La torre di Tanabrus

Did you miss me?

Hi-tech schools


Ho letto recentemente di un paio di iniziative lodevoli riguardanti la scuola.
E il suo ammodernamento.

Si tratta di due scuole, una in America e una -udite, udite!- in Italia, che hanno scelto la modernità e la tecnologia, la sperimentazione.

In Florida, i 2100 studenti del liceo Clearwater riceveranno un Kindle a testa.
Ovviamente useranno quai tutti libri di testo in formato elettronico, facendo sparire il peso degli zaini e abbassando considerevolmente le spese sostenute per l’acquisto dei libri di testo. E inoltre tutti e 2100 godranno dell’accesso a internet (seppur limitato alla versione testuale ma gratuita di Kindle… diciamo che sarà un internet utile per fare ricerche specifiche, ad esempio su wikipedia, ma meno per ricerche interattive o per lo svago. Molto scolastico, quindi).
Una gran bella iniziativa.

Ed ecco la vera sorpresa:  il liceo Lussana di Bergamo ha deciso, grazie a un finanziamento di 10.000 € ricevuto dall’ufficio scolastico regionale, di sperimentare la possibilità e i vantaggi dell’utilizzo dei libri elettronici e multimediali. Ha così provveduto all’acquisto per una fortunata classe di prova (la 4 L) di un i-pad a testa, più alcuni e-book reader (per chi fracasserà l’i-pad, immagino), un proiettore da pc e un maxischermo.
Iniziativa molto interessante, pure questa, sopratutto considerando che si tratta dell’Italia!

Le vere sfide saranno due:
da un lato capire se gli studenti sono pronti a studiare su supporti digitali, e se la cosa gli riuscirà agevole (a me all’università non dava fastidio studiare sui pdf al computer, ma certo al liceo avrei sofferto il non poter farcire il libro di latino di suggerimenti da sfruttare durante le rapide interrogazioni a tappeto sulle versioni da tradurre a casa);
dall altro, come affronteranno la novità gli insegnanti. Che, diciamocelo, è il maggior punto interrogativo dell’intero affare. Sapranno riciclarsi? Dovranno essere in grado di usare questa tecnologia (alcuni dei miei professori del liceo non ne sarebbero stati in grado. Diciamo pure quasi tutti, và…), e poi dovranno pensare di cambiare modo di insegnamento passando magari a una modalità più interattiva, più tecnologica e multimediale. Proiezioni, utilizzo di internet…
Vediamo che succederà, comunque fa piacere sentire di questi tentativi.

Annunci

16 settembre 2010 - Posted by | e-book | , ,

9 commenti »

  1. Hai dimenticato: quanto dureranno gli iPad nelle classi?
    Comunque è l’unico caso in cui torna utile l’incapacità di multitasking dell’iPad: è più difficile fingere di star seguendo sul libro mentre si fa altro 😀

    Commento di CMT | 16 settembre 2010

  2. Qui da me mi sa che non si potrebbe, finirebbero distrutti o fatti sparire nel giro di poche settimane… ^^”
    Ricordo che ai computer del liceo spariva sempre la pallina del mouse…

    Commento di Francesca | 16 settembre 2010

  3. 10.000 euro buttati nel cesso 😦

    Commento di Valberici | 16 settembre 2010

  4. Ma dove li prendono gli appunti? Soprattutto per quanto riguarda l’italiano (testi poetici in particolare) trovo piuttosto complesso l’uso esclusivo dell’i-pad.

    Commento di giulia | 16 settembre 2010

  5. @ CMT: Esatto!! 😀

    @ Francesca: Anche da me succedeva… un mio amico, romanticone, portò in dono alla fidanzata il tasto “L” di una tastiera scolastica, visto che il suo nome cominciava per L

    @ Val: Certo, spero che non ci fossero scuole nella regione in condizioni di necessità (riparazioni alle struttre, mancanza di materiale). A parte questi interventi prioritari, non vedo nulla di male nel tentare sperimentazioni didattiche…

    @ Giulia: Già, ed è il motivo per cui spero che facciano sapere in rete come sono andate queste sperimentazioni. Come procede il “rodaggio” lato studenti e lato insegnanti. Come convivono con i libri digitali.

    Commento di tanabrus | 16 settembre 2010

  6. Proprio romantico l’amico tuo, poteva almeno portarle il tasto di una tastiera SUA… o_O L’equivalente nerd dello strappare i fiori dal giardino del vicino invece che comprarli dal fioraio…

    Commento di Francesca | 16 settembre 2010

  7. Le sperimentazioni vanno fatte seguendo un metodo e con le necessarie conoscenze, questa non è una sperimentazione ma un’improvvisazione.
    Per cominciare l’iPad NON è adatto per leggere libri o testi, NON è un sostituto di un portatile, NON usa tecnologie e software “aperti”, NON è economico, NON è comodamente interfacciabile con normali pc..e potrei continuare.
    Coi diecimila si creava una classe virtuale con server linux, netbook e lettori Kindle, e questa sarebbe stata una sperimentazione un po’ più sensata.
    Ma si sa che quando si è incompetenti non resta che seguire la moda del momento 😦

    Commento di Valberici | 16 settembre 2010

  8. Io infatti preferisco la sperimentazione americana… non conoscendo dal vivo l’iPad, però, aspetto di vedere i risultati della sperimentazione per trarne qualche dato.
    Io so che lo schermo non è quello di un e-reader, che non è multitasking e che fa un po’ di tutto senza eccellere in niente. In pratica è ingegneria gestionale. O il 90% del corso di tlc.
    Ma non avendolo mai nemmeno guardato, non ho idea di eventuali suoi possibili utilizzi didattici.
    Spero abbiano chiesto il parere di qualcuno, magari un fondamentalista Apple ma pur sempre qualcuno del settore…

    p.s. Jobs ora sta pensando di creare la Apple TV. Noi l’abbiamo già da tempo, in Italia, la Apple TV… dovrà pagare i diritti alla Melavisione, per il nome? 😀

    Commento di tanabrus | 17 settembre 2010

  9. Come per tutte le sperimentazioni scolastiche roboantemente annunciate, anche per questa non ci sarà dato di vedere i risultati. 😦

    Commento di Valberici | 17 settembre 2010


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: