La torre di Tanabrus

Did you miss me?

Reboot DC (2)


Secondo mese di vita italiano per i 52 della DC.
E, per quanto mi riguarda, arrivano i primi giudizi.

Le tre testate di Batman se la cavano abbastanza bene, al secondo numero.
Su Batman inizia la saga della Corte di Gufi, e si ha l’impressione che per i prossimi tempi l’uomo pipistrello se la vedrà brutta.
Su Detective comics invece prosegue la vicenda della scomparsa di Joker che ora si trova un nuovo volto (forse). Incontriamo Dollmaker con la sua famiglia e la sua orda di mostri patchwork.
Infine, su Nightwing la trama sta virando con prepotenza sul passato di Dick Grayson di cui non so assolutamente niente, comunque è godibile lo stesso al momento.

Niente di eccelso, ma mi piacciono le atmosfere e le storia si mantengono al momento interessanti.

Secondo numero per il mensile sulle leghe, e come per il primo episodio posso dire che mi sta piacendo.
Su JLA Superman le suona per bene a Batman e a Lanterna Verde, che addirittura chiama in suo soccorso Flash. E deve essere Batman a riportare tutti all’ordine, chiarendo che nessuno c’entra niente con le scatolette aliene che sembrano aver dato problemi a tutti quanti.
Purtroppo, non fanno in tempo a fare pace e a cominciare a pensare a come capire cosa ci sia dietro, che le scatole si attivano liberano orde di… cyborg? Bella serie, mi piace.
Sulla più sfigata JLI invece la prima missione del gruppo si rivela un fiasco, visto che il gigante robotizzato che è spuntato dal suolo considera il team alla stregua di moscini e quando li scaccia co noncuranza questi rischiano di lasciarci le penne. Ritirata rapida, con malumori nel gruppo  e alle Nazioni Unite, ma si scopre che ci sono altri robottoni del genere, intenti a rilasciare energia… perché? Nello spazio, qualcuno si risveglia e decide che la Terra morirà. Una lettura piacevole, ma la serie dovrà ingranare.
Hawkman mi sta insospettabilmente piacendo.
Il simbionte alieno che gli conferisce poteri e lo rende sempre meno sè stesso, l’entità aliena che si ritrova avvelenata dall’energia del metallo nth, il misterioso gruppo di nemici alieni infiltrati sulla terra e pronti a un qualche sterminio. Non l’avrei detto che mi sarebbe piaciuta questa serie, davvero!

Un bell’albo.

Del primo numero di questa serie non avevo parlato, ne parlerò quindi ora assieme al secondo numero.
Su Giovani Titani abbiamo a che fare con un’organizzazione (NOWHERE) che rapisce i giovani superumani nel mondo, ponendoli di fronte a una scelta semplice: o con noi, facendo quel che vi diciamo, o morti. Semplicissima, no? Ed ha agganci nei governi e nelle organizzazioni internazionali.
Contro di loro c’è Red Robin, un vecchio Robin di Batman che decide di radunare alcuni giovani superumani prima dei suoi avversari, per salvarli.
Nel primo numero ha salvato, più o meno, la potentissima Wonder Girl. Adesso lo ritroviamo a salvare dagli sgherri di NOWEHRE l’aracnidea Celine, aiutato dalla riluttante Wonder Girl… nel frattempo, in un centro di detenzione di NOWHERE, Kid Flash (un ragazzino che aveva tentato di giocare a fare l’eroe durante un grosso incendio finendo però ko in un’esplosione causata dalla sua stessa presenza) riesce a evadere, trovandosi però di fronte al problema di come aiutare gli altri prigionieri.
Poi c’è Superboy, testata legata indissolubilmente a quella dei Giovani Titani: Superboy è stato creato e cresciuto artificialmente dalla NOWHERE, e ora sta cominciando a effettuare delle missioni per conto loro. L’obbiettivo dichiarato è quello di poterlo usare contro Red Robin e Wonder Girl… si prospetta quindi un crossover, e magari un radicale cambio di fronte!
Infine abbiamo La legione perduta. L’anello debole della catena, ho accolto con favore la notizia che alla fine del primo anno sia stata chiusa.
Una storia che continua da chissà dove, con un background che non conosco. Un gruppo di superumani dai poteri più disparati che arriva dal futuro per fermare la minaccia di un contagio. Ma il contagio è iniziato, e la gente comincia a manifestare tratti genetici alieni.
Non mi prende per nulla, la tentazione quando leggo gli albi è quella di saltarla.

Un bell’albo anche questo, almeno per due terzi.

Flash è una testata che, dopo due numeri, ho deciso di tagliare.
Non è male il serial principale, con l’uomo fulmine che si ritrova a indagare su un caso di clonazione che riguarda un vecchio amico entrato nell’esercito. E poi, a tutina rossa sono affezionato dai tempi della serie tv di quando ero piccolo!
Il problema è che gli altri due terzi dell’albo sono appannaggio di Capitan Atom, che dopo due episodi non mi dice assolutamente niente con i suoi poteri e la sua visione del mondo, e Aquaman che ha puntato sull’ironia. E quindi vediamo Aquaman andare a mangiare fuori e venire preso in giro dagli altri avventori. Un blogger gli chiede cosa si provi a essere il supereroe deriso da tutti. La polizia si vergogna a chiedere il suo aiuto.
Cose che uno pensa a Namor e vedendo Aquaman si chiede come sia possibile uno scempio del genere.

Un terzo è troppo poco, abbandono la serie (e magari al posto suo darò una possibilità a Wonder Woman?)

Questa testata invece mi piace, e mi piace parecchio!
Superman di Morrison continua a andare forte: Supes sottoposto agli esperimenti di Luthor, il progetto uomo d’acciaio, le proprietà del mantello rosso e del razzo con cui Superman è arrivato sulla Terra. Davvero bella, ben scritta e ben disegnata!
Action Comics invece sta rendendo chiaro il soggetto del primo story arc: dopo l’attacco della creatura di fuoco, Superman si ritrova ad affrontare un alieno visibile agli umani ma invisibile ai suoi sensi, e solo l’aiuto del Daily Planet sotto la guida di Lois Lane gli consente di prevalere sull’avversario. Ma a questo punto appare chiaro che ci sia una minaccia aliena incentrata su di lui e sul suo pianeta di origine. Per Clark invece i problemi riguardano la convivenza con la nuova Lois.
Supergirl infine ci mostra lo smarrimento della ragazza alle prese con la Terra, con i suoi nuovi poteri, con la comparsa di un Kal-el che non può riconoscere, visto che per quanto la riguarda è un infante. Cosa sarà successo? Come ha fatto ad arrivare qua? E’ partita insieme a lui? E se è questo il caso, perché i suoi ricordi si fermano alla vita di tutti i giorni, senza alcuna minaccia incombente all’orizzonte?

Un albo piacevole in tutte le sue storie.

18 giugno 2012 - Posted by | Aquaman, Batman, Capitan Atom, comics, Flash, Giovani Titani, JLA, JLI, La legione perduta, Nightwing, Superboy, Supergirl, Superman

4 commenti »

  1. Da me manco son arrivati i numeri del mese scorso. Dannato distributore del cavolo… XD

    Commento di Francesco Roghi | 18 giugno 2012

  2. Qui invece, miracolosamente, stanno arrivando tutte le uscite puntualmente!

    Commento di tanabrus | 19 giugno 2012

  3. Qui è arrivato solo il 2 di Batman, che non prenderei neanche se me lo regalassero.

    Commento di CMT | 20 giugno 2012

  4. Mah, a me non dispiacciono le serie sul Pipistrello. A parte che non c’entrano un razzo con il reboot, certo.

    Commento di tanabrus | 20 giugno 2012


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: