La torre di Tanabrus

Did you miss me?

La notte degli umani


 

Autore: David Llewellyn
Formato: Paperback
Lingua: Italiano
Prezzo: € 12,50
Pagine: 218
Data di pubblicazione: 2013

Questa storia del Doctor Who si colloca dopo il terzo episodio della quinta stagione, L’arma di Churchill.
Amy Pond è ancora nuova al mondo del Dottore, avendo viaggiato solamente una volta nel futuro (nel Regno Unito volante sopra la balena spaziale) e una nel passato, in risposta alla chiamata di Churchill.

Risulta abbastanza facile collocare la storia temporalmente vista la sua acerbità come compagna, vista l’acerbità pure del Dottore (che ancora sembra stare sperimentando la gestualità del nuovo corpo) e visto il suo imbarazzo nel dichiararsi sposata o fidanzata, nel finale della storia quando dichiara che sarà a casa per il suo relativo “domani” (e sappiamo bene che a casa, ha un abito da sposa ed è la vigilia del suo matrimonio con Rory).

Passiamo alla storia.

Mentre leggevo mi sembrava di vedere un episodio della serie tv, anche se c’era la stranezza di Amy e del Dottore che vengono separati appena arrivati sul pianeta e si riuniscono solo alla fine, per la fuga verso il TARDIS.
Però la storia, che pure avrebbe potuto penso essere un episodio, non avrebbe creato un episodio indimenticabile.

C’è qualche assonanza con La figlia del Dottore, e pure con Utopia.

Abbiamo un mondo “discarica” popolato da strane creature come i Sollog (incroci tra ragni e lumache giganti) e sopratutto da umani, discendenti dei cinquecento sopravvissuti di un lontanissimo (nel tempo) naufragio spaziale.
Isolati da tutto e tutti da centinaia di migliaia di anni, dimentichi del loro passato, hanno ricreato una società basata sui resti tramandati di generazione in generazione.
Film western muti, il logo di un pagliaccio e il nome della compagnia per cui lavoravano i loro antenati.

Una società primitiva e selvaggia, formente religiosa.

 

Dall’altra parte abbiamo gli alieni civilizzati, i Sittum, giunti fino a lì per distruggere quella discarica spaziale prima che una cometa la colpisca causando un disastro spaziale che provocherebbe la fine di una dozzina di veri pianeti abitati.
Talmente civilizzati da avvisare gli umani dell’imminente collisione e della bomba, una volta scoperta la loro esistenza.
E da essere disarmati, consentendo ai primitivi di ucciderli per l’eresia pronunciata: dire che quella non sarebbe la Terra, confondere l’arrivo del loro Dio con la fine del mondo, voler distruggere la terra creata da Dio.

Il Dottore e Amy giungono seguendo un segnale di soccorso, ritrovandosi però divisi. Amy con gli alieni, e il Dottore con gli umani.
E mentre Amy diventerà loro alleata, il Dottore sarà tacciato di eresia e condannato a morte.

In tutto questo compare anche un avventuriero, Slipstream. Giunto al salvataggio degli alieni (con l’astronave in avaria non possono fuggire dal pianeta), del Dottore (su richiesta di Amy) e sopratutto per un proprio scopo personale. Chiarissimo dopo i primi capitoli con lui come coprotagonista.
Una storia abbastanza semplice, senza grosse sorprese salvo magari la loro totale assenza.
Niente di che, mi aspettavo di più da questo libro.
Proverò probabilmente quello successivo, ma se il livello dovesse rimanere questo penso di abbandonarne la lettura.

Annunci

13 luglio 2014 - Posted by | Llewellyn David | , , , , , , ,

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: