La torre di Tanabrus

Did you miss me?

This week in Skyrim – 12


Dodicesima sessione di Skyrim.
Trame chiuse o quasi, e tolto un bug se ne trova un altro.

Per cominciare, ho ripercorso daccapo il dungeon della scorsa settimana, trovando questa volta la Tagliateste e potendo così completare la quest di Mjoll la Leonessa.
Tra l’altro, così tanto per, poi me la sono anche sposata. E ho licenziato Lydia, che ormai mi è francamente inutile nelle missioni.

Risultato, a casa a Whiterun ora ho la moglie che dirige un’attività commerciale pagandomi quando mi vede, e Lydia che soggiorna in camera mia. Ho un harem, insomma!

Tornando alle cose serie, ho scoperto il nuovo bug della giornata: l’amuleto di Geirmund.
A quanto pare ho commesso l’errore di razziare il dungeon prima di cominciare la quest sull’amuleto.
E ora dell’amuleto non c’è traccia. Anzi, la traccia ci sarebbe anche… l’indicatore mi segnala che l’amuleto è sepolto sotto la sabbia nella stanza finale. Peccato che non si possa fare nulla, in quel punto.
E dato che il dungeon risale a tantissimo tempo fa, direi che la quest rimarrà per sempre insoluta. Che rabbia!

In compenso:

Nightingale
Come si evince dalla foto, ho raggiunto a Riften Karliah e abbiamo smascherato Mercel di fronte alla Gilda.
Poi ho fatto una capatina a casa di Mercel per capire cosa intende fare (e l’ho ripulita, già che c’ero).
Infine siamo andati in un dungeon dove sappiamo che voleva rubare due gemme preziose dei Falmer. E’ finito tutto con un corpo a corpo tra noi due, con lui che si teleportava di continuo e io che lo attaccavo con la magia, più raramente con la spada Nightingale che ho scoperto di recente essermi abbasta utile, dato che mi rinvigorisce quando uccido.
Alla fine sono diventato un Nightingale (da cui la foto) e futuro capo della gilda dei ladri.
Prima devo solo intraprendere un pericoloso percorso sul sentiero del pellegrino di Nocturna per riportare gli artefatti rubati da Mercel.
Certo, ma con calma… ho scoperto che la chiave dello scheletro è utilissima, posso aprire qualunque porta senza distruggere grimaldelli!
Lo farò, ma dopo aver ripassato tutti i dungeon nanici, che sono pieni di porte ardue.

Manto della tempesta
Abbiamo attaccato e preso anche Solitude, e ormai Ulfric è praticamente il Re dei Re.
Questa volta mi sono divertito di più rispetto al passato, gettandomi nella mischia e affrontando da solo decine di imperiali a suon di palle di fuoco e di spada Nightingale (ho già accennato al fatto che assorbo salute e vigore dalle uccisioni? Una sorta di Tempestosa meno malvagia, insomma!)
Trama terminata.

Quest principale
Alla fine sono tornato anche alla quest principale.
Al termine di un lugnhissimo dungeon tra dweomer e Falmer, culminato in una gita nel Blackreach (ci tornerò poi con calma, è affascinante), ho recuperato l’Antica Pergamena (o Elder Scroll, per la cronaca). Ho anche trascritto il dizionario per Septimus (scoprendo che non è folle, è solo asservito a un’entità demoniaca che mi ha già detto che quando avrò finito di aiutare Septimus raccogliendo del sangue da tutte le razze elfiche al mondo lo scarterà prendendo me come suo portavoce, e che non è rimasta contenta quando gli ho risposto ma sticazzi), e poi sono tornato alla Gola del Mondo.
Ho visto il combattimento del passato tra tre eroi e Alduin, ho appreso l’urlo, e ho messo in fuga Alduin stesso dopo un’estenuante battaglia.
Poi ho intrappolato un drago a Dragon’s Reach, ci ho stretto un patto e mi sono fatto portare da Alduin o quasi.
Alduin infatti è andato a ricaricarsi le energie nel mondo dei morti, e lo devo seguire tramite la porta che si trova nel suo santuario. Ci sono arrivato sul dorso del drago, e poi ho capito che i tempi facili sono finiti.
Due draghi mi hanno affrontato subito, ma li ho uccisi addirittura a colpi di spada.
Poi c’erano non-morti.
Ma diciamo che ci sono un’infinità di Fustigatori (quelli simpatici, potenti e armati di magia… e qui anche di tu’run) e di Signori della morte Duergar. O di Alti Signori Duergar.
Insomma, quando ti attaccano in tre o quattro di questi in contemporanea, scappi lanciando dietro di te palle di fuoco e daedra.
Settimana prossima cercherò di ripulire questo benedetto santuario per potere poi inseguire Alduin. Anche perché, arrivato qui, non ci sono vie di fuga: si entra e si esce solo volando, e il drago mi porterà via solo se sconfiggerò Alduin.
O la va, o la va.

 

Sessione divertente, quindi.
L’unica cosa che lascia perplesso è come il personaggio possa essere il capo di tutto: Sangue di Drago, thane delle città, capo dei maghi, capo dei ladri. Mi manca solo un ordine di guerrieri al mio servizio, ora…

Annunci

8 luglio 2012 - Posted by | Skyrim, Videogames

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: