La torre di Tanabrus

Did you miss me?

Doctor Who


Doctor Who.
Una serie che mi ha sempre terrorizzato. Mica per altro, ma vedendo 32 stagioni un patito di continuitynon può che essere colto da tremiti inconvulsi. Sopratutto se pensa che le prime 26 sono andate in onda a partire dagli anni sessanta.
Cioè, per recuperare il tutto -sempre che sia possibile- e capirci qualcosa avrei dovuto guardarmi fantascienza di cinquanta anni fa.
Già ridevo dei vecchi episodi di Battlestar Galactica, che era più vecchia di una quindicina di anni… pensare di recuperare le vecchie stagioni di Doctor Who era un pensiero ridicolo.

D’altronde, partire nel mezzo degli eventi sarebbe stato per me altrettanto impossibile. Non avrei conosciuto la storia, i personaggi, i riferimenti, le battute! Non avrei mai resistito!

E poi, la scoperta.
La scoperta che la serie era ripartita nel 2005, con un ottimo starting point visto che si arrivava da decadi di silenzio, mi ha spinto a provare.
Prima ho provato un paio di episodi dell’ultima stagione, la quinta (che per hobby mi ero preso mano a mano che uscivano gli episodi). Convinto da questi, sono passato alle stagioni precedenti, andandomene in rigoroso ordine.

Dopo aver visto 7 episodi della prima stagione (nuovo corso) posso dire che si, Doctor Who mi piace.
Non ha grandissimi effetti speciali, non ha supereroi o gente invincibile, molti alieni sono ridicoli quanto alcuni mostri della serie Sanctuary (che pure mi piace). Ma la serie mi piace.

Di cosa parla?

Parla delle avventure del protagonista, che si fa chiamare semplicemente The doctor. Il Dottore è un Timelord, ultimo sopravvissuto di una razza di alieni in grado di viaggiare nel tempo. La sua gente però ha incontrato l’estinzione al termine di un conflitto universale (la guerra del tempo?) e solo lui si è salvato.
Ed è tornato sulla Terra, dove era già stato spesso in passato e dove addirittura era stato esiliato negli anni ’70.
Un po’ protegge la Terra dagli alieni, un po’ si limita a vagare per la storia assistendo ai grandi eventi, partecipandovi.
Una cosa molto interessante del Dottore è il fatto che la sua razza ha un buffo ciclo vitale, che gli consente dodici rigenerazioni del corpo. In pratica, quando muore si rigenera in un nuovo corpo. Il che aiuta moltissimo con i cambi di attori, tra le altre cose.

Il Dottore viaggia nel tempo e nello spazio (anche se raramente riesce ad arrivare dove e quando vuole lui con esattezza) grazie al TARDIS, una sorta di tesseratto\nave spaziale\macchina del tempo che all’esterno ha le sembianze di una cabina telefonica blu con scritto Police. All’interno è enorme, ci sono comandi complessi e assurdi per azionarla e una volta azionata scompare per materializzarsi a destinazione.

Il Dottore poi viaggia sempre in compagnia. Donnaiolo che non è altro, a quanto ho capito si sceglie sempre una compagna da stupire portandola nello spazio o nel passato.
Il che poi è tutto ciò che fa: viaggiare per assistere agli eventi. Anche se poi gli eventi prendono sempre una piega inaspettata e finisce per esserne sempre coinvolto, e al diavolo la regola di non interagire mai.

E questo avviene sia che ci si trovi nel presente, dove possono arrivare alieni irrispettosi degli accordi universali; nel futuro, tra razze aliene e un’umanità evoluta, in mezzo a intrighi stellari; nel passato, con la partecipazione di grandissime personalità come Dickens o Churchill.

La cosa più interessante, oltre alle ambientazioni sempre nuove delle rappresentazioni future, è che il Dottore sembra una sorta di MacGyver, visto che gira disarmato e portandosi dietro solamente una sorta di “apritutto universale”, un congegno in grado di aprire qualunque serratura o porta.

Non penso possa piacere a tutti, ma una possibilità direi che gli va data di sicuro. Magari anche solo i primi episodi della quinta stagione (dove gli alieni mi sembrano più credibili che nei primi episodi della prima, onestamente).

Annunci

21 agosto 2010 - Posted by | Doctor Who, Serie tv | , , ,

6 commenti »

  1. Il Doctor Who è ormai uno dei miei telefilm preferiti. Lo adoro. Non vedo l’ora che ci siano i nuovi speciali della quinta serie e che ci siano anche gli episodi della nuova stagione di Torchwood (che ti consiglio vivamente di vedere, soprattutto la terza stagione…)

    X-Bye

    Commento di imp.bianco | 21 agosto 2010

  2. DOctro who è splendido. Oramai ho sviluppato una dipendenza dal whoverse. Mi guardo quello, torchwood, le avventure di sarah jane (più per bambini ma carino) e adesso che non c’è altro persino i meking of che trasmettono con dr who confidential.

    Non guardatelo! Non entrate nel tunnel! Non c’è uscita!

    Commento di Anonimo | 24 agosto 2010

  3. (giusto perchè avevo dimenticato di firmarmi)

    Commento di sauroneraunbravoartigiano | 24 agosto 2010

  4. E’ il mito delle serie televisive, io pure l’ho scoperto da poco (un paio d’anni). E ho, come te, cominciato dal “restart” che poi restart non è perché si avvale di tutto il trascorso delle stagioni classiche senza però costringerti a conoscerlo. Ho adorato David Tennant, storto un po’ il naso su Matt Smith (l’attuale incarnazione).
    Ti consiglio vivamente di guardarlo in lingua originale, anche perché le ultime due stagioni (speciali compresi) non sono tradotte. Vedrai, proseguendo la visione, che una delle cose meravigliose (a mio avviso, ma io sono un fan sfegatato) è che tutti i dettagli, anche più stupidi, di ogni puntata sono parte di un tutto più grande che in genere si svela nel finale di serie. Quando arriverai al finale di quarta stagione (Stolen Earth/End of Journey) ti consiglio di tirarti giù tutti gli speciali successivi, 4, bellissimi tranne forse il primo, e spararteli in rapida successione. Magari col primo episodio di quinta.
    Io alla fine del quarto speciale ho pianto, ma io sono emozionabile su certe cose. 🙂
    Quasi ti invidio 😉
    Ah, se ti interessa un mio commento sul nuovo Dottore (non troppo spoileroso) vai qui: http://nientedivero.wordpress.com/2010/07/05/lundicesimo-dottore/ . Subito dopo trovi anche un commento sull’ultima serie di Torchwood (mooolto spoileroso).

    Commento di Ema | 25 agosto 2010

  5. Azz, un po’ mi ha demoralizzato il tuo commento, Ema… non ho ancora visto Tennant, speriamo di non rimanere deluso dall’undicesimo.

    Che poi, hanno ancora due dottori a disposizione prima di esaurire le rinascite… dopo che faranno? Virerà al lato oscuro delle rinascite come certi nemici?

    Commento di tanabrus | 26 agosto 2010

  6. guarda, molti timelord hanno dimostrato che il limite delle incarnazioni è molto “aggirabile” 🙂 c’è una bellissima parodia su youtube in cui il Dottore è interpretato da Rowan Atkinson e l’ultima incarnazione è femminile… e ogni volta il Dottore non esclude mai questa possibilità. Vedremo, vedremo.
    Comunque non preoccuparti del mio commento: io ero già sul piede di guerra, da spettatore esigentissimo. Conosco altri che già adorano Matt Smith. E in ogni caso Karen (la nuova Doctor-girl) mette d’accordo tutti 😉
    PS La sceneggiatura della terza puntata della nuova stagione è in fase di rifinitura da parte di Neil Gaiman.

    Commento di Ema | 30 agosto 2010


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: