La torre di Tanabrus

Did you miss me?

La ragazza di fuoco


images

 

Ed eccoci qua, reduci dalla visione del secondo film tratto dalla serie Hunger Games.
E’ piaciuto il film? E’ piaciuto, è piaciuto.

Certo, ovviamente -essendo tratto da Catching Fire– il film è prevedibile.
E’ prevedibile intuire dove vada a parare la serie, è prevedibile la mossa di Snow, è prevedibile ciò che accade ai Giochi.
E’ prevedibile anche quello che accade a Cinna, o a Plutarco.
Tutto prevedibilissimo, ma il secondo capitolo di una trilogia solitamente non spicca per originalità e questo libro\film non fa eccezione.

Ma è stato un film gradevole.
Viene resa alla perfezione la fragilità di Katniss, ancora alle prese con le conseguenze psicologiche della vittoria ai Giochi, ancora alle prese con sé stessa divisa tra il buon Peeta che la ama e fa per lei ogni cosa, pronto a morire per lei come ha già dimostrato e verso cui lei prova innegabilmente dell’affetto, e Gale il cupo e rivoltoso, il ribelle, con cui è cresciuta e che dice di amare.
Katniss che vede spezzarsi il già fragile equilibro che si era formato quando Snow la mette al corrente delle rivolte che stanno cominciando a scoppiare in suo nome, e le impone di rendere credibile la sua storia con Peeta.
O quando durante il tour assiste al vero volto della conseguenza del suo gesto.
O quando arrivano i 75° Hunger Games con la sorpresa di Snow.

Katniss è resa ottimamente, così come è commovente vedere Effie in lacrime, sconvolta e triste per quanto stia accadendo.
Altre scene molto belle? Prim che si dimostra cresciuta tantissimo dal primo film, pronta a consolare la sorella assicurandole che il suo gesto ha donato la speranza a tutta la gente oppressa da Capitol City; Snow che guarda la tv con la nipotina accigliandosi sempre di più nel vederla adorare Katniss; i tentativi dei Tributi di fare annullare gli Hunger Games durante la presentazione, culminati con la catena umana dopo le parole di Peeta.

Prevedibile, certo, ma ha reso alla perfezione ciò che contava.
Il rapporto tra Katniss e Peeta, le crisi della ragazza e la sua decisione di ricambiare quanto ricevuto in precedenza, le rivolte ispirate alla sua ribellione.

Sono pienamente soddisfatto, malgrado agli Hunger Games si sia visto Aquaman (giuro, quando giocava a roteare il tridente ho pensato, “ora lo scritturano per un film su Aquaman”…)

Ora aspetto in gloria il terzo film.
Vediamo il pugno allo stomaco regalato dal libro come verrà trasposto sullo schermo…

Annunci

29 novembre 2013 - Posted by | La ragazza di fuoco | , , , ,

1 commento »

  1. Ahah è vero ho pensato pure io a Aquaman! 🙂 bel film però, molto soddisfatto

    Commento di Il Cervello Bacato (@CervelloBacato1) | 29 novembre 2013


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: