La torre di Tanabrus

Did you miss me?

Letture da Lucca: Anya e il suo fantasma, Il giovane Lovecraft


 

Secondo round con le letture dei Comics.
Questa volta ho avuto più fortuna…

Anya e il suo fantasma, della BAO, è una storia molto, molto carina.
Parla di Anya, una ragazzina russa arrivata nella periferia americana quando aveva cinque-sei anni.
Dopo l’impatto con l’iniziale razzismo verso la straniera e con la crudeltà dei bambini, Anya ha passato anni a cercare di essere meno russa e più normale, puntando ad assomigliare alle altre ragazze sue coetanee.
Risultato, adesso Anya è una tipica adolescente americana di fascia medio bassa, non l’ultimo gradino sociale (riservato agli strambi e ai secchioni) ma subito dopo. Una sola amica, tante battutine e frecciatine, un’avversione profonda per la ginnastica e per le lezioni. E per le sue radici russe.

Finché un giorno, saltando la scuola, non cade in una buca profonda.
E accanto a sé trova uno scheletro.
Ovviamente è sorpresa quando dallo scheletro esce un fantasma… il fantasma di Emily, una ragazza più o meno della sua età morta novanta anni prima in quel pozzo. Anche lei un’immigrata, irlandese questa volta.
Ne è spaventata, ma per fortuna riesce a farsi sentire da due ragazzi e viene tratta in salvo.

Solo che nel suo zaino è finito un ossicino dello scheletro di Emily, che così l’ha potuta seguire. E poco a poco le due diventano amiche, con il fantasma che aiuta sempre di più Anya. Partendo dal copiare i compiti in classe dai più bravi, fino al darle suggerimenti e istruzioni per arrivare a uscire con il suo grande amore.
Tutto bene e bello, quindi… almeno fino a quando Emily non comincia a mostrarsi ossessionata dalla vita di Anya, volendo quasi vivere la vita che ha dovuto abbandonare troppo presto tramite la ragazza, facendole vivere la vita che lei avrebbe voluto.

Chi è in realtà Emily? Che rapporto sta instaurando con Anya? E sopratutto, potrà Anya tornare indietro ora che ha con sé Emily?

Una storia divertente e carina, che fa da spunto per parlare di integrazione e omologazione.
Mi è piaciuta, consigliatissima!

 

Il giovane Lovecraft

Strisce comiche nate sul web, incentrate sulla figura carismatica e affascinante di Lovecraft.
Solo che è un ragazzino che ancora va a scuola.

Qui seguiamo le sue avventure quotidiane, tra la scuola e la vita in famiglia, le gite con le zie e le evocazioni arcane di divinità esterne, tra l’amicizia con il suo cagnolino parlante ghoul e un party spettrale con alcuni fantasmi di poeti.
Divertente e carinissimo, conoscendo l’opera di Lovecraft non si può non ridere di gusto guardando cosa accade alla sua piccola controparte. O agli dèi che evoca, se penso a una certa divinità ormai ridotta a pezzi dalle evocazioni continue di parti del suo corpo mi viene da piangere dalle risate.
E che dire delle rivisitazioni dei classici della letteratura da parte del giovane aspirante scrittore?

Consigliatissimo per farsi due risate!

Annunci

17 novembre 2013 - Posted by | Anya e il suo fantasma, Il giovane Lovecraft | , , , , , ,

2 commenti »

  1. La storia di Anya sembra davvero carina. Penso la leggerò 🙂

    Colgo l’occasione e ti auguri buone feste!

    Commento di Camilla P. | 26 dicembre 2013

  2. Grazie, auguri anche a te!

    Commento di tanabrus | 27 dicembre 2013


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: