La torre di Tanabrus

Did you miss me?

L’evoluzione dei Dalek


sec

Primo doppio episodio della terza stagione di Doctor Who.
Col ritorno in scena dei Daleks e del Culto di Skaro, la fazione di Daleks adibita a pensare e immaginare.

Il Dottore porta Martha nella New York vera, negli anni trenta, dove scoprono che molte persone stanno sparendo.
La cosa non è troppo strana, essendo negli anni della depressione, ma i due vanno ugualmente a indagare a Hooverville, una baraccopoli creata da Solomon dove chi non ha più nulla può comunque sperare di vivere con dignità e civiltà.
Questi però gli conferma che è tutto vero, la gente sparisce anche dalle baracche di punto in bianco, lasciando tutto dietro di sè.

Così, quando arriva il signor Diagoras a cercare lavoratori per un lavoretto nelle fogne, i due (più Solomon e il suo aiutante) accettano. Del resto, molti spariscono proprio alle dipendenze di Diagoras, magari scopriranno qualcosa.

Ciò che non sanno è che Diagoras lavora come uno schiavista alle dipendenze dei suoi nuovi padroni, che possiedono l’Empire State Building (ancora in costruzione) e che hanno grandi piani per questo palazzo.

Nelle fogne incontriamo gli uomini maiale, che rapiscono le persone per portarle ai padroni.
Che non sono altro che i Daleks, Daleks del culto di Skaro sopravvissuti e finiti qui.
Gli ultimi tre della loro specie, hanno deciso di sopravvivere a ogni costo. Così hanno creato la razza schiava degli uomini maiale, e stanno portando avanti l’esperimento finale: creare i Daleks umani.

Il loro leader, Dalek Sec, si mescola a Diagoras assorbendolo per diventare un ibrido Dalek-umano e uscire dal guscio protettivo.
Ma viene contagiato dalle emozioni umane, capendo che l’aver abbattuto ogni emozione nei Daleks li ha indeboliti, e decide di lasciare le emozioni ai nuovi creati, rendendoli più umani che Daleks.

E dopo un primo scontro cerca l’aiuto del Dottore per creare i nuovi Daleks e cambiarli, rendendoli una razza diversa, meno pericolosa. Una razza che possa vivere.
E il Dottore, malgrado lo scetticismo iniziale, ci crede. E’ convinto dall’ibrido, lo aiuta.

Però questa alleanza con il  loro più grande nemico, così come la contaminazione umana, fa inorridire gli altri Daleks che si ribellano sabotando l’esperimento eliminando tutte le tracce umane dalle menti dei nuovi nati, dando la caccia al Dottore e imprigionando Sec.

Alla fine il Dottore riesce a liberare momentaneamente i nuovi Daleks umani, che si ribellano e vengono sterminati dai loro creatori.
L’ultimo Dalek in vita riesce ovviamente a fuggire.

Triste il destino di Sec, che da leader Daleks con una visione per cambiare il destino della sua razza diviene prigioniero, incatenato e trattato come una bestia, fino a quando non si sacrifica per salvare il Dottore stesso.

Alla fine l’unica nota positiva della storia è la trama di Laszlo e Tallulah, una cantante di teatro e il suo amante rapito dai Daleks e trasformato in maiale, ma che era riuscito a mantenere la propria personalità. E a venire salvato dal Dottore prima di morire.

Non un episodio grandioso, come spesso accade quando ci sono i Daleks.

Annunci

11 maggio 2014 - Posted by | Doctor Who, Serie tv | , , , , , , , ,

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: