La torre di Tanabrus

Did you miss me?

Primo impatto: Majimoji Rurumo


majimoji

Anime estivo leggero ed ecchi, tratto da un manga.

Il protagonista è un ragazzo etichettato come il re dei pervertiti, famoso dalle sue parti per guardare sotto le gonne e avere giornalini porno.
Evitato dalle ragazze, in grado di avere solo amici maschi, è stato trascinato in quello che i (pochi) membri sperano possa diventare il club dell’occulto.

Durante un tentativo di evocazione di una strega, si ritrova a desiderare a voce alta un paio di mutande femminili.
Che poi trova la sera a casa sua, sulla scrivania.

Un paio di giorni dopo arriva una streghetta con il compito di ucciderlo, come riportato in piccolo in fondo al libro da cui avevano preso l’evocazione: il prezzo della realizzazione del desiderio è la morte di chi esprime il desiderio.
In più, la strega gli ha dato le sue stesse mutande. Non ne ha altre, pare, e in più se non le riavrà in breve tempo sarà punita (questa cosa è contraria alle regole) ricevendo una condanna a 130 anni di reclusione in uno stanzino. Ma in questo modo, con il contratto infranto, lui non morirà.

Shibaki è pervertito ma di buon cuore, e le rimette le mutande (a occhi chiusi) qualche secondo prima che lei venga punita.
In cambio lei evita di ucciderlo, fingendo una pena a metà.

 

Fatto per il quale, scopriremo poi, lei viene degradata da strega a demone in addestramento.
E a Shibaki viene inviato per posta un blocchetto con dei biglietti magici: esprimendo un desiderio ne brucia uno, e Rurumo compare per esaudirlo.

I primi due desideri sono stati inconsci, senza sapere cosa stesse facendo: la voleva rivedere, e poi voleva che si curasse dopo la rovinosa caduta dal cielo alla terra. Il terzo gli servirà per completare la missione affidatagli dal club, restituire alla ragazza col seno più grande della scuola il suo reggiseno (sottratto dagli spogliatoi dal presidente del club).

La notte, comunque, il gatto-famiglio di Rurumo va a visitare Shibaki per spiegargli le regole complete: nel blocco c’erano 666 biglietti, che rappresentano la sua vita. Ogni biglietto ne ridurrà la durata, e quando finirà i biglietti lui morirà.
D’altro canto solo quando lui finirà i biglietti Rurumo potrà tornare a essere una strega.
E visto il buon cuore della ragazza, lei non dovrà venire a conoscenza di questa cosa, altrimenti potrebbe rinunciare per sempre alla magia.

 

Ora toccherà a Shibaki decidere se e come usare i biglietti, sapendo che la salvezza di Rurumo (di nuovo) coinciderà con la sua morte.

 

Leggero e allegro, mi ha quasi fatto pensare a vecchi anime come Lamù.
Non penso faccia per me.

Annunci

19 luglio 2014 - Posted by | Majimoji Rurumo | , , , , , , ,

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: