara il colpo di testa di Jesus termina tra le braccia del portiere si capisce che è destino, pace.
Comunque ci togliamo la magra soddisfazione di causare un rigore con Medel, e di vedere Handanovic pararlo all’ex di turno Quaresma.

Seconda amichevole consecutiva persa, anche la terza probabilmente sarà una disfatta visto che i titolari non giocheranno.
Ma in questa gara si è vista una solida fase difensiva, ottimi Handanovic, Ranocchia e Jonathan.
Purtroppo contro squadre più solide si è visto che Icardi e Ibarbo scompaiono, bisognerà pensare al ritorno al tridente dietro l’unica punta…

Inter - FCP_ Campo Dividi

 

Prima della terza amichevole viene giocata la supercoppa europea.
E, surprise surprise!, vince il Siviglia.
Ottima la partita di Cristiano Ronaldo, ma a deciderla è Bacca autore anche della rete del momentaneo pareggio. Prima che un errore del nuovo acquisto madrileno Caceres consegnasse la coppa ai rivali.
Benissimo!

Rinfrancato da questa notizia preparo l’amichevole contro una squadretta iberica, riempiendo di U20 sia il campo che la panchina.
Le uniche eccezioni sono Berni tra i pali, la difesa formata da Dodò, Andreolli, Campagnaro e D’Ambrosio, Obi a centrocampo (ma come mediano), Bonazzoli in attacco e, in panchina, Kovacic, Mbaye e Kuzmanovic.

Ovviamente c’è tanta inesperienza in campo, e i padroni di casa passano per primi con Morgado dalla distanza, Berni immobile spiazzato da una leggera deviazione di Campagnaro.
Ma poi la squadra cresce, Baldini sfiora diverse volte il goal e godiamo anche del vantaggio morale di un goal fantasma segnato da Puscas nel secondo tempo, servito dal neo entrato Kovacic.
Ma il goal ormai è nell’aria, e lo segna proprio Puscas dopo una bella triangolazione con D’Ambrosio.

Alla fine è pareggio, ottime le prestazioni di D’Ambrosio, Dodò, Kovacic, Andreolli e del baby Puscas.
Un po’ deludenti l’ala destra Camara e il regista Delgado.

Ora, archiviate queste partitelle, si può rivolgere il pensiero alle prime gare che contano realmente…

Annunci

13 gennaio 2015 - Posted by | Football manager 2015, Videogames | , , ,

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: