La torre di Tanabrus

Did you miss me?

…e rinascerai con dolore


Sesto numero di Orfani.
Un numero con grandi rivelazioni, sia nel passato che nel presente.
Un grandissimo numero, senza se e senza ma.Scopriamo subito chi sia il losco figuro introdotto alla fine del quinto volume, e lo scopriamo nel flashback.
Dove la cara dottoressina ha salvato Rey dopo l’assalto della mocciosa, e lo ha portato in un’altra struttura militare.
Non quella dove addestrano i soldati, quella dove fanno esperimenti più pesanti. Quella dove creano assassini.
Rey è l’ultimo della serie, l’ultimo sul quale tentano questi esperimenti.
E con Rey riescono.
Non ha più un aspetto pienamente umano, il suo braccio destro è ora più grosso e mostruoso, artigliato. Ma l’esperimento è riuscito, lui ora è più forte e veloce di prima. Tanto da spaventare la sua creatrice.
All’altro campo invece Nakamura avvia la nuova fase dell’addestramento, dove sottopone i ragazzi sopravvissuti fino a qui a nuovi trattamenti che li renderanno più forti, pur se con un tasso di mortalità fin troppo elevato.

A questo punto è chiara l’identità del personaggio nel presente, che viene spedito in gran segreto dalla dottoressa sul suolo alieno. La guerra è finita, hanno vinto e ora tornano via… ma prima Rey dovrà verificare che non sia stato lasciato dietro niente.
Tipo Ringo, dato per morto ma senza un cadavere.
Così parte a caccia, e lo trova. Anzi, viene trovato da Ringo.
Che è vivo, vegeto e in ottima forma. Anche senza armatura, anche senza antidoti.

Perché ha scoperto che l’atmosfera non è velenosa, era tutta una finzione.
Le alte sfere nascondono qualcosa, e prova brevemente a convincere di ciò Rey prima che il ragazzo gli riveli di saperlo già, di essere a conoscenza di tutto.
E i due si affrontano per l’ultima (forse) volta.

Sulle astronavi, scopriamo che i cadaveri dei caduti contro gli alieni non hanno i segni dei colpi che li abbiamo visti subire durante i combattimenti, ma colpi di armi da fuoco.

I soldati erano drogati per vedere strani nemici alieni invece di… altri umani, probabilmente. Da cui le immagini spagnole viste da Hector. Ma chi sono? Come mai tutto questo?
Così si spiega alla perfezione l’anomalia sull’aereo abbattuto, ma questa piccola rivelazione scatena una cascata di nuove domande. E di nuove ombre.

Ottimo, ottimo episodio.

Annunci

27 marzo 2014 - Posted by | Orfani | , , ,

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: