La torre di Tanabrus

Did you miss me?

Wishlist: A house in the sky


A house in the sky, di Amanda Lndhout e Sara Corbett.Questo è un po’ diverso dal genere di libri che solitamente leggo, ma sono incappato recentemente un paio di volte in alcuni post che ne parlavano e la storia mi ha colpito.
E’ una storia vera, il racconto dei 460 giorni di rapimento di Amanda, rapita dopo quattro giorni in Somalia.
Una vicenda che l’ha profondamente segnata, anche se una volta libera ha avuto la forza di cercare di cambiare le cose creando l’associazione no-profit Global Enrichment Foundation che incentiva lo sviluppo e l’educazione in Kenya e in Somalia.

Da bambina, Amanda Lindhout fuggiva da un ambiente domestico violento sfogliando le pagine del National Geographic e immaginandosi in località esotiche. A diciannove anni, lavorando come cameriera in Calgary, Alberta, ha cominciato a mettere da parte le mance per poter viaggiare in tutto il mondo. Con l’obbiettivo di capire il mondo e vivere una vita che avesse senso, si è avventurata in America Latina, Laos, Bangladesh e India, e resa più forte da ogni avventura, se ne è andata in Sudan, Siria e Pakistan. Si è creata una carriera come reporter televisiva nell’Afghanistan e nell’Iraq dilaniati dalle guerre. E poi, nell’agosto 2008, ha viaggiato in Somalia – “il posto più pericoloso sulla Terra”. Il quarto giorno, è stata rapita da un gruppo di uomini mascherati in una strana polverosa.

Tenuta in ostaggio per 460 giorni, Amanda si converte all’Islam come tattica di sopravvivenza, riceve “lezioni su come essere moglie” da uno dei suoi rapitori, e rischia una pericolosa fuga. Spostata tra una serie di case abbandonate nel deserto, sopravvive grazie ai ricordi – ogni minimo dettagio del mondo che aveva conosciuto nella sua vita prima del rapimento – e grazie alla strategia, alla resistenza, alla speranza. Quando è all’apice della disperazione, visita una casa nel cielo, molto più in alto della donna tenuta in catene, nell’oscurità, che veniva torturata.

Annunci

3 novembre 2013 - Posted by | Corbett Sara, Lindhout Amanda | , , , ,

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: