La torre di Tanabrus

Did you miss me?

La canzone degli Ood


ood
Terzo episodio della quarta stagione del Doctor Who.
Tornano gli Ood, introdotti nella seconda stagione, e finalmente ottengono il giusto approfondimento in un episodio che punta l’indica contro la schiavitù.
Perché che gli Ood fossero poco più che schiavi era parso ovvio fin da subito, con quel motto del vivono per servire, altrimenti morirebbero che non sta né in cielo né in terra (come si sono evoluti allora, fa giustamente notare il Dottore?). Ma quando il Dottore, dopo Pompei, imposta le coordinate a caso e finisce sul loro pianeta natale -un pianeta bellissimo e glaciale- scopre anche un’installazione umana. E un Ood morente che gli sussurra che il cerchio deve essere rotto prima di ottenere gli occhi rossi, alzarsi di scatto rabbioso e crollare a terra morto.

Nella struttura umana, il signor Bartle sta gestendo le vendite di Ood -attività familiare iniziata qualche generazione addietro- e sta scoprendo di avere diversi problemi con casi di occhi rossi.
Ood che tutto a un tratto impazziscono, gli vengono gli occhi rossi e tramite la loro sfera traduttrice uccidono le persone.
Ood che diventano rabbiosi.

Non sa cosa causi questi sintomi, non sa perché ciò avvenga, ma l’infezione va eliminata a ogni costo. Senza che i compratori e il mondo esterno scoprano niente, altrimenti l’impero economico messo in piedi dai suoi antenati cadrà in briciole e lui finirà in prigione.
Il Dottore si infiltra fingendosi un compratore, con Donna, e poi si defila cercando di capirci qualcosa su questa situazione.

Scopriremo così che gli Ood nascono in realtà con due cervelli, uno interno e uno esterno, che tengono in mano.
Questa loro natura li rende anche (ovviamente) estremamente fiduciosi e pacifici: non puoi sopravvivere con un cervello in mano, se non sei in una società pacifica e in cui tutti sono degni della massima fiducia.
Gli umani sono arrivati, li hanno scoperti (immagino un primo incontro simile a quello dei nativi americani con gli spagnoli) e hanno trovato il modo di lobotomizzarli togliendogli il cervello esterno e sostituendolo con la sfera traduttrice.
Inoltre la comunità Ood ha un gigantesco cervello centrale che permette la telepatia e li coordina, e che ora è tenuto sedato in un magazzino. Sedato da un cerchio di pali elettrici che creano uno schermo.

Solo che lo schermo è ormai stato indebolito da un infiltrato, uno scienziato attivista pro-Ood che ha impiegato dieci anni per arrivare lì. E l’abbassamento dello schermo è la causa degli occhi rossi, ovviamente…

Il Dottore invece scopre che gli Ood prigionieri cantano. Una canzone di prigionia, straziante e commovente, tanto che Donna non ha sopportato di sentirla per più di qualche secondo. E gli Ood hanno riconosciuto in Donna e nel Dottore degli alleati, degli amici.
Amici che hanno sconfitto i padroni (grazie anche allo scienziato, ovviamente, e alla paziente vendetta degli Ood che per anni, e con droghe potenti, hanno trasformato Bartle in un Ood occupandosi poi loro di aiutarlo nella sua nuova vita).

Gli Ood, ora liberi, vedono tutto in comunione e per loro la vita è un canto, una canzone.
Offrono al Dottore e a Donna di restare con loro a unire le loro canzoni, e quando i due se ne vanno loro fanno notare al Dottore che la sua canzone finirà presto… non abbiamo avuto riferimenti a pianeti scomparsi, ma alla morte del Dottore?

Molto belle comunque le scene della prigionia, con alcuni momenti che facevano pensare ai campi di concentramento nazisti.
Un episodio toccante e ben fatto.

Annunci

1 giugno 2014 - Posted by | Doctor Who | , , , , ,

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: