La torre di Tanabrus

Did you miss me?

No topic


Qualche notizia sparsa, dato che per fortuna questa settimana non è uscito l’orrido Saint Seya Omega e quindi mi ritrovo senza post schedulati…

Per cominciare, il video postato all’inizio del post.
Neil Gaiman  annuncia, in occasione del San Diego ComiCon, che per il venticinquesimo anniversario di Sandman pubblicheranno un prequel.
Scritto da Gaiman (non come quella pattumata che sarà Before Watchmen), narrerà la storia che ancora deve essere raccontata, relativamente a Sandman.
E cioè, come si è arrivati a Sandman #1?
Come mai Sogno era partito pronto per la guerra, come è stato intrappolato? Cosa era successo prima della sua stupida prigionia?
Ci sono stati diversi accenni in diversi volumi della storia, come mostra lo stesso Neil, ma niente è mai stato svelato. Fino a ora.
Sarà splendido, lo so.

Poi.
Poi ho cominciato finalmente la lettura dell’ottavo libro della Ruota del tempo. Il settimo l’ho letto un paio di anni fa, temevo di trovarmi spaesato.
Invece mentre leggo ricordo tutto o almeno parecchie delle cose importanti, gli avvenimenti salienti.
E sopratutto, al contrario di un altro scrittore logorroico di nostra conoscenza, quanto meno fino all’ottavo volume Robert Jordan non aveva perso niente della sua verve artistica, della sua creatività, della sua presa sulla storia.
Niente passaggi a vuoto, niente scrittore in balia dei personaggi. Tutto è funzionale alla trama, la trama avanza sempre per quanto l’azione si espanda e si seguano moltissimi personaggi, moltissime trame tutte comunque strettamente legate a quella principale, lo scontro tra il Drago Rinato e il Padre delle Menzogne.
Grandioso ed epico.

Poi.
Ho finito un corso sulla sicurezza delle reti che abbiamo seguito dopo l’orario di lavoro negli ultimi mesi.
Un po’ mi dispiace, visto che era interessantissimo.
Ma poter tornare a casa all’ora giusta, essere in grado di fare quello che devo fare, non arrivare più alla domenica con la sensazione di non avere mai staccato un minuto in tutta la settimana… dopo qualche mese, del riposo ci vuole.
E tra due settimane, arrivano le ferie.
Cominciamo con il countdown?

Poi.
Ho scoperto questo trailer fantastico.
Qualche anno fa mi chiedevo perché, di due dei grandi classici dell’infanzia, solo ad Alice fosse toccato l’imperituro successo sancito da innumerevoli adattamenti e riproposizioni, mentre a Oz sembrava quasi che si avesse paura di andare, forse per la troppa attualità del personaggio.
Ma ora… ecco il nuovo film che ci porterà a Oz!
L’unica pecca è che sarà Disney, ma a parte questo conosceremo il Mago di Oz prima che fosse il mago di Oz.
Un prestigiatore che si ritrova nel mondo di Oz, una storia epica e magica che lo porterà a diventare Oz, the great and powerful.

 

Annunci

13 luglio 2012 - Posted by | Gaiman Neil, Jordan Robert, Oz the great and powerful

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: