La torre di Tanabrus

Did you miss me?

L’invasione degli ultracorpi


Autore: Jack Finney
Editore: Mondadori
Prezzo: € 4,90
Pagine: 212

Trama

Sono arrivati negli anni Cinquanta, sono tornati negli anni settanta e di nuovo nei Novanta… Sono i ladri di Corpi venuti dal cielo, i Sosia che vogliono spodestare il genere umano. Una vicenda terrificante riproposta nella sua versione originale e in traduzione riveduta. Con una bio-filmografia di Jack Finney.

Recensione

Questo libro mi era stato consigliato da un collega qualche mese fa. Anzi, per la precisione mi era stato consigliato il film, ma poi sono incappato in questo Urania Collezione e il libro mi è rimasto attaccato.
Succede.

La storia è interessante: Miles, il protagonista, è un medico in una cittadina piccola e sperduta dell’America.
I suoi problemi cominciano quando torna in città una sua vecchia compagna, Becky, che lo prega di visitare sua cugina. La donna infatti pare fermamente convinta che i suoi genitori non siano più loro. Riconosce che siano identici fisicamente fino in ogni minimo dettaglio, e che ricordino ogin cosa del passato. Ma c’è qualcosa che le ha fatto comprendere la tremenda verità, qualcosa che non sa nemmeno lei come spiegare.
Miles, ovviamente, la bolla come pazza e la spedisce da un amico psichiatra.
Però nei giorni seguenti sempre più persone in città manifestano lo stesso disturbo, e anche lo psichiatra ammette di non avere idea di cosa si tratti. Ma è sicuro non siano problemi psichici, magari una qualche sorta di forma di isteria collettiva. E pare avere visto giusto, dal momento che poco a poco tutti sembrano rinsavire.

Ma a un certo punto Miles viene convocato da Jack, e a casa sua e della moglie lui e Becky trovano un corpo privo di identità.
Privo di identità nel senso che ha un abbozzo di lineamenti senza però averli ancora ben marcati, non ha impronte digitali… sembra un’opera ancora in fieri.
I quattro sono giustamente presi dal panico, e da qui comincerà la storia vera e propria, con la loro lenta scoperta della verità riguardo a questo misterioso corpo e riguardo alle segnalazioni ricevute precedentemente dai pazienti riguardo a parenti che non erano chi sembravano essere.
L’atmosfera si fa squisitamente claustrofobica, la speranza si fa sempre più esile, la paranoia sempre maggiore.

L’unica pecca è una certa ingenuità di fondo nel protagonista -comprensibile per la mentalità dell’epoca, comunque, e molto umana-, e almeno a me ha fatto un certo effetto ritrovarmi in una mentalità degli anni cinquanta, con il dottore della cittadina che è visto quasi come una personalità e uno scienziato, e lui stesso che si atteggia abbastanza; e poi Miles e Becky reduci da un divorzio e provati in maniera assurda dalla cosa, sopratutto Becky; la sua cugina che essendo ancora single a trenta anni è ormai una zitella senza speranza.

Ma a parte questo fattore età, mi risulta difficile trovare lati negativi a questa storia: la storia, l’atmosfera, la coerenza, il finale… tutto diretto davvero bene.

Voto: 8/10

18 ottobre 2011 - Posted by | Finney Jack

Al momento, non c'è nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: