La torre di Tanabrus

Did you miss me?

Franekweenie


Frankenweenie

Il ritorno di Tim Burton al cinema, dopo un paio di opere non propriamente entusiasmanti.
Per usare un eufemismo, dato che almeno Alice è stato enormemente deludente.
Un ritorno al cinema e un po’ un ritorno al passato, un ritorno ben riuscito per me.

Un cartone in bianco e nero carino e divertente, in puro stile Burton.
I personaggi sono a cavallo tra quelli di Frankenstein e la famiglia Adams sia come atmosfere che come aspetto e nomi: il protagonista è il piccolo Victor Frankenstein, un ragazzino introverso e geniale che ama i film, il suo cane e la scienza. E che, alla morte dell’amato cagnolino Sparkle, prova a riportarlo in vita con un’esilarante parodia dell’opera del Dottore, ambientata però nella sua soffitta. Ecco, i bambini che giocano a fare gli scienziati pazzi mi hanno ricordato molto anche Il laboratorio di Dexter, ma in versione horror e plastica.

L’esperimento riesce, e il piccolo cane tornato in vita vive nascosto in soffitta, perdendo pezzi ogni tanto e dotato di un aspetto da mostro di Frankenstein. Il tutto prende una brutta piega quando, scoperto il suo segreto, anche i compagni di classe (e che classe!) lo imitano per vincere il concorso di scienze.
Il compagno giapponese (la cui creatura resuscitata, ovviamente, diventerà un mostro enorme da film giapponese, con tanto di attrazione per il luna park); la parodia di Igor, stupido e malvagio, che genererà un incubo da un ratto morto; il compagno tonto e grosso che, dalle scimmie acquatiche, creerà un esercito di goblin malevoli; il compagno che fisicamente sembra il mostro di Frankenstein, che riporterà in vita il suo cucciolo Colossus; e la compagna strana e un po’ veggente, che tenterà di riportare in vita un pipistrello ma finirà col fonderlo col proprio gatto, in una serie di metamorfosi che partiranno dal gremlin per arrivare al vero villain del film.

E ovviamente avremo l’amore. L’amore di i Victor per Sparkle, l’amore tra Sparkle e Persefone (la barboncina della vicina, con i due che si conoscono e si frequentano divisi dalla staccionata tra le case), del sindaco (finto cattivone, alla fine, come da migliore tradizione dei film per ragazzi) per la nipote, dei genitori di Victor per il figlio. Del professore per la scienza.
L’amore di tutta la comunità, una volta appresa la verità (e terminata la sequenza di inseguimento con fiaccole e forconi, da Frankenstein puro, successiva alla sequenza più stereotipicamente horror del ricevimento al luna park assaltato dai mostri e dai Godzilli vari), per Victor e il suo eroico cagnolino, al punto da tentare tutti insieme di fare un nuovo miracolo.

Un film piacevole e divertente, non ha guastato il vederlo al cinema all’aperto (per quanto circondato da bambini diversi dei quali petulanti e inquietanti, non dubito che una coppia di fratellini italoamericani della fila davanti, arrivata a casa, abbia deciso di tentare l’esperimento. E ci sia riuscita).

 

Piccola perla: ogni singola scena nel cimitero.
Il cimitero degli animali è fonte inesauribile di stupore, avessi avuto la possibilità di mettere in pausa avrei cercato tutti gli scherzi e le citazioni.
Una su tutte: la lapide di una gattina con scritto goodbye Kitty e un’inconfondibile profile inciso sulla pietra.

Annunci

4 luglio 2013 - Posted by | Frankenweenie | , ,

4 commenti »

  1. mi tenta, lo ammetto, ma ormai Tim ha finito di rubare il mio tempo: mai più un suo film finché non si presenterà a casa mia a chiedermi scusa in ginocchio armato di fiori, cioccolatini e 6 euro di risarcimento per Alice.

    Commento di fed | 4 luglio 2013

  2. Io infatti dopo Alice l’avevo salutato, ma questo film è carino 🙂

    Commento di tanabrus | 4 luglio 2013

  3. Guardati il live action girato sempre da Burton negli anni 80 (se non ricordo male)

    è una vera perla

    qui la prima parte http://www.youtube.com/watch?v=YqhEjQl9zcI

    Commento di Ben75 | 4 luglio 2013

  4. Appena possibile me lo guardo, grazie 🙂

    Commento di tanabrus | 4 luglio 2013


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: