La torre di Tanabrus

Did you miss me?

Il ladro di fulmini


 

Autore: Rick Riordan
Formato: Kindle
Lingua: Italiana
Prezzo: € 1,99
Pagine versione cartacea: 361
Data di pubblicazione: 2005
Saga: Percy Jackson e gli Dei dell’Olimpo
Il ladro di fulmini (2005)
Il mare dei mostri (2006)
La maledizione del Titano (2007)
La battaglia del labirinto (2008)
Il libro segreto (2009)
Lo scontro finale (2009)
Percy Jackson and the singer of Apollo (2013)

Mi sono avvicinato a questo libro senza pretese e senza aspettative.
Immaginavo fosse una mezza cavolata scritta cavalcando l’onda lunga di Harry Potter, allontanandosi dalla magia e tirando invece in ballo la mitologia greca (idea affatto malvagia, anzi!, e che offre innumerevoli spunti…) ma speravo di venire contraddetto.
L’aver trovato in offerta il libro a meno di due euro mi ha aiutato a decidere di dargli una possibilità.

Purtroppo però mi sono ritrovato a confermare le impressioni iniziali.
L’idea di fondo è buona, o almeno lo potrebbe essere (gli Dèi esistono, non sono mai scomparsi, solo che non sono più in Grecia ma si sono spostati con l’Olimpo in America, visto che restano dov’è la civiltà occidentale… solo che ora cercano di dare meno nell’occhio. E continuano a copulare come conigli con i mortali, da cui il fiorire di mezzidei che i mostri amano cacciare e uccidere prima che questi crescano abbastanza da venire riconosciuti, individuati, addestrati e usati per cacciare mostri leggendari). E il ritmo dell’avventura non è malaccio, c’è abbastanza azione da non fare addormentare il lettore e da condurlo rapidamente alle pagine finali.
Questo però, per quanto mi riguarda, è tutto quello che ho trovato di buono nel libro.

Perché posso sorvolare sulla banalità e sulla prevedibilità della storia, posso passare sopra al fatto che il giovane Percy che studia i più oscuri miti ed eroi dell’antica Grecia non riconosca le Norne al chioschetto lungo la strada… ma l’assenza di introspezione psicologica (arrivato in fondo al libro ancora non so che carattere abbia Percy, a parte che vuole bene alla mamma e odia il patrigno, ed è amico del satiro Grover) no, non la posso ignorare.
Come non posso trascurare il fatto che la storia, raccontata in prima persona da Percy fin dal titolo dei capitoli, non mi entusiasmi per niente, anzi tenda ad allontanarmi dal libro.

 

No, francamente penso che per quanto mi riguarda l’incontro con Percy Jackson finisce qui…

Annunci

19 ottobre 2014 - Posted by | Riordan Rick | , , , , , , , , , ,

2 commenti »

  1. Benché mi appassioni la mitologia greca, dopo la lettura di qualche brano ho evitato di proseguire: una lettura gradevole, leggera, ma come dici tu, mancante d’introspezione.

    Commento di M.T. | 19 ottobre 2014

  2. Peccato perché come concetto aveva ottime potenzialità

    Commento di tanabrus | 22 ottobre 2014


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: