La torre di Tanabrus

Did you miss me?

Arcana Mater, season one


 

E infine ho letto anche l’ultimo dei fumetti recuperati durante il Lucca Comics, Arcana Mater di Toraldo Manfredi.
Una season one, una prima miniserie uscita dodici anni fa e punita pesantemente da una scarsa distribuzione.
Una serie che però ora pare pronta a tornare in scena e a proseguire la sua corsa.

Non lo avevo mai letto, né ne avevo sentito parlare. Ma reminescenze di questo titolo, in qualche modo, le avevo… chissà da dove ne avevo trovata notizia!
Comunque ho deciso di provare questo volumone che racchiude la prima miniserie del progetto, sei numeri, sei storie disegnate da disegnatori differenti, ognuna sotto il segno di un tarocco.
Con tanto, prima di ogni storia, di un breve testo dell’autore che spiega il tarocco, la sua interpretazione, come è diventato la storia che stiamo per leggere, e illustra anche alcune citazioni presenti nella storia.

La trama è semplice: c’è stata l’Apocalisse, quella biblica. Il cielo e gli inferi hanno combattuto, e il cielo ha vinto.
Ora la terra è stata data ai demoni perché la governino.
Abbiamo quindi questi demoni, enormi e pressoché indifferenti alle forme di vita inferiori come gli umani, che si ergono immobili in alcune zone della terra.
E intorno a loro si sono venute a creare intere città.
Abbiamo i minor domes, umani toccati e cambiati dal demone, modificati a suo piacere, che sono la voce del demone tra la gente e governano le città.
Abbiamo i domi canes, le guardie della città, i cui poteri derivano dal demone e dal loro tramite. Anche loro sono umani modificati, ma hanno poteri prettamente offensivi.

Abbiamo 56 protettorati, sorti intorno ad altrettanti demoni. E 21 principati, dove abbiamo altri demoni, molto più potenti (e parimenti sono molto più potenti gli umani toccati da loro).

La storia è la storia di Mary, una donna che vaga per il mondo portandosi dietro la sua mula e il suo bambino in fasce, Adam.
Un bambino che reca sulla fronte il simbolo luminoso della magia, e che per questo è condannato a morte dai demoni: agli umani è vietata la magia. Per questo la loro famiglia è stata sterminata dai demoni, e per questo i due sono in fuga alla ricerca del misterioso protettorato invisibile, che nessuno ha visto ma che si dice possa esistere.
La cercano su suggerimento dello stesso Adam, che se nel mondo reale è ancora solo un bambino piccolissimo, nel mondo onirico può mostrare il suo futuro aspetto adolescente, parlare con la madre o con altre persone mentre dormono, operare le sue magie per proteggere sè stesso e la madre, affrontare demoni.

Lui ha messo sua madre sulle tracce di questa città, e l’ha anche guidata sul cammino di Caino, il custode delle storie, un misterioso umano immortale vessato da una crudele maledizione.
Non è il Caino della Bibbia, o quantomeno non si sa. Nemmeno lui sa chi sia in realtà, conosce le storie di tutte le persone del mondo ma non conosce il proprio passato.
Io ho qualche idea su chi possa essere, dopo la storia finale dell’albo, ma sono solo illazioni.

 

La storia mi è piaciuta, col pretesto della trama portante (la ricerca della città invisibile) Manfredi Toraldo ci mostra in ogni storia un protettorato (o un principato) diverso, con diversi demoni, diverse fissazioni, diverse crudeltà.
Partendo dal primo, molto umano per tutta la storia (e con un omaggio a Swift) fino ad arrivare al protettorato steampunk che richiama il mondo di Oz, o al protettorato che sorride (forse anche troppo) a Dumas, o a quello dove il tempo scorre sempre più lento avvicinandosi al demone, o a quello dove l’ipocrisia è punita con la trasformazione in statua di sale.
Protettorati interessanti, ogni storia poi aggiunge qualche tassello che ci fa capire come sia il mondo adesso, quali siano le regole che lo governano. Ma storie mai fini a sé stesse, si ha sempre l’impressione che la strada tracciata non venga mai persa di vista.

Disegni molto belli, storia accattivante, viaggi interessantissimi nelle città governate dai demoni.
E poi i misteri: il mistero di Adam, il mistero di Caino… e di Mary, anche di lei, visto che il titolo dell’intera opera alla fine richiama proprio a lei, che come personaggio mi fa quasi pensare a una Mother Sarah, una donna forte e coraggiosa che affronta il mondo e i demoni per salvare il proprio figlio.

Spero davvero che l’avventura di questa serie possa continuare, a breve sarà aperto il market online al sito arcanamater.blogspot.it

Annunci

27 novembre 2013 - Posted by | Arcana Mater | , ,

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: