La torre di Tanabrus

Did you miss me?

Avarat


Finalmente ho letto Avarat, l’ultima fatica di Leo Ortolani.
La parodia uscita a Lucca Comics.

Come storia, diciamo che non è il massimo delle parodie fatte finora… sta diversi gradini sotto Il signore dei ratti, anche se potrei averla apprezzata meno per il fatto di non aver visto il film.

Ma non è la storia a entusiasmare, in questo caso. Non solo, e non principalmente.

Perché questo fumetto è in 3D.
Si, un fumetto in 3D.
Con occhialini rossi e blu inclusi, di cartoncino leggero.

Il mio primo pensiero è stato “ma che cavolo, un fumetto in 3D? Che stronzata è questa?”
Poi ho provato a leggerlo.
E incredibile… funziona!

A far rimanere a bocca aperta sono sopratutto le paginone con paesaggi e scene ad ampio raggio, in cui ci troviamo più e più livelli di profondità, mentre i baloon e i personaggi in primo piano sembrano bucare la carta per raggiungerti.
Davvero, non pensavo potesse rendere così bene.
Non è una cosa che bramo di ripetere a breve, la lettura di un fumetto in 3D, visto che mi scombussola un po’. Ma questo ha meritato.

Mi ha quasi fatto venire voglia di guardare Avarat, addirittura.
Ma dubito che in Avarat il protagonista giri con la carta di credito in bella vista, che le panetterie siano circondate da teschietti per scoraggiare gli estranei e che quando la protagonista vola, col gonnellino che si alza, i maschi della tribù pensino intensamente alle nonne morte per evitare imbarazzi dovuti al loro altrettanto corto gonnellino…

Una lettura piacevole, e sopratutto per quanto mi riguarda innovativa.
E a fine anno, la seconda parte. Sempre in 3D.

Autore: Leo Ortolani
Editore: Panini Comics
Prezzo: € 6,00
Pagine: 36, più schizzi, redazionali e occhialini 3D

Annunci

23 novembre 2010 - Posted by | Rat-Man

3 commenti »

  1. Ma davvero è il tuo primo libro illustrato in 3D? xD

    Una volta andavano di moda, da qualche parte in casa dovrebbero ancora esserci i vecchi libri in 3d di Jurassic Park di my big brother…

    Personalmente il boom del 3D al cinema non mi sta entusiasmando, perché i film in 3D che ho visto finora si concentravano tutti più sugli scenari spettacolari che sulla sceneggiatura…

    Spero che ora non parta la “febbre del 3D”… >_>

    Commento di Francesca | 23 novembre 2010

  2. Sai, Avarat non è venuto troppo bene perchè già Avatar era una parodia di film, in un certo senso.
    Ed odio quegli occhialini e la inutile visione in 3D, ed il mal di testa conseguente.

    Riguardo al film, anche se non lo vedi, non ti perdi granchè riguardo alle citazioni ed alle gag del fumetto Ortolaniano. Le gag del fumetto riguardano più l’aspetto “come realmente sarebbero andate le cose se non fosse invenzione e per ragazzini”.

    Commento di devero | 26 novembre 2010

  3. […] fine sono riuscito a leggermi Avarat 2, il seguito del volume uscito per Lucca […]

    Pingback di Avarat 2 « La torre di Tanabrus | 27 gennaio 2011


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: