La torre di Tanabrus

Did you miss me?

News per il blog

Salve gente,

come avrà intuito chi ha i miei contatti su Facebook, Twitter o Google Plus… beh, sono tornato dalla settimana trascorsa in Inghilterra.
Di questa settimana parlerò più avanti, con magari un paio di foto a qualcosa che mi è stranamente rimasto appiccicato addosso (e mi sono dovuto violentare per non prendere libri, ripetendomi come un mantra “ho apposta il kindle, e lì i libri non pesano ai fini della valigia”).

Comunque, tornando a bomba, le conseguenze di questo viaggio potrebbero ripercuotersi sul blog.
Sono rientrato infatti con una bella spinta motivazionale e una dose di energia che non avevo da molto tempo.
Ho gli obbiettivi in mente, ho il desiderio di raggiungerli, e ho la volontà di impegnarmi per agguantarli quanto prima (benché un quanto prima sia oltremodo ridicolo, le tempistiche temo saranno lunghe).

Questi obbiettivi ovviamente richiederanno tempo e dedizione.
Tempo che già adesso non avrei, e che quindi toglierò da ciò cui posso toglierlo: la lettura.
Non smetterò, certo, probabilmente morirei se l’abbandonassi. Ma la taglierò sostanzialmente, limitandola alla notte.
Inoltre, sempre per motivi di tempo, non penso potrò continuare a setacciare il web come ho fatto finora in cerca di stronzate divertenti da postare, di nuovi libri americani, di articoli interessanti. O almeno non sempre.

Il succo di tutto questo discorso, quindi, è che il blog rallenterà.
Niente più articoli fissi, niente più almeno un post al giorno.
Se avrò qualcosa da scrivere lo scriverò, se avrò letto un libro o visto qualcosa che mi ha colpito lo scriverò.
Se avrò comprato qualcosa o scoperto qualcosa lo scriverò.
Ma non mi sbatterò per cercare contenuti, traccio una linea tra la mia vita e i miei hobby, tra i quali rientra questo spazio virtuale.

Del resto, già da un po’ di tempo mi ero accorto che a volte guardavo qualcosa o leggevo qualcosa con fervore, solo perché rischiavo di non avere nulla da scrivere la settimana seguente, dopo le rubriche fisse… stava diventando un impegno abbastanza gravoso per il mio tempo.
Avevo anche pensato di chiuderlo del tutto, per ora preferisco invece cercare di tenerlo in vita più saltuariamente, quando ne capiterà l’occasione.

 

Comunque nei prossimi giorni parlerò della vacanza, e della meravigliosa Londra.

 

 

22 agosto 2011 Posted by | Uncategorized | 10 commenti