La torre di Tanabrus

Did you miss me?

Homeland


 

Autore: Cory Doctorow
Formato: Pdf
Lingua: Inglese
Prezzo: gratuito
Pagine versione cartacea: 396
Data di pubblicazione: 2013
Saga: Little Brother
X (2008)
Homeland (2013)

In questo libro ritroviamo Marcus, il protagonista ed eroe di Little Brother (in Italia X).
E’ passato del tempo dalla loro lotta contro le agenzie governative di sorveglianza.

L’America ora è in piena recessione, i posti di lavoro spariscono a vagonate, la gente è sempre più disperata e impotente.
Nasce il movimento Occupy, i giovani hanno sempre meno prospettive per il futuro, speranze per il domani.

Anche Marcus, anche m1k31 rientra in questa descrizione.
Ha dovuto abbandonare l’università per via delle tasse scolastiche enormi e della perdita del lavoro da parte dei suoi genitori.
Non trova lavoro nemmeno lui, e l’unica certezza nella sua vita è la sua ragazza, Ange.

Ha anche bene o male smesso di stare in contatto con i suoi vecchi amici, dopo gli eventi di X e i traumi che ne sono conseguiti.

Tutto cambia quando Marcus va con Ange al Burning Man.

Qui trova un posto di lavoro, tramite uno dei fondatori dell’EFF che lo raccomanda come webmaster per un politico indipendente e liberista in piena campagna elettorale. E ritrova Masha, che in preda al terrore gli consegna una chiavetta usb con la chiave per un torrent pieno di documenti trafugati, la sua assicurazione sulla vita da rendere pubblica nel caso lei scomparisse.
Cosa che succede pochi giorni dopo, rapita dalla Johnstone (si, lo stesso villain del primo libro) alla fine del festival.

E Marcus dovrà decidere cosa fare con il materiale bollente che ha in mano.
Salvare Masha? Ma come? E come fare per evitare che la Johnstone e la polizia vengano a cercare lui, di nuovo? Ha ancora incubi e fobie dovuti al periodo passato nelle loro mani, sotto le loro torture fisiche e psicologiche, e non vuole certo sperimentare tutto questo di nuovo.

Alla fine si riavvicinerà ai vecchi amici, scopriremo il mondo delle darknet e ci ritroveremo immersi nei movimenti Anonymous e Occupy, con Marcus strattonato da più parti, marionetta nelle mani di parti contrapposte, con la necessità di fare la cosa giusta e di salvare sé stesso e i suoi amici.

Purtroppo il libro, benché più attuale e visionario del precedente (dopotutto, ha anticipato di un po’ la fuga di notizie causata da Snowden che ha aperto il coperchio sul calderone aberrante di Prism), è meno potente, meno coinvolgente.
Le tecnologie sono sempre reali o realistiche, e perfettamente spiegate. Ma la trama sembra una sorta di scopiazzatura di quella del primo libro, troppe le similitudini perché Homeland possa prendere quanto aveva fatto X.
Ci sono alcuni momenti emozionanti, e il libro procura le giuste dosi di rabbia per ciò che fa il governo e di desiderio di agire per contrapporsi a loro (che è l’obbiettivo di Doctorow) ma prende meno.
La vicenda è sentita meno (anche perché, non potevano semplicemente girare il tutto a Wikileaks?), il finale aperto non indica chiaramente se alla fine i buoni vincono o meno, in alcun campo. E’ un incitamento all’attivarsi, al lottare per i propri diritti e le proprie libertà.
Ma per quanto il messaggio passi, resta più debole del predecessore.
E anche i personaggi vengono avvertiti meno rispetto al passato.

Peccato. Resta comunque un buon libro, se si è letto ed apprezzato X.

Annunci

6 giugno 2014 - Posted by | Doctorow Cory | , , , , , , , , , , ,

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: