La torre di Tanabrus

Did you miss me?

Insecta


Questo e-book è liberamente distribuito dall’autore sul suo sito, e non è (ancora) stato pubblicato come libro. Dico “ancora” perché mi è piaciuto davvero molto, e con qualche limatura penso non sfigurerebbe affatto in versione cartacea nelle librerie.

Si tratta di un e-book nato a puntate -a capitoli- sul blog di Gianrico, di cui al momento è disponibile una prima stesura non definitiva. Mi sembra di ricordare che dei beta reader assetati di sangue fossero stati sguinzagliati a caccia di refusi, quindi immagino la seconda versione risulterà migliore di quella già buona che mi sono letto in vacanza.

Di cosa parla questo e-book?

Parla di un mondo futuro in cui l’umanità è quanto meno messa di merda.
Si sa, un esperimento tira l’altro, le possibilità aperte dalla genetica fanno arrapare e tutti abbiamo bene in mente i risultati ottenuti con mezzi limitati dall’esimio dottor Frankenstein. Quindi diversi scienziati devono aver pensato fletto i muscoli e sono nel vuoto, andando a briglia sciolta.

In principio erano insetti più grandi del normale. Poi l’uomo ci ha messo lo zampino per ucciderli, la natura ha avuto la sua evoluzione per resistere. E ancora e ancora e ancora.

Adesso gli uomini vivono in nidi di ferro, grotte sotterranee ricoperte di metallo. Gli unici luoghi in cui possono considerarsi al sicuro da loro.
E loro sono gli insetti. Insetti giganti, enormi, fortissimi. La nuova specie dominante sul pianeta Terra. Creature crudeli che sciamano ovunque a caccia di cibo, e si sa che l’umano è il cibo più prelibato sul mercato.
Ovviamente questa situazione ha deteriorato un pochetto la civiltà umana, non solo nel numero drasticamente ridotto ma anche nelle conoscienze scientifiche e sul passato. Non sanno da dove vengono, che storia hanno avuto in passato. L’uomo specie dominante è solo un mito, una leggenda. Sanno che un tempo erano forti, costruivano armi potenti. Ora non saranno all’era della pietra, ma ci sono vicini.
Eppure, sopravvivono.

E naturalmente si sbagliano, sugli insetti. Non sono bestie crudeli.
Sono bestie intelligenti. Hanno sviluppato una loro civiltà, hanno un loro linguaggio, una coscienza. Vivono nelle città degli uomini, divisi a seconda delle razze ma in paca tra loro, governati da un consiglio delle razze.
Si, lo so, detta così sembra una cretinata, ma nel libro tutto è serissimo e dotato di senso. Tutto ha un suo perché.

Entrambe le specie vedono l’altra come priva di intelligenza, bestiale. Uno vede il predatore che vive per mangiarlo, l’altro il bocconcino che cerca sempre di sfuggirgli di sotto il naso.

Ma qualcosa sta cambiando, l’avoluzione si è ricordata anche degli uomini.
Stanno nascendo dei telepati, in grado di collegarsi agli insetti. Di entrare in contatto con loro, nelle loro teste. Un’arma micidiale in questa guerra per la sopravivvenza, che potrebbe ribaltare le sorti dell’umanità.

Sempre che non accada qualcosa di peggio… tra guerre, sospetti, misteri del passato e razze segrete, un’oscura minaccia incombe sempre più pressante sul mondo.

Un bel libro di fantascienza, i primi capitoli mi hanno fatto pensare quasi a Starship Troopers. Poi la cosa si è evoluta, abbiamo avuto una visione sempre più d’insieme.
Ecco, l’unico difetto che ho trovato è che a volte l’introduzione di nuovi punti di vista spiazza un poco, per quanto sia necessario ai fini della storia.
A parte questo, la storia mi è piaciuta davvero tanto, compreso il finale (che di solito è la cosa più difficile da scrivere).

In bocca al lupo, Eleas, per me merita la pubblicazione!

Annunci

29 agosto 2010 - Posted by | Gambino Gianrico | , ,

10 commenti »

  1. Son quasi commosso, grazie Tanabrus lieto che ti sia piaciuto. Per il resto prima lo correggo, poi vediamo se interessa a qualcuno.

    Commento di Eleas | 29 agosto 2010

  2. Io ho seguito INSeCTA man mano che Gianrico lo scriveva e aspettavo sempre con impazienza il capitolo successivo! Tra l’altro l’autore si dimostrava in ogni modo disponibile a leggere opinioni e commenti di tutti.
    E se un po’ conosco l’autore vedrai che la seconda stesura sarà ancora meglio, perché Gianrico è uno che non si accontenta… quindi aspettiamo fiduciosi …e sì, anche la versione cartacea, non è per niente da escludere.

    Commento di iri | 29 agosto 2010

  3. Anche secondo me merita la pubblicazione, ora però occorre una bella revisione. 🙂

    Commento di Valberici | 29 agosto 2010

  4. Se può far comodo, mentre leggevo sul Kindle ho segnato alcuni errori man mano che li trovavo.

    Commento di tanabrus | 29 agosto 2010

  5. iri è stato un prezioso osseervatore commentatore non ché illustratore, i suoi disegni hanno una loro galleria sul mio blog. Sto attendendo i saggi revisori che mi diano le loro osservazioni.

    val poi ti telefono eheheh 😀

    tanabrus FA comodo, manda via mail TUTTE le osservazioni saranno usate per migliorarlo.

    Commento di Eleas | 29 agosto 2010

  6. Eleas: telefonami a fine settimana, sarò pronto…e assai severo 😀

    Commento di Valberici | 29 agosto 2010

  7. ciao tanabrus, non potevo esimermi dal fare un commento… Anche io, insieme ad Iri, ho atteso man mano la pubblicazione dei vari capitoli di Insecta, e seppur profana, ho fatto commenti in merito. Concordo con te lo ritengo una buona base di partenza da elaborare per raggiungere buoni risultati… quindi caro Eleas mettiti sotto, che attendiamo tutti nuova stesura riveduta e migliorata.

    Commento di barbara | 29 agosto 2010

  8. Vedo con piacere che non sono l’unico ad avere apprezzato Insecta… purtroppo non l’avevo potuto leggere mentre era pubblicato per il semplice motivo che nemmeno conoscevo il blog, prima, e che non avevo tempo di mettermi in pari poi.

    Appena ce la faccio ritrovo le note sul kindle e te le passo, Eleas.

    Commento di tanabrus | 29 agosto 2010

  9. val mo me lo segno per citare un troisi qualunque

    bb grazie 😉 provvederò appena i probi correttori mi passeranno le revisioni e i consigli

    tanabrus attendo le tue note e grazie ancora

    Commento di Eleas | 29 agosto 2010

  10. […] Insecta si parlicchia da Valberici, da Tanabrus (vecchia recensione adesso attendo quella nuova) e da Fab (articolo ripreso in toto da […]

    Pingback di La lista | RimedioUniversale | 28 aprile 2012


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: