La torre di Tanabrus

Did you miss me?

La città dei clown

Autore: Will Elliott
Editore: Mondadori
Prezzo: € 17,00
Pagine: 364

Trama

Il mondo in cui viviamo è un circo crudele popolato da pagliacci senza cuore, senza legge, senza pietà: noi. 
Questa è la storia terribile e selvaggia di Jamie, un ragazzo australiano sui vent’anni come tanti. Un lavoro piuttosto schifoso, di quattrini ne girano pochi, una casa in condivisione con coetanei che assomiglia pericolosamente a una stalla. Fin qui roba poco originale, tanto per intenderci. Ma un giorno Jamie è costretto con metodi assai sbrigativi a diventare un clown per il Pilo Family Circus, un’impresa familiare molto poco ortodossa che ha piantato i suoi tendoni in una specie di universo parallelo tra Brisbane, gli USA e l’Inferno. E va detto che è un posto in cui c’è veramente poco da divertirsi, visto che il circo è popolato da acrobati efferati, pagliacci sadici e mostri e mostriciattoli psicotici di diversa estrazione: si tratta insomma di un luogo dove lo spettacolo si confonde con la vita quotidiana in una spirale di violenze terribili e dove vengono perpetrate atrocità di ogni genere. Al centro di questa trama affascinante e crudele, c’è la figura di JJ, l’alter ego pagliaccesco in cui si trasforma Jamie non appena si dipinge di bianco, che si rivela forse la peggior carogna del gruppo e che per giunta ha un solo obiettivo: far fuori Jamie una volta per tutte. 
E’ una storia horror basata sul fascino ambiguo e malefico che emana la figura del clown? E’ un’investigazione sul cuore oscuro e schizofrenico che batte all’interno di ciascuno di noi? E’ la metafora spietata di una società in cui spettacolo, lotta per la sopravvivenza, carrierismo e disperazione da individuale si fondono per creare quel reality show da incubo che è la nostra esistenza quotidiana? 
E’ una pagliacciata, di sicuro.

Recensione

Continua a leggere

Annunci

12 Mag 2011 Posted by | Elliott Will | 3 commenti