La torre di Tanabrus

Did you miss me?

Game of thrones – Fire and blood


Decimo e ultimo episodio della prima stagione di Game of thrones.
Un finale di stagione che appaga le mie aspettative per i punti clou dell’episodio, venendo però a mancare in alcune sottigliezze.
Comunque pollice alzato per questo episodio, e per l’intera serie!

Un episodio forte nelle parti difficili, ma che un po’ si perde tralasciando alcuni dettagli comunque importanti.

Di sicuro è venuta bene una delle due scene che più attendevo, cioè l’acclamazione di Robb Stark quale Re del nord.
Una secessione, una dichiarazione d’indipendenza motivata dalla follia del nuovo re, dal nessun affetto dei Lord del Nord per i Baratheon e dal fatto che il nord si era inchinato solo ai Targaryen e ai loro draghi. Morti i Targaryen e morti i draghi, perché continuare a servire un re che disprezzano?
Anche se fatta nell’accampamento invece che al Delta delle Acque, la scena è sempre bella e molto forte.
E la disperazione, il lutto di Robb e di Catelyn sono resi perfettamente dagli attori.

A Grande Inverno invece è stata abbastanza stravolta tutta la scena.

Osha si dimostra poco incline a credere al sogno dei piccoli Stark, e quasi timorosa della cripta di famiglia. Maestro Luwin invece è da tutt’altra parte, e arriva solo nel finale per dare a Bran la notizia arrivata da Approdo del Re.
Certo meno potente, come scena, rispetto al libro. Dove il maestro non crede al sogno di Bran e insiste per andare tutti insieme nelle cripte allo scopo di dimostrare al giovane lord l’assurdità di quanto dice. Osha invece non prende alla leggera i sogni, e sopratutto di fronte ai volti austeri dei vecchi Re dell’Inverno commenta sarcastica di aver visto il vero inverno, e che questo non ha re.
E poi manca il pathos crescente quando Bran e Rickon vanno alla torre e  proprio mentre parlano arriva il corvo messaggero.
A suo favore però c’è Cagnaccio, che nel buio della cripta sembra quasi grande e minaccioso. Non ci siamo ancora, ma sono passettini in avanti.

Ad Approdo del re il reuccio Joffrey viene mostrato in tutto il suo sadismo, con il poveraccio che aveva cantato la canzone denigratoria nei confronti di suo padre e sopratutto con Sansa. Non viene mostrato ser Meryn picchiare la ragazza per farle ubbidire ai voleri del re, in compenso il cavaliere la malmena sugli spalti, quando lei auspica che Robb le faccia dono della testa di Joffrey, dopo che questo le ha mostrato le teste di suo padre e dei suoi uomini e le ha promesso la testa del fratello.
Sadico e stronzo come si deve.
Bene anche il Mastino, che cerca di limitare i danni per Sansa.
La regina, intanto, se la prende tantissimo per la cattura del gemello, e per consolarsi si porta a letto altri parenti. Una Brooke Logan ante litteram, insomma.


E Arya? Arya è stata portata in disparte da Yoren, che le ha tagliato i capelli continuando a chiamarla ragazzo fino a farle capire che per sopravvivere sarebbe dovuta diventare realmente un ragazzo. E una volta trasformata Arya in un ragazzo, l’ha accodata alla comitiva di poveracci e di malviventi che ha raccattato nella capitale per la Guardia.
Qui Arya, tra l’altro, trova Gendry, il colossale bastardo del vecchio re Robert, che si porta dietro il suo elmo cornuto come del resto Arya porta al fianco Ago.
Che Arya riesca a raggiungere l’amato fratellastro? O almeno le truppe di Robb? Scene rubate alla prossima stagione, ma chiudere senza Arya sarebbe stato criminale…

Truppe che hanno sconvolto lord Lannister: accerchiati, sconfitti, con Jamie prigioniero.
E proprio in quel momento, Joffrey che taglia la testa a Ned Stark uccidendo sul nascere ogni speranza di tregue o di paci.
I due fratelli Baratheon che si proclamano re.
E Tywin Lannister che decide di mandare alla capitale Tyron in vece sua, per fare da Primo Cavaliere e governare al posto dell’idiota di suo nipote e della sciocca Cersei che evidentemente non è in grado di tenerlo a bada.
Tutto molto bello, peccato solo che manchi la constatazione di Tyron su come il padre abbia ormai dato per perso Jamie, decidendo di tornare a considerare lui, ormai l’unico figlio rimastogli.
Non mi è piaciuto nemmeno come Shae sia troppo irruente e potente, sembra quasi imboccare le decisioni a Tyron quando invece è lui a decidere tutto.
Ottime comunque le interpretazioni dei due Lannister.

Su alla Barriera, Jon decide di fuggire al sud per mettersi al servizio di Robb.
Non ci sono i dilemmi morali su come Robb reagirebbe al vederlo, sapendolo ormai un confratello in nero, né su cosa ne penserebbe il padre. Ma in compenso Jon non è costretto  a rientrare come nel libro, quando Spettro ne tradisce la presenza e gli amici del castello lo circondano riportandolo a casa prima dell’alba: qui sono solo in tre, tra cui Sam, e lui stesso torna sui suoi passi.
Azzeccata la scelta di mostrare già anche la partenza della spedizione dei ranger, ottimo antipasto di ciò che sarà la prossima stagione.

 

E infine, la scena che attendevo con più impazienza.

La rivelazione del prezzo pagato da Daenerys per salvare Drogo, con la morte del feto e lo scioglimento del khaalasar.
La scoperta di che tipo di vita ha comprato a tale prezzo per l’amato Drogo.
La dolorosa decisione di ucciderlo con le sue mani, consapevole che non avrebbe mai accettato di vivere così, avesse avuto coscienza della propria condizione.
Fin qui, tutto bello.
La scena della pira invece è venuta male. Manca di epos, non è tragica ed elevata come nel libro.
Non c’è il terrore della maegi quando comprende cosa la khaalesi intende fare, non c’è l’offerta di Daenerys al suo khas di diventare suoi cavalieri di sangue. Non c’è il fuoco enorme e potente, non ci sono i tre schiocchi che paiono frantumare il cielo dalla loro potenza.
Un fuoco non immenso.
Gli astanti che si mettono a dormire, e solo dopo molto tempo  ser Jorah e il khas si avvicinano.


E scoprono Daenerys illesa. E i tre draghi.
Ecco, la mancanza di epicità e drammaticità viene ricompensata enormemente dalla comparsa dei draghi.
Dopo i metalupi, temevo sarebbero stati fatti giusto intravedere, se non magari lasciati in ombra con gli occhi luminosi. Invece li hanno fatti!
Piccoli, brutti come tutti i neonati, indifesi… ma ci sono!
Ora possiamo cominciare a giocare realmente al gioco dei troni!

Un episodio tutto sommato molto buono, una stagionedavvero molto buona e che sarebbe potuta essere quasi ottima ci fossero stati più metalupi e avesero mostrato le uniche due battaglie del libro.
Ora non resta che aspettare la primavera del 2012 per la seconda stagione di Game of thrones.

A clash of kings… un nome, un programma!

20 giugno 2011 - Posted by | Game of thrones, Serie tv

5 commenti »

  1. Decisamente una grande puntata 😀
    La “nascita” di tutti i vari re, e lo sviluppo finale dei vari personaggi, è stato reso molto bene secondo me. L’unica cosa che mi fa riflettere riguarda proprio Martin… Ma odia i suoi personaggi? 😀 Prima stagione, qunidi primo libro, e già sono morti Ned Stark e Khal Drogo come principali e Re Robert e il fratello di Daenerys come secondari xD Diamine, se continua così al settimo libro ci arriva senza protagonisti 😀

    Commento di Maurizio Vicedomini | 21 giugno 2011

  2. Benvenuto nel meraviglioso mondo di Martin, Maurizio!
    Ma non temere, per ora pensi così ma sotto sotto ancora trovi la forza di fidarti dell’autore.

    Vedrai la prossima stagione, vedrai… 😛

    Commento di tanabrus | 21 giugno 2011

  3. Guarda, gli unici che mi “sentirei” di dire che non moriranno tanto presto sono Jon Snow e Tyron xD Magari mi sbaglio, ma nonostante tutte le guerre, i re e i casini… oserei dire che sono loro i protagonisti XD (magari però è uscito fuori erroneamente dalla serie tv e non dai libri ^^).

    Ma NON confermarmi nulla 😀 Lo scoprirò tramite i libri e/o, se lo studio non mi permetterà questo sfogo, ad aprile 😛

    Commento di Maurizio Vicedomini | 21 giugno 2011

  4. Ci mancherebbe altro… giammai spoilererò!
    Potrei mutilare, in RL, per uno spoiler a tradimento 😛

    (Posso consigliarti però caldamente di non avvicinarti neanche da lontano ai post che farò sugli altri libri della saga, quando riprenderò la rilettura globale 😀 )

    Commento di tanabrus | 21 giugno 2011

  5. Grazie del consiglio, lo seguirò di certo 😛 Mi dispiacerà non leggere delle tue recensioni, ma è per un bene superiore 😀

    Commento di Maurizio Vicedomini | 22 giugno 2011


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: