La torre di Tanabrus

Did you miss me?

Dungeons and Dragons


Ok, ok, è vero.
Dungeons & Dragons è istigazione a delinquere nel puro powerplay, e il mio buon vecchio Tanabrus ancora gongola pensando ad esempio a quando, svegliandosi di notte per uno strano rumore, ha scorto una colonna di goblin diretta al suo accampamento… sempre saggio dormire sugli alberi. Sempre saggio levitare alle loro spalle e friggerli tutti insieme con un fulmine, senza nemmeno svegliare i compagni.

Ed è vero, D&D dipende totalmente dai dadi. Manca di interpretazione, di profondità. Se diventa realistico, diventa totalmente meccanico e una mattonata sui testicoli.
E’ verissimo, sarebbe inutile negarlo.

Ma D&D è il primo amore, quello che non si dimentica mai.
Sono le serate in compagnia degli amici, a cercare di capire come funziona e se può esistere un elementale della ragnatela.
Sono le giornate intere passate tra il gioco di ruolo, i videogame, una partita a calcio e una pizza, con un giocatore più esperto a insegnarti cosa vuol dire immergersi in una storia e cominciare a creare realmente il tuo personaggio.
Sono i pomeriggi ritagliati in qualsiasi posto avesse un tavolo, per far progredire personaggi che ormai vivevano di vita propria.

Cioè, il mio nickname in rete è ancora il nome del mio mago, nato al liceo quasi per scherzo e cresciuto negli anni fino a diventare il simpatico sadico vestito di nero con un teschio umano al collo che tutti conoscono (più o meno). Mi pare ovvio che D&D mi abbia segnato.
Ha influito anche, e non poco, nel mio legame d’amore con il fantasy. Ho riscoperto vecchi libri dei Forgotten Realms ricevuti da piccolo, ho riletto i libri di Shannara che mi ero comprato e ho completato le saghe, ho incontrato Tolkien e Jordan e Martin…

Potete immaginare quindi quale sia stata la mia reazione alla notizia che la IDW sta per cominciare un fumetto dedicato a Dungeons and Dragons. Cioè, wow! magari sarà tradotto anche in Italia, così da non dovermi procurare una volta l’anno i numeri arretrati agli stand americani di Lucca Comics.

Si, le probabilità che sia una cagata mostruosa sono alte. La scenetta con l’elfo che sbuca dalla vegetazione con lo scambio di battute sulle scorciatoie non sembra beneaugurante, ma sono un romanticone per certi versi e malgrado tutto la cosa mi emoziona lo stesso…

Annunci

2 luglio 2010 - Posted by | comics | , ,

3 commenti »

  1. Mmmmmm vediamo che ne viene fuori dai. Temo sarà una cagatella ma non si può mai dire, del resto basta uno sceneggiatore con delle buone idee per tirarne fuori qualcosa di molto carino.
    Comunque sì: provati altri, ma il D&d resta il primo amore, tanto è vero che da qualche mese lo sto rigiocando 🙂

    Commento di fed | 2 luglio 2010

  2. D&D è molto cambiato (=peggiorato) nel corso degli anni e con l’evolversi delle versioni, ma l’interpretazione ha poco a che fare col sistema di gioco. Per quanto D&D possa essere poco realistico e le ultime edizioni spingano più a costruire personaggi eroici per usarli combattimento piuttosto per interpretarli come la R di Ruolo di GdR indica questo non vuol dire che impediscano a chi vuole giocarli come si deve di farlo. Ovviamente lungi da me difendere D&D o il suo padrone con questo post (non avrei creato un GdR mio se mi piacesse), volevo solo puntualizzare questo mio punto di vista sulla cosa.
    Riguardo al fumetto non so. Una volta ne uscì uno con Kaos che era divertente e in fondo nei Dragon ci sono stati per anni fumetti a puntate.

    Commento di Archmage | 3 luglio 2010

  3. Certo, ognuno poi lo gioca come vuole e a seconda del gruppo e del master si può puntare maggiormente sull’interpretazione.
    Ma essendo un sistema basato sulle meccaniche di statistiche e dadi, o il Master si inventa nuove regole personali per dare bonus\malus numerici a seconda dell’interpretazione offerta, o l’interpretazione resta fine a sé stessa…

    Comunque il mio non è certo un attacco, rimarrò sempre legato a D&D. Ma lo apprezzo come posso apprezzare adesso un Duke Nukem 3D, o un Quake, o un Doom, o un UT… consapevole che si tratta di qualcosa basato sul PP, per divertirsi distruggendo e massacrando nel modo che ci risulta più congeniale.

    Commento di tanabrus | 4 luglio 2010


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: