La torre di Tanabrus

Did you miss me?

Bone 8: Cacciatori di tesori


 

Ci stiamo avvicinando alla conclusione, ancora due numeri e l’epopea dei cugini Bone giugnerà a termine. Un’epopea che, andando avanti con i volumi, si fa sempre più fantasy e cupa.

Sono lontani i tempi in cui pensavo “oh, guarda che buffi questi Bone… sono di chiara ispirazione Tolkeniana, paiono hobbit scagliati nel mondo esterno. E la loro estraneità al resto del mondo è evidenziata perfettamente dall’aspetto buffo”. Sono lontani anche i tempi in cui ogni cinque pagine si rideva per una scenetta comica tra Phoney e Smiley, o per la buffa nonna Ben e il burbero Lucius.

Adesso il Signore delle Locuste è parzialmente tornato nel mondo, proprio ora che i draghi sono scomparsi. Il misterioso Incappucciato, che serve il Signore delle Locuste, si è rivelato essere Briar, una delle due sorelle reali. Thorn, presa coscienza del suo ruolo di principessa, si è diretta alla capitale in incognito, assieme ai Bone e alla nonna, ma qui troverà una situazione critica.

Corruzione e brama di potere hanno trasformato la città, mettendo al bando il culto dei draghi e la famiglia reale che era loro alleata. I nostri si ritrovano a essere clandestini, ribelli, con la necessità di conquistare il potere quanto prima per sperare di poter resistere all’imminente attacco dei Rattodonti e dei loro alleati umani. Tutti tranne, ovviamente, Phoney Bone che invece punterà dritto alla ricerca del tesoro della famiglia reale, riucsendo a far soldi anche in questa situazione. E altrettanto ovviamente Smiley riuscirà, incredibilmente, a intrufolare in città il suo cucciolo di rattodonte.

I momenti comici sono sempre meno, la guerra è alle porte e i nostri sono nella situazione più cupa che si possa immaginare. La speranza per il mondo pare risiedere in Thorn, nella misteriosa Corona di corni, in Fone Bone che era stato in un cerchio assieme a Thorn, nei draghi. Ma non escluderei un salvataggio inaspettato da parte di Phoney Bone.

I disegni sono perfetti, e la fantasia di Smith gli fa creare personaggi assurdi su personaggi assurdi. La colonia delle api, per esempio, o la doppia pagina con tutti i tipi di abitanti della città…

Semrpe più fantasy, e sempre più bello.

15 luglio 2010 - Posted by | Bone, comics | , , , , ,

Al momento, non c'è nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: