La torre di Tanabrus

Did you miss me?

Ubik


 

Autore: Philip K. Dick
Formato: E-book
Lingua: Italiano
Prezzo: € 0,99
Pagine versione cartacea: 223
Data di pubblicazione: 1969

Difficile parlare di Ubik. Molto.
Anche perché, a giorni di distanza dalla lettura del libro, ancora non sono in grado di farmi una mia opinione sul finale. E sul significato di Ubik.

La trama è semplice: siamo nel futuro (che per Dick era il 1992), e la società oltre ad avere tecnologie avanzatissime ha anche scoperto l’esistenza degli esper. I telepati, i veggenti… esistono quindi gruppi che impiegano gli esper, e gruppi che impiegano i loro nemici naturali, gli inerziali (capaci di sviluppare intorno a sé un campo anti-esper che annulla i loro poteri). Il protagonista è un esaminatore di inerziali, uno dei membri più importanti della società di Runciter.
Tutto inizia quando gli viene portata una nuova ragazza da esaminare, una ragazza con un potere mai visto prima: può modificare scelte del passato, cambiando così il presente.
Arriva lei, e arriva una missione importantissima su una base lunare, talmente importante da far partecipare anche lui e Runciter stesso.

E qui comincia la discesa nei meandri dell’incubo, delle illusioni, dell’assurdo, della storia.

Perché c’è un’esplosione, e qualcuno muore.
Runciter.
I superstiti tornano di corsa sulla Terra, cercando di salvare il salvabile mettendolo in semivita, una tecnologia che iberna i morenti consentendo ai loro cari di parlare con loro quando necessario, sfruttando al massimo il poco tempo rimasto loro per vivere.
Ma qualcosa va storto, ci sono dei problemi con il porlo in semivita. Cominciano morti strane tra i membri del gruppo, il tempo sembra impazzire sorapponendo al presente il passato.
E Runciter stesso sembra comparire in visione a Joe, nella tv o sotto forma di scritte.
Suggerendogli che non sia lui a essere morto, ma tutti loro.Intrappolati in un incubo assieme a un nemico implacabile.

 

E ovviamente, una volta che pensiamo di aver risolto il mistero e capito tutto, così come Joe… beh, proprio allora Dick ci rifila un ultimo capitolo che frantuma ogni nostra certezza e ci impone di cessare la nostra inutile ricerca della Verità. Perché non c’è una Verità nè esiste una Realtà.
Perché non sappiamo chi è vivo e chi è morto, in questo mondo dove anche i semivivi, collegati tra loro a livello telepatico, sperimentano la vita.
Perché non sappiamo realmente cosa sia Ubik, se sia solo lo strumento creato da Ella o se sia presente da prima, da sempre.
Perché non sappiamo se oggi stesso potremmo trovare una pubblicità di uno spray Ubik, o di un intregatore multivitaminico Ubik, o di bacche Ubik per curare ogni male dell’era moderna.

Splendido, semplicemente un libro splendido.

Annunci

9 agosto 2014 - Posted by | Dick Philip | , , , , ,

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: