La torre di Tanabrus

Did you miss me?

Incipit – I pirati della Malesia


.

Si ritorna da Salgari, si ritorna al primo ciclo di Sandokan.
Dopo il bel I misteri della jungla nera si arriva al libro che fa ricomparire Sandokan e fa unire i personaggi dei primi due libri.
La cosa si capisce già dalle prime battute, durante le quali troviamo Kammamuri -il maharato servitore di Tremal-Naik– imbarcato sulla nave di un americano, diretto a Sarawak assieme a una misteriosa donna.
Chi sarà? Verrebbe da pensare ad Ada, ma alla fine del libro precedente avevamo lasciato il ragazzo tra i thugs mentre Ada era andata via col padre e con l’amato Tremal-Naik.
Cosa è successo da allora? Quanto tempo è passato? Kammamuri è davvero diventato un thug?
Scopriamo poi che Sandokan, malgrado la fine del primo libro, è tornato alle vecchie abitudini. Ha preso nuovamente residenza a Mompracem, ha di nuovo i suoi tigrotti e continua a fare il pirata e a ispirare terrore nei naviganti.
Che gli è successo? L’accenno di cambiamento che aveva mostrato in chiusura di libro è stato resettato, o è rimasto? E Marianna che fine ha fatto?

Molti gli interrogativi che nascono da queste prime righe, che vedono a differenza del passato un dialogo e non una lunghissima descrizione.
Da segnalare una frase di mastro Bill che penso possa ambire al premio come frase con la più alta densità di puntini di sospensione…

-Mastro Bill, dove siamo?
-In piena Malesia, mio caro Kammamuri.
-Ci vorrà molto tempo, prima di arrivare a destinazione?
-Birbone, ti annoi forse?
-Annoiarmi no, ma ho molta fretta e mi pare che la
Young-India cammini adagio.-

Mastro Bill, un marinaio sui quarant’anni, alto più di cinque piedi, americano puro sangue, sbirciò con occhio torvo il suo compagno. Questi era un bell’indiano di ventiquattro o venticinque anni, di alta statura, d’una tinta molto abbronzata, di lineamenti belli, nobili, fini, cogli orecchi adorni di pendenti ed il collo di monili d’oro che gli ricadevano graziosamente sul nudo e robusto petto.

-Corpo di un cannone! – gridò l’americano, indignato. -La Young-India cammina adagio! Questo è un insulto, maharatto mio.
-Per chi ha fretta, mastro Bill, anche un incrociatore che fila quindici nodi all’ora va adagio.
-Diavolo, cos’è tutta questa fretta, – disse il mastro, grattandosi furiosamente la testa. -Ohe, briccone, c’è qualche eredità da raccogliere? In tal caso mi pagherai una botte di gin o di whisky.
-Altro che eredità!… se sapeste…
-Di’, su, giovanotto.
-Non ci odo da questo lato.
-Capisco, tu vuoi fare il sordo. Uhm!… Chissà cosa c’è lì sotto!… Quella ragazza che hai con te… Uhm!…
-Ma!… Dite, mastro, quando arriveremo?
-Dove?
-A Sarawak.
-L’uomo propone e Dio dispone, ragazzo mio. Potrebbe piombarci addosso un tifone e mandarci a bere nella gran tazza tutti.
-Eppoi?
-Eppoi potrebbero giungerci addosso i pirati e mandarci al diavolo con due braccia di corda per cravatta e un
kriss piantato tra le costole.
-Eh! – esclamò l’indiano, facendo una smorfia. -Ci sono dei pirati qui?
-Come ci sono degli strangolatori nel tuo paese.
-Dite davvero?
-Guarda laggiù, dritto al bompresso. Cosa vedi?
-Un’isola.
-Bene, quell’isola è un nido di pirati.
-Come si chiama?
-Mompracem. Mette i brividi solo nominandola.
-Davvero?
-Laggià, mio caro, vive un uomo che ha insaguinato il mare della Malesia dal nord al sud, dall’est all’ovest.
-Come si chiama?
-Porta un nome terribile. Si chiama la Tigre della Malesia.
-Se ci assalisse, che cosa accadrebbe?
-Un massacro generale. Quell’uomo là è ancor più feroce delle tigri delle
jungle.

Annunci

13 febbraio 2011 - Posted by | Incipit, Salgari Emilio

1 commento »

  1. Il messaggio che vuole farci capire Salgari qual’è??

    Commento di Michele | 26 aprile 2015


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: