La torre di Tanabrus

Did you miss me?

La corona di corni


Ed è finita.
Con questo corposo nono volume si conclude la saga dei cugini Bone da Boneville, catapultati all’inizio della storia nel vasto mondo reale, ben lontani dalla città in cui erano sempre vissuti (e dalla quale erano stati cacciati a causa delle truffe di Phoney Bone.

Una storia che unisce una storia prettamente fantasy (quella di Thorn e della Valle) alla comicità innata dei piccoli Bone (e anche dei rattodonti atipici che questi incontrano), in una miscela che ricorda moltissimo un Signore degli anelli in chiave Smith, con la Contea che invece che essere abitata da ingenui e fumaioli Hobbit è popolata dagli stranissimi Bone, e dalla loro civiltà che pare essere proprio come la nostra civilità moderna. Mentre il resto del mondo, popolato da umani, draghi, locuste, rattodonti e insetti parlanti, è un mondo feudale che ricorda ancora le dure lotte tra gli umani e il Male rappresentato dalla Locusta, un mondo dove i draghi dominavano il mondo dei sogni e dove la magia era reale.

In questo ultimo volume tutti i nodi vengono al pettine.
Le sorelle  Rose e Briar arrivano allo scontro finale, la Locusta si libera dalla prigionia e torna a palesarsi fisicamente nel mondo, Thorn e Fone Bone partono alla disperata ricerca della corona di corni che dovrebbe distruggere la Locusta ma che al contempo potrebbe distruggere anche la principessa, infettata da tempo dal Male dopo lo scontro mentale avuto in passato.
E il ritorno della famiglia reale nella capitale, la bramosia di tesoro di Phoney che si scontra con la fedeltà che lo lega ai cugini e i nuovi sentimenti di lealtà e coraggio che sembrano sgorgagli dal petto in queste ultime pagine, Smiley Bone con il suo cucciolo di rattodonte, il ritorno della magia e dei draghi nel momento dello scontro finale…

Alcune cose mi hanno lasciato perplesso: la gestione della questione corona di corni, ad esempio, che doveva essere potenzialmente distruttiva per Thorn e che invece si rivela essere -da questo punto di vista- solo la classica luce alla fine del tunnel; il cameo finale di Rock Jaw, che però non fa assolutamente niente tranne timbrare il cartellino per comparire nelle battute finali.

A parte questo, comunque, il finale è stato all’altezza del resto della storia, una degna conclusione per un’ottima saga.
Le scene, gli avvenimenti, le battaglie, la psicologia dei personaggi. Tutto bello, tutto coerente, tutto reale.

E chi non l’avesse ancora letta, e fosse spaventato dal prezzo dei nove volumi Panini Comics a colori… il prossimo anno dovrebbe uscire un mega-volume con tutta la saga racchiusa in un unico tomo. In bianco e nero.
A tipo una trentina di euro.

Cioè, meno di così non esiste… a quel punto non avrete scuse per non leggerla!

Annunci

30 ottobre 2010 - Posted by | Bone, comics

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: