La torre di Tanabrus

Did you miss me?

The peak of eternal light


 

Ultimo dei ventotto racconti di questa raccolta, la prova che spesso si tiene il vino buono per ultimo.
Perché questo racconto di Bruce Sterling è ottimo vino.

L’autore ci mostra la riunione tra due sposi, una riunione strana, atipica.
Poco a poco ci conduce per mano, grazie alle loro parole e a ciò che i due fanno, alla scoperta del loro mondo: Mercurio, divenuto una colonia umana come quasi tutto nel sistema solare. Una colonia scavata nel pianeta, lontana dalla Terra e dal suo stile di vita, con gente che si è adattata alle condizioni del pianeta per sopravvivere, sviluppando una propria cultura, una propria morale, un proprio codice etico.

Abbiamo matrimoni combinati e separazione totale tra uomini e donne, con brevi incontri obbligatori per espletare i doveri coniugali.
Abbiamo duelli e scienze e tecnologie avanzatissime.
Abbiamo rigidi codici morali del passato che si scontrano con l’arrivo della modernità.

Un ottimo racconto, privo di una trama portante ma quando la storia è scritta bene, quando l’ambientazione si srotola davanti agli occhi del lettore poco a poco avvolgendolo e affascinandolo, in un racconto non servono azione né storia.

Annunci

13 ottobre 2014 - Posted by | Sterling Bruce | , , , , ,

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: