La torre di Tanabrus

Did you miss me?

Doctor Who, season 1


Ho finito adesso di guastarmi la prima stagione del nuovo Doctor Who, di cui avevo già parlato un poco qualche tempo fa.

Ora che ho finito la stagione, e che ho pure finito il Dottore (visto che dalla prossima stagione ci sarà il decimo Dottore), tiriamo qualche somma.

La serie mi è piaciuta molto, moltissimo.
Il Dottore è una sorta di MacGyver dello spaziotempo, che affronta armato solo del suo cervello, di un cacciavite sonico e della sua astronave vivente TARDIS. Potrebbe girare con un arsenale tale da distruggere ogni nemico che gli si pari dinnanzi -o quasi- ma non lo fa. Si affida all’inventiva e all’ingegno, e all’aiuto dei suoi compagni di viaggio.

Si salta da futuri lontanissimi nel tempo (come in The end of the world, in cui il Dottore e Rose assistono in prima fila alla morte della Terra assieme a membri facoltosi di svariate altre razze spaziali) a viaggetti nel passato in cui possiamo magari incontrare Dickens.
E sempre senza dimenticare il fattore Rose, con il suo micromondo nel presente: la madre, il padre morto quando era una neonata, il fidanzato abbastanza sfigato. Una vita normale e piatta da cui fugge grazie all’intervento del Dottore, e a cui poi sembra difficile poter fare ritorno.

Del resto, dopo essere stati tra le stelle e in mezzo a razze aliene, dopo aver visto il passato della Terra e svariate epoche future, dopo aver contribuito a salvare l’umanità più e più volte… come si fa a tornare a lavorare  come commessi in un centro commerciale, vivendo tra il lavoro, i mezzi pubblici e i cibi precotti?
Arrivati a un certo punto, semplicemente si è visto troppo per potersene stare buoni in un angolino a osservare la storia dipanarsi lentamente.

E come non citare, nell’ottimo season finale (Bad wolf e Parting of the ways), la comparsa in pratica di un’emulatrice di Jean Grey nella sua amata versione Fenice? L’aspetto è quello, l’alone giallognolo\rossastro c’è, il potere c’è.
Quando l’ho vista, giuro, ho pensato seriamente alla Fenice della Marvel.

Unico punto negativo: i Dalek sono ridicoli, come aspetto. Più che la razza più pericolosa dell’universo, mi fanno pensare al vecchio robot giocattolo Emilio o agli aspirapolvere a cilindro…

La stagione mi è piaciuta enormemente, ora vediamo come proseguirà la storia con il famosissimo e veneratissimo decimo dottore, David Tennant, al posto del nono dottore (quello di questa prima stagione, Christopher Eccleston).

Chiudo con un elenco degli episodi di questa prima stagione.

Rose (in cui si conosce il Dottore, il Dottore conosce Rose e si forma la coppia dei protagonisti, in mezzo a un attacco alieno)
The end of the world (di cui ho già parlato… il Dottore porta Rose ad assistere alla fine del mondo, anche se c’è chi ha i propri piani al riguardo)
The unquiet dead (dopo il futuro, il passato. Con Dickens, una casa stregata e dei morti che tornano in vita)
Aliens of London (si fa un salto nel presente, giusto in tempo per assistere alla caduta di un’astronave aliena su Londra)
World War Three (il seguito di Aliens of London, con il Dottore, Rose e il suo ragazzo a cercare di salvare il mondo dagli alieni)
Dalek (il Dottore è attirato da una sorta di grido di aiuto, e risale fino a un complesso segreto in cui vengono collezionati e studiati reperti alieni. Tra i quali figura anche un Dalek, superstite dell’antica razza nemica dei Timelords)
The long game (torniamo avanti nel futuro, su un satellite artificiale pensato per la televisione, al tempo del Quarto Grande Impero Liberale Umano. Ma qualcosa sembra frenare lo sviluppo che l’umanità avrebbe dovuto intraprendere…)
Father’s day (il Dottore dona a Rose la possibilità di vedere suo padre)
The empty child (un relitto vaga nello spaziotempo, e il Dottore lo insegue fino alla Londra durante la seconda guerra mondiale, dove conosceremo il capitano Jack e uno strano bambino in cerca della sua mamma)
The doctor dances (il seguito di The empty childs. Che disastro può provocare un’ambulanza da guerra spaziale ipertecnologica e in avaria?)
Boom town (si ritorna nel presente, e ricompare qualcuno già incontrato durante questa stagione)
Bad Wolf (da diverso tempo il Dottore, Rose e Jack si imbattono in queste parole misteriose: bad wolf, lupo cattivo. Quando si ritrovano prigionieri di alcuni reality cruenti sul satellite che pensavano di aver liberato dal marciume in The long game, e scoprono che la produzione delle trasmissioni si chiama bad wolf, la puzza di marcio si fa evidente)
Parting of the ways (il season finale. Sappiamo chi ha portato qui il Dottore e perché, sappiamo chi è il nemico. Quello che non sappiamo è come il nemico verrà sconfitto, e a che prezzo. Fin dove si spingerà il Dottore? E che c’entra la Fenice di cui ho parlato prima? Un bellissimo finale, e addio nono dottore.)

Annunci

3 settembre 2010 - Posted by | Doctor Who, Serie tv | , , , , , ,

6 commenti »

  1. E le prossimi stagioni sono ancora più belle 😀

    X-Bye

    Commento di imp.bianco | 3 settembre 2010

  2. Concordo con l’imperatore qui sopra. Le seguenti sono spettacolari, e la seconda stagione è da urlo.

    Sui Dalek: mi sa che conviene che ti abitui presto… XD

    Commento di sommobuta | 3 settembre 2010

  3. Noooooooooooooooooooo!
    Ex-ter-mi-na-te! Ex-ter-mi-na-te!

    Sono ridicoli!!!! 😀

    Commento di tanabrus | 3 settembre 2010

  4. L’aspetto dei Dalek (ma non sono i soli: vedrai i Cybermen, vedrai K-9, vedrai i Sontaran!!! le patate spaziali! e non parlo di belle ragazze) è uno dei tanti tributi che vengono fatti alle stagioni classiche.
    Nemmeno io li sopporto, anche perché sono fastidiosi e urlano sempre… ma c’è almeno una puntata (tra taaanto tempo) in cui il celeberrimo EX-TER-MI-NATE! mette i brividi addosso.
    Dai, su, ci si convive ahimé 😉

    Commento di Ema | 6 settembre 2010

  5. I Cybermen li ho incontrati ieri sera… orrendi! 😀
    Ma se si tratta di omaggi alla vecchia serie, allora mi vanno già meglio 🙂

    Commento di tanabrus | 6 settembre 2010

  6. sì, hanno scelto di lasciarli così com’erano stati creati. A mio avviso hanno un po’ esagerato tra corsi e ricorsi ma prima o poi ti ci abitui.

    Commento di Ema | 7 settembre 2010


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: