La torre di Tanabrus

Did you miss me?

The children


children

Finale di stagione della quarta stagione di Game of Thrones.
Uscito per la festa del papà.
Sadico Martin, sadici gli showrunners. Arrivano i colpi di scena che aspettavo una settimana fa, ma il tutto viene spesso reso in maniera un po’ differente rispetto al libro.
Meglio? Peggio, direi.

La scena principe, inutile girarci intorno, doveva essere la fuga di Tyrion.
Magari qualcuno poteva averla prevista, puntando sull’affetto fraterno di Jamie. Qualcun altro, rimasto scottato più volte, poteva pensare che la mannaia di Martin stesse calando anche sul folletto.
Di certo nessuno avrebbe pensato a cosa avrebbe fatto Tyrion Lannister prima di fuggire grazie all’aiuto provvidenziale del Ragno.

La prima nota stonata si ha quando Jamie non rivela a Tyrion l’oscura verità sul suo passato, il motivo per cui si sente sempre in debito nei suoi confronti: ovvero che la sua ex-moglie, che suo padre gli aveva svelato essere una prostituta ingaggiata dal fratello, poi data in pasto a tutti i loro soldati, non lo era. Era una popolana, davvero innamorata di lui, ed è stata distrutta da Tywin. Per averlo amato. Con lui che alla fine l’ha disprezzata, usata e cacciata. Ahio.
Da qui sarebbe partita la caccia al padre.

Invece no, sale solo per dare un saluto. Trova Shae, e lei per prima cosa gli balza alla gola obbligandolo blandamente a una resistenza che si concretizza nello strangolamento. Niente vendetta per i motteggi, niente rabbia per il tradimento e per il gigante. No, solo una blanda e ridicola autodifesa.

Poi arriva finalmente al padre, niente sottolineature sul cagare oro o sul tenere prostitute in stanza. Tyrion lo minaccia per la propria condanna, ma lo uccide perché chiama Shae puttana. Bah.
Sul finale sembra che Varys, ammoscandosi che le acque saranno molto torbide in futuro, parta con il folletto.
Interessante.

 

E gli altri finali di stagione per i singoli personaggi?

Abbiamo Daenerys che, scoprendo che Drogon ha incenerito una bambina di tre anni, porta i draghi (tranne Drogon, che è già adolescente e quindi se ne sta lontano dalla mamma… quindi solo quelli buoni e innocenti) nelle catacombe, li ammansisce dandogli da mangiare e intanto gli mette collare e catena. E poi se ne va lasciandoli lì da soli, al buio, a piangere e gridare.
Scelta molto combattuta e che ferisce duramente anche lei, si capisce che non abbia un manuale sull’addestramento dei draghi sottomano ma non sembra una scelta molto saggia, visto che i draghetti le serviranno in Westeros. E potrebbero risentirsi della prigionia e del tradimento della loro mammina.

Abbiamo al nord Jon Snow che arriva tranquillamente nell’accampamento dei Bruti, quando questi lo circondano lui alza le mani e loro lo scortano da Mance. Così, allegramente. Senza neanche perquisirlo per disarmarlo. Senza ferirlo o mutilarlo. Perché mai, mica sono in guerra.
Qualche chiacchiera felice con Mance, brindisi ai morti da una parte e dall’altra, la scoperta che i Bruti vogliono solo mettere la Barriera fra sé e gli Estranei prima di lasciarci le penne. Jon che dichiara di volerlo uccidere, non di stipulare tregue (anche perché nemmeno potrebbe, via).
E all’improvviso arrivano centinaia di soldati a cavallo, gli uomini di Stannis e Davos. Che maciullano la tenue resistenza dei Bruti e li catturano. Così, rapidi e indolori.
Ora, non erano centomila bruti? Tanti mammut, tanti giganti, stregoni, mutaforma, guerrieri abilissimi?

Non vedono arrivare schiere di soldati? Cadono subito tutti? E sopratutto, chiunque in due minuti arriva alla tenda del Re oltre la Barriera?
Penso sia di un’idiozia colossale questa cosa.
Comunque il risultato è che i Bruti sono sconfitti e catturati (su suggerimento di Jon, che Stannis degna di attenzione perché figlio di Ned Stark, il Re ascolterà le proposte di Mance), e ora tutti sono allegramente al Castello Nero a bruciare morti.

 

Poi c’è Arya.
Dopo aver mancato la madre (al Delta delle Acque) e la sorella (al Nido), chi è che finalmente la trova?
Brienne e Pod.
No, dico io, Brienne e Pod.
Con Brienne che chiede indicazioni a Arya (da sola ad allenarsi su un sasso, ché Sandor aveva da fare i suoi bisogni) per arrivare al Nido, poi le due parlano delle difficoltà di essere una guerriera in un mondo maschilista, e infine Pod riconosce il Mastino.
Mi sfugge come la vista del Mastino faccia capire a Brienne che quella bambina sia Arya Stark, resta il fatto che la ragazzina le chiede (giustamente) come mai abbia lasciato morire Catelyn, visto che a quanto dice aveva giurato di proteggerla.
E non ha sentito parlare di Renly, per fortuna!
Comunque il Mastino potrebbe finalmente darla via, ma non ci ricaverebbe alcun soldo da questo scambio e la prende per un agente Lannister (e lui adesso li odia abbastanza). Così mette in guardia Arya (che una volta associata Brienne ai Lannister non le si avvicinerebbe neanche morta) e combatte con la donna. Prima di spada, poi di calci, infine morsi, pugni, pietrate.
A vincere è ovviamente Brienne, col Mastino che cade da un dirupo col cranio già ammaccato da diversi impatti dovuti a un sasso tenuto in mano dalla dama e calato ripetutamente sulla folta chioma del disertore.
Nel frattempo Arya si è già nascosta. Aspetta Brienne sparisca alla sua ricerca, e scende a controllare lo stato del suo protettore.
Moribondo. Lui le chiede il colpo di grazia, arrivando a suggerirle di andare da Brienne, che meglio stare con lei e vivere che stare da sola e morire. Lei ignora ogni cosa che lui dice, e senza mai rispondergli gli ruba i soldi e lo lascia lì a supplicarla e insultarla.
Anche qui era meglio nel libro, con Arya che invece di rimanersene glacialmente muta lo accusava di aver lasciato morire sua madre (quando invece di tentare un salvataggio impossibile aveva steso Arya portandosela via) e quindi se ne andava lasciandolo morire lentamente e dolorosamente.
Stesso esito, ma modalità vagamente migliore, a mio avviso.
Poi Arya sfreccia via a cavallo, arriva a Padelle Salate e cerca un passaggio in barca per la Barriera. Niente da fare, stanno andando a Braavos. Allora lei mostra la monetina di ferro, dice valar morghulis e il capitano sbianca, la saluta con rispetto, risponde valar dohaeris e partono per Braavos. Vai Arya!

 

Infine, Bran.
Sono tutti stremati, Jojen cammina a stento. Ma finalmente raggiungono (di già?) la meta. Un albero degli dei bello rossastro e illuminato dal sole.
Si incamminano verso l’albero, ma “Morte ai mortali!” si sente gridare (in realtà no, ma la scena ricorda troppo il povero Ash), da sotto il terreno ghiacciato sbucano mani ossute che afferrano i piedi di Jojen buttandolo a terra. E dal ghiaccio escono guerrieri scheletri.
Niente di che, ma essendo loro armati di un coltello e poco più, eliminare degli scheletri è difficile. Non possono nemmeno tentare con il classico Fas ro dah che gli libererebbe la strada, quindi lottano con Bran che utilizza il corpo di Hodor e il povero Estate che salva il padroncino immobile e disteso a terra.
Alla fine Jojen muore in maniera ridicola, quando lo scheletro prima abbattuto da Meera estrae un pugnale dal fianco e, muovendo solo il braccio, prende a pugnalarlo più e più volte.

A questo punto esce da una grotta sotto l’albero una ragazzina strana, che lancia palle di fuoco incenerendo Jojen (toccato dagli Estranei) e scheletri per consentire agli altri di raggiungerla al sicuro.
Meera tiene il lutto per tipo tre secondi, poi tutti a seguire la ragazzina (una Figlia, così dicevano i Primi Uomini) fino al corvo con tre occhi. Che è un vecchio grande, grosso e fragile, collegato all’Albero.
Che dice a Bran che no, non gli ridarà le gambe, ma lo farà volare.

Insomma, la storyline di Bran è praticamente quasi già in pari con i libri (giusto un minimo di addestramento rimane), e con questo season finale abbiamo scoperto alcune cose, anticipazioni dai libri: Jojen non farà più niente di importante fino alla sua morte, Varys non farà più niente di importante ad Approdo del Re, la Montagna si salverà e verrà orrendamente mutato.

Un buon finale di stagione, meglio di sicuro del combattimento del nono episodio, ma che mi ha lasciato un po’ di amaro in bocca per la gestione di diverse scene.

Annunci

18 giugno 2014 - Posted by | Game of thrones, Serie tv | , , , , , , , , , , , , , ,

4 commenti »

  1. So che Varis faceva una certa cosa ad Approdo del Re, ma considerato che lo zio è praticamente inesistente nella serie tv, immagino non abbia tanta importanza…
    Sono rimasta molto perplessa dall’esclusione della storia di Tysha… e anche dal fatto che Tyrion invece di filarsela, se ne vada a spasso come un vero incosciente senza una vera e propria ragione…
    E Shae… perché invece di attaccare a coltelli e unghiate non s’è messa a urlare? Siamo seri, Tyrion è un nano, non era manco armato, se si fosse alzata dal letto e fosse corsa via cosa avrebbe potuto fare? Va bene il rancore, va bene il caratterino irragionevole che già s’era visto, ma non ti pare di esagerare un filino, cosa?

    Anche se la rivelazione su Tysha avrebbe contraddetto la molto sensata frase di Shae nella season two “dovevi capirlo che era una prostituta, nessuna donna si butterebbe subito tra le braccia di uno sconosciuto dopo essere appena stata violentata”…
    Con tutto che sapevo dei libri, pensavo quasi che Jaime stesse tendendo una trappola a Tyrion vista la scena precedente con Cersei… che pure mi lascia perplessa… tra l’altro Tyrion non ha rivelato a Jaimie che Cersei se la faceva con Lancel… e sì che mi aspettavo venisse nominato ancora, visto che era stato rispolverato dall’oblio quando Jaime chiede a Tywin se sarebbe stato Lancel a reggere il vessillo dei Lannister nelle prossime battaglie militari…

    Secondo te la cosa verrà fuori ugualmente?

    Commento di Francesca | 18 giugno 2014

  2. Belli i centomila bruti sconfitti in due minuti.

    Commento di M.T. | 19 giugno 2014

  3. In qualche modo dovranno indebolire il legame, o tenere altrimenti Jamie fuori dai piedi nel prossimo futuro. Non so se usando Lancel o cosa… La trama di Lancel in sé al momento mi pare tranquillamente saltabile nello show, ma andranno visti i piani di Martin in proposito. Se la fazione religiosa e Lancel avranno importanza in futuro, sicuramente lo avremo spesso nella prossima stasgione

    Commento di tanabrus | 19 giugno 2014

  4. Già 😡

    Commento di tanabrus | 19 giugno 2014


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: