La torre di Tanabrus

Did you miss me?

Hero tales 1


Ecco arrivato il nuovo manga dell’autrice di Full Metal Alchemist, proprio mentre in patria FMA dovrebbe avviarsi alla conclusione (e Aplhonse ha appena fatto una scelta che… ma evitiamo di spoilerare su altre serie così, a tradimento…).

I disegni direi che mostrano chiaramente la parentela tra le due serie, fin dal primo piano del protagonista Taito in copertina. Il tratto direi che è inconfondibile.
Ma la cosa è anche ovvia, del resto.

E’ la storia in sè che mi ha lasciato un poco perplesso.
Sette guerrieri leggendari, dotati di poteri straordinari… ma sette guerrieri legati alle sette stelle dell’Orsa Maggiore, ognuno sotto una di queste stelle.
E così scopriamo che Taito è Hagun, una delle stelle alle due estremità. Una delle due stelle che si contenderanno il dominio sulla terra.

Sarò io malfidato, ma mi ricordo un certo Toki nato sotto la stella della pietà, un certo Raul nato sotto la stella della violenza, sei certi guerrieri protetti da sei stelle. E c’era anche un tizio sotto la stella della morte, che aveva addirittura una cicatrice sul petto dalla forma della costellazione dell’Orsa Maggiore.
Ricordo pure che questo tizio, quando si arrabbiava e usava il suo potere, veniva circondato da una strana aura che gli strappava l’abito di dosso.

Ecco, lasciando stare il parallelismo personaggi-stelle che ci può anche stare, e ipotizzando che la scelta dell’Orsa Maggiore abbia qualche motivazione differente dal richiamare Hokuto no Ken, la cosa che mi lascia molto perplesso è stata vedere il protagonista che, quando utilizza in combattimento il suo potere seriamente e diventa una specie di berserk… beh, viene circondato da un’aura che incenerisce una foglia che gli tocca la spalla, e gli distrugge l’abito.

Ecco, questo  a mio avviso è un voler far vedere ai lettori Hero tales come una sorta di successore di Ken Shiro.
E la cosa non mi piace per niente.

Per il resto niente da dire, siamo solo al primo volume e si deve ancora entrare nel vivo della storia, anche se il fatto che Arakawa lavori sulla sceneggiatura di un altro, che a sua volta lavora sulla storia di un gruppo, non mi fa ben sperare. Ma chissà… comunque tentare non nuoce, visto che questo primo numero fino a fine mese costa solo 1,90 €

Per ora comunque sarei sul disilluso andante, se il prossimo numero continuerà a strizzare l’occhio a Ken invece di puntare sulla sua storia per me sarà anche l’ultimo.

Annunci

18 maggio 2010 - Posted by | Hero Tales, Manga | , ,

5 commenti »

  1. Proprio per i “problemi” evidenziati da te, in Giappone Hero Tales non è piaciuto.
    La Harakawa (che per me è una delle mangaka più brave e talentuose del panorama nipponico) in quattro anni ha “sfornato” solo 3 volumi di questo manga. E causa insuccesso, lo chiuderà col quinto.

    E comunque, la storia è veramente bruttina.
    Peccato.

    Commento di sommobuta | 18 maggio 2010

  2. Ah, ok.
    Allora la casso immediatamente.

    Ma a questo punto mi sfugge il senso di presentarla in Italia…

    Commento di tanabrus | 18 maggio 2010

  3. Che domande, per sfruttare la popolarità dell’autrice puntando sul fatto che la gente lo comprerà solo perché è della Arakawa. ^^”

    Commento di Francesca | 18 maggio 2010

  4. Ehi, ho letto che la Arakawa ha intenzione di riprendere la pubblicazione di Hero Tales!

    Commento di Francesca | 17 giugno 2010

  5. uhm… direi peggio per lei. Il primo mi è bastato 😡

    Commento di tanabrus | 17 giugno 2010


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: