La torre di Tanabrus

Did you miss me?

Übel Blatt


Ho letto i primi capitoli di questo manga online, incuriosito dalla pubblicità che ne faceva la J-Pop in occasione della fiera di Lucca. E mi sono piaciuti, così ho deciso di dargli un’opportunità comprandomi ai Comics i primi due volumi (#0 e #1)

Una saga dark fantasy molto intrigante e dura, il titolo tedesco (Lama maligna, dovrebbe venire più o meno) si sposa bene con queste atmosfere.

Siamo a Szalaandien, la terra della fecondità.
Venti anni prima, per porre fine a un periodo di guerre e di grandi pericoli, l’Imperatore inviò quattordici guerrieri in una missione segreta che avrebbe potuto fermare gli scontri.
Narra la leggenda che di questi quattordici guerrieri, cui erano affidate le quattordici lance sacre, tre morirono durante il viaggio diventando così i preziosi defunti; quattro tradirono l’Imperatore e si allearono con il nemico, venendo poi uccise in battaglia e prendendo il nome di lance del tradimento; i restanti sette guerrieri portarono a termine l’impresa restituendo alla loro terra le lance sacre e la pace, e diventando i sette eroi.
Ora però la pace è di nuovo in pericolo, al confine si sussuegono sempre più frequenti gli scontri, e l’esercito della spada con le ali nere sembra guidato dalle lance del tradimento in persona, tornate in vita dal regno dei morti. O mai morte.

Un periodo di grande crisi e di instabilità, tra armi magiche, eroi leggendari e valenti cavalieri.

Una terra preda dell’incertezza, attraversata da Köinzell, uno strano ragazzo con i capelli lunghi, le orecchie a punta e una strana cicatrice sull’occhio sinistro.
Un ragazzo innaturalmente rapido e letale con la spada, capace di evocare al suo servizio le lame nere e in grado di recuperare le energie grazie alla luna.
Un ragazzo deciso a trovare le lance del tradimento per vendicarsi di qualcosa accadutogli in passato, e pronto a inseguire anche i sette eroi.

Perché le leggende, alle volte, sono false.
Perché può anche capitare che arrivati alla foresta della morte, solo in quattro guerrieri abbiano avuto il coraggio di proseguire nel loro cammino mentre gli altri sette rimanevano indietro.
Perché può capitare che quando i quattro valorosi, vittoriosi, erano tornati dai compagni, questi li avevano attaccati e barbaramente uccisi per non essere tacciati di viltà e per prendersi gli onori spettanti ai quattro.
Perché può capitare che il giovane maestro di lame membro del gruppo, Ascheriit, dilaniato e fatto a pezzi dagli avidi compagni, fosse caduto da un dirupo e si fosse nutrito del corpo di un elfo della foresta della morte, ritrovandosi dopo dieci anni in un nuovo e giovane corpo, con poteri derivanti dall’unione con l’elfo Superiore e uno straziante desiderio di vendetta verso i falsi eroi che avevano infangato la memoria dei suoi amici.

La storia è davvero bella, ho divorato i primi due numeri e mi procurerò quanto prima gli altri volumi.

18 novembre 2010 - Posted by | Manga, Ubel Blatt

Al momento, non c'è nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: