La torre di Tanabrus

Did you miss me?

Nove inframondi


Prima raccolta fantascientifica che leggo, spinto anche da alcuni dei nomi in ballo: Gaiman, Bacigalupi, Doctorow.
Racconti del 2008.
Il verdetto finale è positivo, anche se alcuni racconti non mi sono piaciuti particolarmente.

Arkfall di Carolyn Ives Gilman
Molto, molto carino.
Abbiamo un mondo di frontiera completamente sommerso da acque glaciali, e la lenta oepra dell’uomo per colonizzarlo, tra “basi” sottomarine e missioni di esplorazione e di modifica dell’oceano. Scopriamo un’intera cultura sviluppatasi in simbiosi con questo mondo ed entriamo in navi sottomarine che sono in realtà enormi cellule che si autosostentano, da curare e nelle quali vivere, organismi viventi privi di intelligenza in grado solo di seguire le correnti.
Mi è piaciuta tantissimo l’ambientazione, e anche la storia in sé con l’esplorazione forzata dell’ignoto, e l’interazione tra la ragazza cresciuta in questa cultura e lo spaziale proveniente dall’esterno in cerca di nuovi territori da esplorare e colonizzare è ben riuscita.

Arancione di Neil Gaiman.
Qui il buon Neil ha tentato qualcosa di davvero differente: ha scritto una storia su una persona che, grazie a una strana sostanza, è cambiata diventando una sorta di entità aliena, tenendo prigioniera la propria famiglia fino a quando gli altri alieni non sono arrivati a portarsela via.
Ma niente di tutto questo è raccontato: ricostruiamo la storia leggendo una settantina di frasi della sorella della ragazza, le risposte a un interrogatorio dei federali di cui non conosciamo le domande. Alcune domande si possono intuire, altre è impossibile sapere cosa siano. Un esperimento ardito e carino, un esercizio di stile sicuramente interessante.

Memocane di Kathleen Ann Goonan.
Un buon racconto, ma non mi è entrato nelle ossa. Forse è stato un po’ rovinato dalla prefazione, che anticipa alcune cose togliendo il piacere della scoperta. L’ambientazione mi ha ricordato vagamente Transmetropolitan, e penso proprio che ignorando la natura del protagonista e il suo passato mi sarei potuto godere molto di più il racconto.

La pompa numero sei di Paolo Bacigalupi.
Una civiltà decaduta, un’umanità futura che sopravvive nel declino in qualche modo, vivendo nei resti della civiltà che fu, regredendo poco a poco… un declino inesorabile dovuto anche alla biologia, e mostrato perfettamente in questo racconto tra torg, droghe, problemi di concepimento, lavori e opere di manutenzione.
Molto bello e riuscito.

Boojum di Elizabeth Bear, Sarah Monett
Qui abbiamo astronavi viventi, che un poco mi hanno fatto pensare alle Acanti di Claremont o a un episodio della quinta stagione del Doctor WhoLa bestia di sotto, con la Balena astrale su cui era stata costruita la nave umana. Ma la creatura sembra un mix ben riuscito tra creatura spaziale e eopera di bioingegneria.E poi alieni che divorano cervelli, pirati spaziali, schiavitù, evoluzione della coscienza. Un bel romanzo, toccante.

EspirazioneTed Chiang
Un racconto intrigante, poco a poco capiamo chi siano gli umani protagonisti, cosa siano, mentre il protagonista ci spiega le sue ricerche per scoprire dove risieda la memoria. Davvero molto bello.

TraditriceMary Rickert
Non mi è piaciuto granchè, alla fine non ha nemmeno grandi agganci fantascientifici.

Quello che mi rende debole e strano verrà rimosso con l’ingegneriaCory Doctorow
Un racconto distopico e informatico, che però mi ha deluso parecchio. Da Doctorow mi aspettavo francamente qualcosa di più a livello di trama, che invece alla fine non c’è stato.

Viaggio su Oblivion – Vandana Singh
Il racconto di una vendetta inseguita per anni attraverso tutto lo spazio, un’esistenza votata solamente alla distruzione di chi ha distrutto mondi e persone per i propri interessi personali.
Fino a che non c’è altro che la vendetta nella vita del protagonista, una vendetta ormai inutile e tardiva, priva di senso.
Carino.

Annunci

28 luglio 2013 - Posted by | Bacigalupi Paolo, Bear Elizabeth, Chiang Ted, Cramer Kathryn, Doctorow Cory, Gaiman Neil, Gilman Carolyn Ives, Goonan Kathleen Ann, Hartwell David, Monett Sarah, Rickert Mary, Singh Vandana | , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: