La torre di Tanabrus

Did you miss me?

Incipit – Sanctuary: Redenzione (Serra Madre)


Stranamente il precedente racconto mi è piaciuto.
Dico stranamente perché il tema è praticamente una storia d’amore, e il fantasy rimane praticamente solo sullo sfondo. Ma è uno sfondo abbastanza potente, e ben radicato con l’incipit psichiatrico.

Il racconto di Antonia Romagnoli ci porta quasi in uno scenario amazzonico, una zona che descrive come una tra le più impervie della città.
Due barconi, una quindicina di persone che arrivano in questo luogo selvaggio in silenzio, in religioso silenzio.
Si intuisce che siano magari dei Cacciatori della Loggia, in missione per conto di un Maestro. Ma per fare cosa?
Interessante come incipit.

L’acqua, un baratro nero, lambiva la chiatta.
Un lieve urto, accompagnato dal fruscio del fondo sul terreno erboso. Lo scalpiccio delle suole sul legno, poi sul terreno fangoso. Tre ore di viaggio accalcati sulle due barche, l’odore acre del sudore e dell’eccitazione che copriva quello umorale della vegetazione sempre più fitta, dell’umifità e del marciume delle assi su cui posavano i piedi.
Dieci, quindici persone in tutto, silenziose come la notte in cui scivolavano tetre, lasciarono l’imbarcazione che le aveva trasportate nel cuore della Serra Madre, il luogo più impervio e sconosciuto della città.
Non un sussurro, così era imposto dalla Legge Superiore: ogni missione nasceva e moriva col suono della sola voce del Maestro. Chi infrangeva la legge, era trattato alla stregua delle Prede.

 

13 marzo 2011 - Posted by | Incipit, Romagnoli Antonia

Al momento, non c'è nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: