La torre di Tanabrus

Did you miss me?

L’angolo del cacciatore di libri (7-2011)


Eccoci arrivati al consueto appuntamento domenicale con L’angolo del cacciatore di libri.
Ovvero, i libri di cui ho scoperto l’esistenza nell’ultima settimana e che mi hanno affascinato. Oppure libri di cui solo in questi giorni ho letto recensioni tali da farmeli giudicare interessanti, e meritevoli di finire nella neverending queue… chissà quali di questi titoli alla fine riuscirò a leggere!

Gene Wolfe ci porta in un futuro Nord America allo stesso tempo familiare e completamente strano. Un ragazzo e una ragazza, Skip e Chelle, si innamorano al college e si sposano, ma lei è arruolata nell’esercito, c’è una guerra e deve rispondere alla sua leva obbligatoria prima di poter tornare a casa.
Ma l’esercito sta combattendo una guerra contro gli alieni in lontani sistemi solari, e i suoi mesi di servizio sono anni nel tempo relativo sulla Terra. Chelle torna per riprendersi da gravi ferite, dopo mesi di servizio, ancora una ragazza ma non necessariamente la stessa persona – mentre Skip ha quasi cinquant’anni ed è un imprenditore di successo, lieto del suo ritorno.
Ancora innamorati (con grande sorpresa e felicità di Skip), se ne vanno in crociera nei Caraibi per riprendere il loro matrimonio. La loro vacanza si trasforma rapidamente in una serie di complesse sfide, tra le quali ci sono spie, alieni e battaglie con i pirati che catturano la nave per chiedere un riscatto.
Non c’è alcuno scrittore di fantascienza come Gene Wolfe, e non c’è alcuna storia di fantascienza come Home Fires.

Che dire, la storia mi pare davvero bella!
Fantascienza, una lontana guerra che sa quasi di Starship Troopers, il differente scorrere del tempo e il ritrovarsi di due innamorati… solo che una è ancora una ragazza, e ha vissuto gli orrori della guerra, l’altro ha vissuto la sua vita e per lui sono passai più di venti anni.
E alieni, spie, pirati.
Sembra ci sia un ottimo finale, e l’autore pare rinomato.
Scoperto tramite  Liviu, è ovviamente in inglese.

 

Non è un libro, ma una sorpresa della 001 Edizioni che ha mandato in stampa un fumetto di John Byrne.
Next Men, serie che sarà proposta in sei volumi.
Di cosa parla? Fantascienza, mutanti, intrighi. Scritto negli anni ’90 per la Dark Horse, penso non resisterò al suo acquisto.

“Il ritorno di John Byrne in Next Men! Nel 1955, un’esplosione in Antartide attira l’attenzione di un gruppo di scienziati. Sul luogo dell’incidente trovano decine di cadaveri ed un unico sopravvissuto, Sathanas, che ucciderà tutti gli scienziati tranne uno. I due con l’aiuto del senatore Hilltop creeranno il Progetto Next Men. Un esperimento scientifico segreto per sviluppare uomini dalle capacità incredibilmente evolute, cresciuti per anni in un mondo di realtà virtuale. Quando cinque di questi “next men” riescono a fuggire nel mondo reale, inizia una caccia all’uomo fitta di misteri in cui si cominciano a svelare le malefiche trame di Sathanas. Nel primo volume presentiamo inoltre il prequel 2112 ambientato nel futuro, dove assisteremo alle azioni dell’agente Red dell’agenzia di difesa Safeguard, impegnato in una lotta all’ultimo sangue contro Sathanas e l’orda dei suoi immondi seguaci”.

Scovato su Comicsblog

13 febbraio 2011 - Posted by | Byrne John, L'angolo del cacciatore di libri, Wolfe Gene

5 commenti »

  1. home fires sembra bello, peccato che mi risulterebbe pesantissimo da leggere, causa la mia scarsa conoscenza dell’inglese. si sa se verrà tradotto in italiano?

    Commento di sgnaff | 13 febbraio 2011

  2. Mah, fino a oggi non mi sembra che siano stati tradotti gli altri suoi libri.
    A quanto ho capito i suoi libri di SF sono molto apprezzati all’estero, ma come genere da noi non sta avendo grande mercato, giusto gli Urania…

    Commento di tanabrus | 13 febbraio 2011

  3. ok, allora vedrò di non farci troppo conto…

    Commento di sgnaff | 16 febbraio 2011

  4. Ciao. Di Wolfe in Italia sono stati pubblicati i romanzi della saga del Nuovo Sole e diversa altra roba da Fanucci, Nord e Urania.
    I libri del Nuovo Sole sono i più famosi e facilmente reperibili.
    Certo, è roba moooolto pesante…

    Commento di murgen | 20 febbraio 2011

  5. Grazie dell’informazione, Murgen!
    Avevo fatto una ricerca su ibs senza trovare niente (giusto un libro del ’93 non disponibile, e vista la data e il fatto che era un solo titolo ho pensato a un omonimo).

    Commento di tanabrus | 20 febbraio 2011


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: