La torre di Tanabrus

Did you miss me?

L’angolo del cacciatore di libri (2)


Secondo appuntamento con i libri scoperti negli ultimi giorni in giro per il web.


Il primo libro l’ho scovato sul blog di Anita. Sembra un libro divertente, una sorta di Zits senza vignette e scritto dal punto di vista del padre. Dubito lo prenderò, onestamente, ma se capitasse a prezzo stracciato o in prestito da qualcuno, una lettura gliela darei.

Di ben altro genere il libro di Rae Mariz trovato tramite Doctorow.
Un futuro nel quale il sistema scolastico, in bancarotta, è stato aiutato dai privati. Centri commerciali trasformati in scuole sorvegliate in cui l’educazione è trasformata in giochi sponsorizzati che portano a curricula creativi e alla creazione di prodotti generati da studenti e venduti ad altri studenti.
La protagonista è una ragazza chiamata Kid, che non eccelle in niente, non ha amici sul suo profilo e non è convinta del sistema-industria. Il che la rende una candidata ideale per gli sponsor, che vogliono raggiungere anche gli scontenti, gli emarginati che non accettano il sistema. Così questi sponsor cercano di seguirla e controllarla quando lei prende contatto con questi anti-corporazioni, per usarla per vendere nuovi prodotti anti-sponsor ai dissidenti.
Pare affascinante.
In inglese, ovviamente.


Di questo libro avevo sentito già parlare, ma poi mi era passato di mente.
L’ho ritrovato sul blog di Glauco, e mi è tornata la voglia di leggerlo.
Eudemonia è una città dove ai delinquenti viene offerta un’alternativa alla prigione. Uno sconto di pena, la  libertà… ma questa libertà sarà pagata  indossando per l’intero periodo la Banesuit, una tuta integrale (un involucro completo, insomma) che isola totalmente dal mondo il prigioniero collegandolo invece a una A.I. (Custodian). Il prigioniero non vede e non sente niente, è l’A.I. a dirgli cosa succede e dove può andare. Non può avere contatti umani con altre persone, non può utilizzare dispositivi di alcun tipo, deve vivere in zone libere della città senza avvicinarsi alle proprietà private. Una giornalista si intrufola in queste Banesuit per investigare su questo trattamento riservato ai prigionieri, ma…
Ne ho sentito parlare bene da più parti.

Questo libro invece vira sull’horror, dopotutto la fine di ottobre si avvicina…

Brinkley Springs è una piccola cittadina morente. L’industria locale si è esaurita, e e i cittadini stanno lentamente andando via, verso nuove opportunità; chi rimane può finire col desiderare di essersene andato molto prima, quando la notte cade…
L’oscurità porta alla città cinque stranieri che non se ne andranno fino a quando ogni singola creatura vivente in Brinkley Springs sarà morta, o fino a quando non sorgerà il sole il mattino seguente. Hanno già fatto la stessa cosa in altre città per secoli, e sono molto bravi in quello che fanno. Per qualcuno, questa notte finirà rapidamente in un’apoteosi di sangue e terrore; altri scopriranno di avere una possibilità di lottare per tentare di sopravvivere fino all’alba. L’alba comunque è ancora lontana, e l’unica cosa certa è la morte…

Trovato sul blog di Graeme, in inglese.

Una storia di zombies, necromanti, creature anfibie, serial-killers e travestiti, scoperta grazie a Liviu.
Quindici capitoli, per i quindici punti del piano di riabilitazione della società di pompe funebri gestita da Finkle (l’uomo con l’accetta), assistente del boss Sink (quello vestito in rosa con la gonna). Gli altri protagonisti sono la poliziotta Fawles, che vuole sbattere Sink e la sua gente in galera; l’altra assistente di Sink, Vona, una sorta di sirena verdastra messa a fare la donna delle pulizie; il rivale di Sink, cioè l’amante delle pistole Torvaud; il ragazzo della cucina sovrappeso, Percy.
Una storia dark e divertente, molto divertente.

Annunci

17 ottobre 2010 - Posted by | Astruc R. J., Keene Brian, L'angolo del cacciatore di libri, Mariz Rae, Moak Erika, Schwed Alessandro

1 commento »

  1. Grazie per i consigli!

    Commento di Aislinn | 18 ottobre 2010


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: