La torre di Tanabrus

Did you miss me?

Black Summer


Chi controlla i controllori?
Lo diceva Giovenale, lo ripeteva Moore in Watchmen.
Ellis riprende il filone in questa storia, Black Summer.

Abbiamo un gruppo di supereroi, potenziati artificialmente grazie principalmente al genio di tre persone. John, Tom, Frank. Pistole connesse direttamente alla mente di questi superesseri, dalla capacità distruttiva illimitata. Impianti nel corpo di questi volontari, in grado di connetterli tra di loro e di conferirgli straordinari poteri, tutti diversi.
Le Sette Pistole, venivano chiamati, finché Frank non è morto, e tempo dopo non è morta pure Laura lasciando Tom senza una gamba e in lutto, ormai ritirato a vita privata.

Giustizieri, gente decisa a cambiare in meglio il mondo, a lottare contro i soprusi e la corruzione.

Finché il loro membro più potente, John Horus, non entra insanguinato nella sala conferenze della Casa Bianca annunciando candidamente di avere appena giustiziato il presidente degli USA e tutto il governo. Perché erano corrotti, schiavi delle multinazionali. Perché le guerre in Iraq non erano giuste, ma mosse solo da interessi monetari che avevano causato morti e sofferenza. E dall’alto del suo potere, Horus ha ordinato all’America di tenere nuove elezioni. Su cui avrebbe vegliato lui stesso, a garantirne la legittimità.

Quasi subito, arriva un comunicato del leader della Sette Pistole, Heracle. Che si dissocia da questo gesto, lo condanna, spiega che loro non hanno più contatti con John, si offre disponibile per aiutare l’esercito.
Ma l’America ha altri piani.
Non fa in tempo ad apprendere la notizia, che Tom riceve una visita inaspettata. Frank, vivo e vegeto, accompagnato da una nuova Pistola. Scopre che le Sette Pistole, a causa dei loro innesti, stanno impazzendo. E che Frank lo aveva previsto, aveva finto la propria morte e si era alleato col governo per creare un’arma con cui distruggerli.
Tom riesce a salvarsi e si riunisce con i vecchi compagni.

Dopodiché comincia la guerra civile.

Horus contro l’America, per liberarla dalla corruzione; l’America contro i superesseri, mandandogli contro l’esercito, testate nucleari, carri armati, caccia, le nuove Pistole; le Pistole contro Horus e contro l’Esercito.

Una bella storia. Prevedibile, ma bella.
Avatar, ovviamente.

5 agosto 2010 - Posted by | Black summer, comics | , , ,

Al momento, non c'è nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: