La torre di Tanabrus

Did you miss me?

In my mailbox


Bien, prendendo spunto dal post di Francesco provo a dire due parole sulla lodevole iniziativa di In my mailbox, il cui sito principale lo potete raggiungere qui.

Si tratta di sei blogger che hanno deciso di tentare di seguire il modello statunitense per quanto riguarda i blog letterari.
Avevo già parlato in passato di questo modello: case editrici intelligenti, consapevoli che le recensioni di questi blog possono convincere qualcuno a comprare il libro in questione, inviano mensilmente ai blogger le nuove uscite, o le uscite future in anteprima, così da farsi pubblicità a un prezzo davvero modico (il costo della spedizione di un loro libro. O di più di un libro, ancora meglio, così che i blogger possano indire concorsi con in palio il libro in surplus).
Avevo anche fatto presente come sarebbe stato difficile praticare qualcosa del genere in Italia.

Queste sei blogger invece sembrano esserci riuscite, tanto di cappello. E hanno trovato già chi gli ha spedito dei libri, e anche parecchi! Non ho idea di come abbiano fatto, ma complimenti vivissimi, davvero!
Io al massimo sarei arrivato a pensare a un rito celebrato nei campi durante una notte di plenilunio, con Mad Dog a eseguire danze tribali mentre una colonna di cavalieri templari faceva un trenino nel circolo esterno della radura. Immagino che il loro metodo sia stato vagamente più concreto e valido.
Dei loro sei blog conoscevo solo l’ottimo blog urban fantasy di Weirde, ma  ora penso proprio comincerò a seguire anche gli altri cinque.
Trovare blog che parlino di libri è più difficile di quanto sembri, ne ho trovati ben cinque nuovi in un colpo solo… che fortuna!

L’unica cosa che mi lascia un poco perplesso, e che mi ha sempre lasciato un poco titubante anche nei confronti dei blog americani, è il fatto che i blogger si ritrovano a recensire libri speditigli gratuitamente dagli editori. E, visto che la parte forte in questo caso è l’editore, oltre alla riconoscenza per gli omaggi dobbiamo tenere di conto pure la paura che un paio di stroncature possano spingere l’editore a tagliare i rifornimenti.
Voglio dire, io già mi sarei trovato in imbarazzo a dover stroncare il libro speditomi a suo tempo dal gentilissimo Barbi (anche se il pericolo non sussisteva, visto che mi ero già letto la prima edizione e l’avevo apprezzata enormemente), figuriamoci se mi arrivassero mensilmente 5-6 libri da uno o più editori… riuscirei a bocciare un libro che non mi piace? O invece tenderei a sminuirne le negatività, diplomaticamente? O addirittura arriverei a fingere che mi sia piaciuto?
Ma a quel punto, che senso avrebbe il blog?

Lo so, sono campione regionale di seghe mentali e Gran Maestro di complicazioni inutili.
Seguirò con molto interesse questa iniziativa, sono davvero curioso si vedere se i dilemmi che mi ero posto hanno fondamenti o meno.

Inoltre ho scoperto su alcuni di quei blog le videorecensioni, me ne sono innamorato!
Quasi quasi in futuro studierò qualcosa del genere… ma in versione nerd. Un Darth Vader che recencisce un libro, ad esempio, con la sua classica voce modificata dall’elmetto penso sarebbe l’ideale.
O V, certo.
Non sarebbe male nemmeno un idiotissimo pupazzetto a calzino, messo intorno alla mano.
Ma tanto queste cose immagino andranno a cavallo del prossimo anno, quindi per ora state pure tranquilli che non rischiate infarti. Magari guardate invece le videorecensioni di questi blog, sono fatte davvero bene!

Annunci

3 agosto 2010 - Posted by | Altro | , ,

18 commenti »

  1. Mad Dog ringrazia per la citazione. E magari me li spedissero a me i libri gratis da leggere… cosa devo fare immolare qualche blogger al demone cornuto? XD

    X-Bye

    Commento di imp.bianco | 3 agosto 2010

  2. Uhm.. penso basterebbe creare un blog che parli di libri, recensendoli. E poi, dopo aver dimostrato che il blog è attivo e aggiornato almeno settimanalmente, fare richiesta sul sito di In my mailbox per entrare a far parte del gruppo 😉
    Senza bisogno di immolare alcun blogger, purtroppo per il demone cornuto 😛

    Commento di tanabrus | 3 agosto 2010

  3. Interessante iniziativa, ma certo l’inconveniente di cui parli non è inesistente…

    Commento di Francesca | 3 agosto 2010

  4. Che dici, faccio richiesta per i Libri sognanti? OO

    Commento di Azusa | 3 agosto 2010

  5. Azusa, direi proprio di si 😉

    Commento di tanabrus | 3 agosto 2010

  6. Hanno chiuso le iscrizioni per un mese… 😦
    Vabbè, a fine agosto ci provo. ^^

    Commento di Azusa | 3 agosto 2010

  7. Un compito difficile quello che questi/e sei blogger hanno assunto.
    Io un blog che parla di libri ed è aggiornato spesso ce l’avrei anche, in effetti. E non sarebbe la prima esperienza del genere,
    Ho fatto parte di un gruppo di valutazione “anonimo” ovvero chi voleva mandava un suo lavoro (non pubblicato) e otteneva la recensione da un altro non professionista, diciamo da un appassionato come lui: in teoria una cosa interessante, ma non me ne sono mai servito per procurarmi dei lettori che mi aiutassero nelle mie revisioni; mi è toccato invece farne, e la qualità della roba che dovevo leggermi era piuttosto modesta (e anche un paio di vere schifezzze, mi son toccate).
    Con i libri editi dalle case può essere lo stesso anzi ancora di più imbarazzante perché è il lavoro di gente che deve vendere. C’è da perdere in popolarità ad essere troppo sinceri. Forse meglio farlo pagando quello che leggo.

    E comunque potrei offrirmi per un compito simile solo se fosse occasionale (una volta o due all’anno), altrimenti leggerei tanta roba gratis, ma poca di quella che voglio leggere io…

    Commento di bruno | 3 agosto 2010

  8. Andando di corsa ho commesso diverse atrocità grammaticali e di ortografia nel messaggio precedente, e me ne scuso.

    Commento di bruno | 3 agosto 2010

  9. Io nemmeno li avevo notati, questi errori…
    comunque è vero anche il punto che sollevi, cioè il fatto che si leggerebbero diversi libri gratis, ma si avrebbe meno tempo per leggere ciò che interessa.

    Anche se per questo andrebbe visto alla fine quanti libri verranno mandati di media al mese dalle case editrici. E da quante case editrici aderiranno, ovviamente.

    Boh, terrò d’occhio con interesse l’iniziativa, per vedere come proseguirà. Non nego che l’interesse è anche dovuto al fatto che avrei pure una mezza idea di richiedere l’aggregazione al gruppo, ma fortunatamente al momento non ne avrei la possibilità. Così per ora vedrò in cosa consisterà, materialmente, la cosa. Qualche mese dovrebbe essere sufficiente per stabilizzare il tutto, ritengo…

    Commento di tanabrus | 3 agosto 2010

  10. Mah, io non credo che si avranno mai moli eccessive di volumi da leggere, soprattutto se si ha un blog specializzato in un settore.
    Il mio blog letterario riguarda il libri per ragazzi: tutta la letteratura sopra i diciotto anni non è che non mi interessi, ma non la recensirei: immagino che questo diminuisca di parecchio il numero di invii che potrei ricevere e recensire.
    Alla fin fine, credo che il numero degli invvi risulterebbe pareccio spartito.

    Commento di Azusa | 4 agosto 2010

  11. A me interessa nel senso opposto, distribuirò qualche copia del mio romanzo. ^_^

    Commento di CMT | 6 agosto 2010

  12. Ecco un giovane autore, intrapredente e abile a sfruttare la possibilità di farsi conoscere tramite la pubblicità dei blog!
    Ottima mossa, CMT!!! 🙂

    Commento di tanabrus | 6 agosto 2010

  13. Ecco… giovane è un concetto relativo, per il resto magari sì… 😀

    Commento di CMT | 7 agosto 2010

  14. Beh, conta come uno si sente dentro, no? L’importante è essere ggiovini dentro 😛

    Commento di tanabrus | 7 agosto 2010

  15. eh… eh… videorecensioni? Immagino che parli della carissima Anita. In effetti sono sfiziose e, il poter vedere il volto di chi sta parlando è utile per capire se la recensione è onesta o… come dici tu, grata per l’omaggiare di libri da parte delle case editrici.

    Riguardo ad Anita non ho dubbi. Lei fa le cose fatte per bene… ^_^

    Ho sentito che anche Giunti sta organizzando una cosa simile… un team di recensori, mi sembra, a cui si può aderire attraverso un sito pensato appositamente. Boh.

    Io, nel mio piccolo, ricevo libri solo da un editore… e già faccio fatica a leggerli in tempi decenti, visto poi che vorrei anche leggere testi di altre case editrici e qualche ebook che trovo tra gli esordienti. A volte mi domando come fa Anita, e come fanno i suoi compari del gruppo “in my mailbox”

    Commento di Gloutchov | 8 agosto 2010

  16. Esattamente, le ho notate sui blog di Anita e di Yuko.

    Per Giunti invece la cosa è già abbastanza progredita, riguarda le serie Young (infatti il progetto si chiama Y-team).
    http://y.giunti.it/y-team

    Commento di tanabrus | 8 agosto 2010

  17. Tan mi ha preceduro, per la Giunti. Anche Yuko, comunque, fa delle belle videorecensioni: io preferisco ancora leggere, però.
    [Strano, no, Tan? ]

    Commento di Azusa | 9 agosto 2010

  18. Stranissimo… dopo Pisa mi stupisco tu guardi film, telefilm e anime, invece di leggerne gli script e le battute 😀

    Commento di tanabrus | 9 agosto 2010


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: